Riciclo della plastica: Ue in ritardo, ma l’Italia sorride

L’Italia è tra i Paesi europei  più virtuosi per quanto riguarda il riciclo dei rifiuti di plastica. Serve comunque un cambio di passo in grado di migliorare il quadro generale. 

riciclo plastica italia
Photo by pasja1000 – Pixabay

L’Europa procede a rilento nel riciclo della plastica. E’ questo quanto emerge da un recente studio intitolato “Exploring the EU plastic value chain: a material flow analysis”, realizzato in collaborazione da alcuni ricercatori appartenenti al Joint Research Centre della Commissione europea (JRC) e al Politecnico di Milano.

Riciclo della plastica: Ue in ritardo, ma l’Italia sorride

rifiuti plastica italia
Photo by PublicDomainPictures – Pixabay

Per portare a termine la propria indagine, pubblicata in questi giorni su Resources, Conservation and Recycling, gli studiosi hanno preso in esame il flusso di materiali riferito a tutta la catena del valore della plastica all’interno dell’Unione europea nel corso del 2019.

In particolare sono stati analizzati 10 polimeri e 9 settori, tra cui imballaggio, edilizia, trasporti, agricoltura ed elettronica. In più la ricerca ha fornito anche informazioni dettagliate su quei settori solitamente meno esplorati, come la pesca e la sanità.

E’ emerso che durante il 2019 sono state utilizzate dall’industria manifatturiera europea circa 4,5 megatonnellate di plastica riciclata, con un tasso medio di riciclo dei rifiuti equivalente a circa il 17%. Per quanto riguarda la plastica non gestita correttamente il primato spetta al settore dei trasporti e dell’elettronica. Durante la fase di utilizzo si è registrata la maggior parte di perdite totali di micro e macroplastica, con una percentuale pari al 39%. I risultati pongono inoltre in risalto ruolo di prim’ordine degli imballaggi, che rappresentano circa il 40% della plastica prodotta nell’Ue.

In quadro generale piuttosto desolante va sottolineato il fatto che l’Italia riesca a distinguersi in maniera positiva. Prendendo infatti in considerazione i dati Corepla, si scopre che nel Belpaese, durante il 2022, circa 1,05 milioni di tonnellate di plastica, pari al 56,15%, sono state avviate a riciclo dopo la raccolta differenziata.

Necessari ulteriori sforzi

riciclo plastica ue
Photo by TheDigitalArtist – Pixabay

Questa strategia virtuosa si è tramutata in un un risparmio energetico equivalente a 10.946 GWh, ossia il 2,5% circa della produzione annua di energia primaria in Italia. Inoltre, sempre nel corso del 2022, 437.854 tonnellate di imballaggi plastici sono state avviati a recupero energetico, di cui 114.616 tonnellate di materiali smaltiti in discarica.

I ricercatori, basandosi sull’orientamento delle politiche dei rifiuti Ue,  hanno anche elaborato alcuni scenari semplificati per la catena del valore della plastica nel 2025:

L’impatto maggiore si otterrebbe aumentando la raccolta differenziata dei rifiuti di plastica, del 30% per gli imballaggi e del 25% per quelli automobilistici, elettronici ed elettrici. Questo scenario porta a un consumo stimato di plastica riciclata pari a 6,47 megatonnellate entro il 2025, con un aumento del 45% rispetto al 2019. Quando si combinano più azioni (come la riduzione dell’esportazione di rifiuti e l’aumento della raccolta differenziata, presupponendo che tra il 69 e il 93% dei rifiuti raccolti separatamente venga differenziato per il riciclaggio e tra il 60 e l’85% dei rifiuti differenziati venga riciclato), il consumo di plastica riciclata potrebbe raggiungere l’obiettivo approvato dalla Circular Plastic Alliance (CPA).

Riassumendo, con maggiore determinazione e impegno si possono raggiungere obiettivi green e aumentare la circolarità della plastica.

Per soddisfare le ambizioni dell’Ue e gli obiettivi di azione del settore come l’obiettivo Ue/CPA, sono necessari sforzi significativi per migliorare la granularità dei dati per una panoramica completa dei flussi di plastica nell’Ue. Tali miglioramenti potrebbero includere dati migliori specifici per settore e per polimeri per settori meno esplorati (come tessile e abbigliamento, pesca o assistenza sanitaria) insieme a una conoscenza approfondita della plastica riciclata e del suo destino, nonché delle perdite e dei flussi e la cattiva gestione di rifiuti. Considerando questi impegni chiave per azioni a livello Ue, un miglioramento e un ripensamento della catena del valore della plastica è obbligatorio e dovrebbe essere guidato da una conoscenza aggiornata di tutti i suoi numerosi hotspot

suggerisce in conclusione lo studio.

Riciclo plastica, l’Italia sorride: foto e immagini