Gennaio torrido: registrate temperature da record in Spagna!

Autore:
Valentina Sole
  • Autore specializzato in tematiche ambientali

Caldo record in Spagna: la temperatura ha sfiorato i 30 gradi, ma siamo solo a Febbraio.

Riscaldamento
Photo by Tumisu – Pixabay

L’Europa sta vivendo un inverno anomalo: da giorni si registrano temperature estive, prevalentemente nelle regioni che caratterizzano Spagna e Francia. Questi dati destano non poche preoccupazioni.

Una calda estate invernale: Spagna da record!

Sono allarmanti i dati rilevati nelle ultime settimane: la Spagna, insieme alla Francia, è protagonista di una particolarissima ondata di calore, quasi estivo.

Lo scorso 25 gennaio, Malaga e Valencia hanno registrato temperature tipicamente estive: il termometro ha oscillato tra i 27 ed i 30°C, e a riferirlo è l’agenzia meteorologia Aemet, il servizio meteorologico nazionale della Spagna accreditato presso l’Organizzazione Meteorologica Mondiale.

Il servizio Copernicus afferma che si tratti, in assoluto, del gennaio più caldo di sempre, almeno per il continente europeo.

Infatti, nella stessa giornata sono stati registrati:

  • 8°C a Malaga
  • 5 °C a Murcia
  • 5° C a Valencia

Superati i 20°C per circa 400 stazioni metereologiche, anche in montagna dove il caldo ha colpito anche le piste da sci, stupendo gli sportivi ed appassionati!

meteo-estate
(ph credit Pixabay)

Il meteo impazzisce, anche in Italia

Non solo la Spagna, ma anche altre parti d’Europa, tra cui il Belpaese, stanno vivendo un periodo di temperature insolitamente miti per il mese di gennaio.

In Francia, il 24 Gennaio, alle 6 del mattino, Parigi registrava 15°, una temperatura tipicamente primaverile, mentre il 25 gennaio, sono stati registrati 25,8°a Ceret, 22,7° a Le Luc e 25,6° a Vives,nei Pirenei orientali.

I cugini francesi hanno ha quasi raggiunto il record di Eus, che nel 2013 toccò i 26.3°!

La Svizzera italiana non è da meno: ha visto salire il termometro fino a 21,9° a Biasca nel Canton Ticino e, in Italia, abbiamo avuto un vero assaggio di primavera in Sardegna, ma anche in Sicilia.

Infatti, a Catania si sono raggiunti i 19.2° mentre Cagliari ha sfiorato i 20°!

I danni collaterali di una temperatura fuori stagione

Le temperature troppo calde, fuori stagione, sono causa di danni collaterali significativi che impattano sull’ambiente e sulla salute dell’uomo.

Il cicli biologici delle colture vengono messi a dura prova, le risorse idriche vedono una concreta minaccia, flora e fauna rischiano di non riuscire ad adattarsi prontamente, subendo pericolosi cambiamenti comportamentali come nel caso dello stambecco delle alpi.

Un aumento eccessivo di caldo può comportare l’insorgere di pericolosi incendi boschivi, mentre le risorse energetiche e le infrastrutture potrebbero subire stress a causa di una situazione anomala.

L’importanza di agire

Ad ottobre 2023 la temperatura cresceva a dismisura, toccando valori da record, ma la situazione sembra non voler migliorare.

Siamo solo a Febbraio, immaginiamo il caldo torrido di un”estate a Valencia, dove i mesi estivi vedono temperature medie diurne variare tra i 28 e i 35° e, durante le giornate più calde,  picchi che superano i 40°.

Questa ondata di caldo record sottolinea la necessità di un’azione tempestiva che permetta di affrontare, con grande consapevolezza, il cambiamento climatico.

È imperativo implementare misure adeguate che mitighino gli effetti del clima sull’ambiente e che promuovano anche la sostenibilità e la resilienza delle comunità locali.

Attraverso un impegno concreto e collettivo è possibile preservare l’ambiente, per noi ma anche, e soprattutto per le generazioni future.

Potrebbe interessarti 11 lavori da fare in casa a gennaio

Gennaio torrido: registrate temperature da record in Spagna! Foto e immagini