Legambiente e Ambiente Italia rivelano: gli ecosistemi urbani in Italia non migliorano

Autore:
Elisa Cardelli
  • Autore - Laurea in Semiotica

Un recente report di Legambiente e Ambiente Italia ha reso noto che negli ultimi 30 anni ci sono stati ben pochi miglioramenti relativi ai sistemi urbani italiani. La situazione nelle città del nostro Paese infatti continua ad essere preoccupante anche se alcune zone mostrano una criticità in diminuzione.

Guarda il video

Città, Italia
Photo by spalla67 – Pixabay

Le città italiane continuano a mostrare numerose criticità che di certo non lasciano ben sperare visto che con il passare degli anni le cose continuano a non migliorare. Lo smog, le auto, i trasporti pubblici poco numerosi e gli sprechi d’acqua continuano infatti a mantenere la situazione drastica e preoccupante. A mostrare quanto le cose non siano per nulla rosee è un recente report di Legambiente e Ambiente Italiano che ha il titolo di Rapporto Ecosistema Urbano 2023.

Il Rapporto Ecosistema Urbano 2023: cosa è emerso?

Mantova, Città
Photo by tosco3000 – Pixabay

Il Rapporto Ecosistema Urbano 2023 – realizzato da Legambiente insieme ad Ambiente Italia e Il Sole 24 Ore –  ha indagato sulla situazione ambientale in 105 Comuni capoluoghi italiani. Per ottenere una classifica, sono stati tenuti in considerazione 19 indicatori che fanno parte di sei aree tematiche differenti ossia acqua, rifiuti, aria, mobilità, energia e ambiente urbano.

In cima alla classifica di questa edizione troviamo Trento che ha una percentuale di 85,9%: una buona performance che comunque ancora è lontano dall’ideale 100% per quanto concerne la situazione ambientale.

Bene anche Mantova e Pordenone – rispettivamente al secondo e al terzo posto – che in generale mostrano quanto il Nord Est Italia sia al top. Per quanto riguarda il Sud, si deve attendere il settimo posto di Cosenza per trovare il primo capoluogo.

Le principali città italiani si trovano invece indietro in questa classifica. Venezia è undicesima, Bologna è ventitreesima mentre Milano è quarantaduesima e Roma solo ottantanovesima.

La classifica si chiude con Caltanissetta, Catania e Palermo.

La situazione non è ottimale

Aria
Photo by ELG21 – Pixabay

Dal rapporto emerge una situazione preoccupante in particolare per quanto riguarda la qualità dell’aria. Sono infatti aumentate le città che presentano criticità a causa di concentrazioni di polveri sottili.

Anche le perdite idriche non stanno andando bene: il 36% dell’acqua potabile infatti non arriva ai rubinetti degli italiani.

Preoccupa poi il consumo del suolo e anche il tasso di motorizzazione di tanti comuni in Italia. Fa riflettere come ancora la nostra nazione si trovi ai vertici europei riguardo l’uso di mezzi privati per il trasporto.

Ci sono alcuni aspetti positivi

Per fortuna, il rapporto mostra anche alcuni aspetti positivi. Migliorano infatti le cose per quanto riguarda la raccolta differenziata e anche per quanto concerne le piste ciclabili e le isole pedonali che continuano ad aumentare di numero sul territorio italiano.

Anche se questi aspetti migliorano rispetto ad anni fa, comunque ci si trova ancora lontano da tanti altri paesi europei.

Legambiente e Ambiente Italia rivelano: gli ecosistemi urbani in Italia non migliorano: foto e immagini

Il recente report ha mostrato come la situazione degli ecosistemi urbani in Italia sia tutt’altro che idilliaca. In questo articolo abbiamo compreso i dettagli di quanto emerso dal rapporto Legambiente e Ambiente Italia, ora possiamo allora prenderci un istante per scorrere la galleria immagini realizzata qui di seguito.