Stucco per legno

 

Vuoi ridare nuova vita ad un oggetto in legno? Devi riempire i buchi nel legno? Scopri tutto sullo stucco per legno: cos’è, quale scegliere e come si applica.

carta-abrasiva-per-legno (1)

Se sei un appassionato di fai da te e bricolage, lo stucco per legno è senza dubbio uno dei prodotti con cui almeno una volta ti imbatterai. Stuccare il legno è un’operazione spesso necessaria per gli amanti delle piccole creazioni, dal modellismo ai piccoli restauri passando per i più vari lavoretti da casa.

Vi sarà capitato di dover lavorare delle superfici di legno piene di buchi e imperfezioni lasciate da viti, chiodi e tarli. Porre rimedio a queste crepe e fratture è possibile applicando lo stucco per legno, consentendovi così di non rinunciare al vostro hobby preferito. Ecco una guida su come usare questo prodotto così utile.

stucco-per-legno_NG1 (1)

Stucco per legno: cos’è

Lo stucco per legno è una pasta cremosa e malleabile pensata per chiudere i buchi e le crepature del legno. In commercio è possibile trovare vari formati, sia piccoli che grandi, a seconda delle esigenze singole.

Un aspetto importante quando parliamo di stucco per legno è il colore. Esso può essere ottenuto miscelando determinate tonalità a quella di partenza, unendo così differenti stucchi colorati per arrivare alla definitiva tinta da applicare sul legno.

Ci sono stucchi già pronti per essere applicati, con effetto adesivo immediato, e altri da miscelare prima di essere stesi sulla superficie legnosa, grazie all’aggiunta di appositi additivi che ne aumentano la presa.

Uno dei suoi maggiori utilizzi avviene nel campo del restauro, del modellismo e della riparazione di mobili in legno. Usura, chiodi e viti, tarli: tutti elementi nocivi e dannosi che possono bucare e crepare la superficie del legno.

Lo stucco per legno è adatto per stuccare sia interni che esterni, dalle persiane agli infissi, dalle staccionate ai mobiletti, senza differenza tra oggetti di antiquariato e moderni. Basta che siano composti a legno. Un’accortezza molto importante: al momento dell’acquisto assicuratevi bene che lo stucco che avete appena acquistato sia per legno (spesso, ma non sempre, è specificato sulla confezione.)

La differenza con lo stucco normale è apparentemente nulla, ma nella stesura e nella fase di asciugatura potreste avere problemi. Inoltre alcuni stucchi normali non si adattano al legno, anzi rischiano di rovinarlo.

Come-stuccare-il-legno-1280×720

Stucco per legno: preparazione e scelta

Prima di applicare lo stucco è necessario preparare il legno: procurati innanzitutto della carta vetrata a grana grossa, con la quale grattare la superficie da trattare. Rimuovi eventuali chiodi, viti, residui di oggetti e vecchie vernici.

Lisciata la superficie e liberato il campo, è il momento di capire lo stato del legno. Da questa attenta analisi dei danni sarai in grado di scegliere lo stucco per legno più adatto alle tue esigenze. Puoi scegliere tra differenti tipi di stucco per legno. Lo stucco bicomponente è versatile e molto gettonato per le ricostruzioni di crepe, fessure e spaccature. La sua ottima capacità di adattarsi alla superficie lo rende uno dei più utilizzati, anche dai principianti.

Inoltre lo stucco bicomponente è facile da verniciare, indurisce rapidamente e può essere usato anche per riparare buchi di grosse dimensioni. In questo caso ti consigliamo però di aggiungere un primer apposito, per migliorarne l’aderenza al legno.

Un altro stucco ottimo, ancora più mirato per ricostruire la superficie rovinata del legno, è lo stucco riparatore, perfetto per lavori di grande recupero. Per mobili antichi, ti suggeriamo uno stucco a ceralacca, per non rovinare le superfici datate. Esse inoltre non creano effetto avvallamento e possono essere lucidate dopo l’applicazione. Un ultima variante è rappresentata dallo stucco per parquet, destinato a questo particolare e sempre più diffuso materiale per pavimenti.

Eq0e5s7XEAc_WzC

Stucco per legno: come si applica

Se hai acquistato un premiscelato, il tuo stucco per legno è pronto all’uso, altrimenti se fosse un bicomponente devi aggiungere un catalizzatore che consenta al prodotto di indurirsi e andare a riempire buchi e fessure.

Mescola il prodotto con una spatola liscia di adeguata dimensione (in base alla superficie da trattare) e inizia a stendere lo stucco sul legno. Abbi cura di eliminare il prodotto in eccesso lasciando però sempre un pochino di materiale in surplus, evitando avvallamenti e sbalzi sulla superficie.

Per i buchi molto piccoli e per le crepe quasi impercettibili, difficili da riempire con la spatola liscia, c’è un trucco. Ti suggeriamo di provare le bacchette di stucco rapido in cera: ideali per lavoretti di ritocco, fori stretti o in posizioni scomode.

Le si possono trovare di differenti colori, dovrai solo scegliere quella che più si sposa al colore che andrai ad applicare in fase di verniciatura.

Lascia asciugare il prodotto per due o tre ore, tempo che può allungarsi o accorciarsi a seconda della temperatura. Più essa è calda più lo stucco asciugherà in fretta. Una volta asciutto, prendi di nuovo la carta vetrata e gratta la superficie indurita. Tolto lo stucco in eccesso, la superficie è liscia e pronta per la verniciatura.

stucco-per-legno_oit_121640

Stucco per legno: immagini e foto

Ecco alcune immagini di questo prodotto fondamentale per ogni appassionato di fai da te, essenziale per ridare vita e splendore ai vostri vecchi mobili.