Pomacee difesa primaverile

Paola Palmieri
  • Dott. in Scienze della Comunicazione

Pomacee difesa primaverile: quali sono i parassiti e le malattie che attaccano queste piante? Quando è bene eseguire i trattamenti? Quali prodotti utilizzare contro l’oidio, la ticchiolatura e gli afidi? Scopri di più con noi di Casa e giardino nel corso dell’articolo. 

Melo

Prima di entrare nel vivo della questione, appare doveroso fare un piccolo passo indietro e comprendere appieno il mondo che si cela dietro il termine Pomacee. Tanto per cominciare le Pomacee (o pomaceae) appartengono alla famiglia delle Rosaceae e alla sottofamiglia delle Maloideae.

Parliamo di un termine usato in agronomia per indicare un raggruppamento che include le piante da frutto che producono come frutto un pomo (appunto). Appartengono alle Pomacee le seguenti specie:

  • melo
  • pero
  • nashi
  • cotogno
  • nespolo comune
  • nespolo del Giappone
  • sorbo domestico
  • azzeruolo.

Tali piante vanno difese preventivamente dall’attacco dei vari parassiti: in che modo? Attraverso opportuni e periodici trattamenti specifici controllati che, in primavera, ostacolano la loro fioritura e l’allegagione dei frutti.

Vediamo insieme qual è il periodo ideale e come è giusto procedere. Ma prima perché farlo.

Mele, Cotogne

Pomacee difesa primaverile: perché è importante

Greenhouse,

Effettuare dei trattamenti sulle piante è di fondamentale importanza per preservarne il benessere. Tali trattamenti, tuttavia, hanno bisogno di una precisa calendarizzazione.

Infatti, così come la difesa fitosanitaria invernale delle piante da frutto è indispensabile per proteggere in modo tecnicamente appropriato i frutteti dalle malattie che li insidiano in fase di riposo vegetativo. Altrettanto indispensabili appaiono gli interventi primaverili (quelli cioè da compiersi nel trimestre 15 marzo-15 giugno) per una serie di motivi. Vediamone insieme alcuni:

  • vi sono alcuni parassiti, tanto per cominciare, che si possono combattere solo in primavera (ad esempio antonomo dei fiori del melo, tentredini, ecc.);
  • parassiti, sia animali che vegetali, la cui virulenza è massima durante la primavera (ticchiolatura, oidio, afidi);
  • vi sono alcuni parassiti, infine, che se trascurati nel periodo primaverile provocano conseguenze tali per cui non avranno effetti successivi trattamenti alle piante. O, al contrario, se effettuati in primavera – nel periodo cioè di massimo sviluppo vegetativo delle piante – riducono la necessità di ulteriori trattamenti (ad esempio lotta contro il baco delle pomacee).

Nel periodo primaverile, pertanto, qualunque trascuratezza o mancanza di difesa si dovesse verificare potrebbe causare la perdita totale del raccolto. Vediamo insieme come procedere.

Pomacee difesa primaverile: quando e come effettuare i trattamenti

Calendario

I trattamenti sulle pomacee si effettuano all’inizio primavera e dopo la fioritura. Trattamenti nello stadio orecchiette di topo (stadio fenologico delle pomacee in cui le gemme sono appena schiuse e le prime foglioline hanno l’aspetto che ne giustifica il nome) si effettuano ogni 7/10 giorni. In che modo? Quel che ti consigliamo è di procedere con:

Ditahane + Systhane 12 E contro la ticchiolatura e l’oidio + Orthene S- Actellic 25 contro ricamatori.

In piena primavera e cioè quando c’è piena fioritura delle piante di Pomacee, ti spieghiamo step by step come procedere. 

In questa fase, infatti, come avviene per le drupacee e tutti gli altri alberi da frutto, è necessario sospendere tutti i trattamenti antiparassitari e anticrittogamici per rispettare gli insetti bottinatori come le api che abbiamo imparato essere preziosi alleati.

Di contro, terminato il periodo di piena fioritura e vale a dire in primavera inoltrata, a fine fioritura e durante la fase dell’allegagione (periodo dello sviluppo dei frutti) si effettuano dei trattamenti antiparassitari contro oidio, ticchiolatura e non solo. Ogni 7/10 giorni è necessario pertanto che le pomacee vengano trattate con prodotti specifici. Di seguito te en elenchiamo alcuni:

Dithane DG + Systhane 12 E contro oidio e ticchiolatura; Orthene S- Cymbush 5 L contro afidi.

In ultimo, ti raccomandiamo di non mescolare mai gli antiparassitari tra loro e di evitare i trattamenti nelle giornate ventose o che minacciano pioggia. Ogni trattamento per dilavamento andrebbe via!

Pomacee difesa primaverile: le malattie più comuni

Mela

Infine, una breve guida sulle più frequenti malattie che colpiscono queste piante.

Ticchiolatura

La ticchiolatura si presenta con macchie circolari più o meno estese presenti sulla pagina superiore fogliare che tendono poi a disseccare completamente. Potresti notare anche delle depressioni necrotiche in corrispondenza della macchia.

Oidio

Se la pianta è colpita da oidio, la foglia si ricopre di una polvere bianca, in parte o totalmente. Nel rimuovere la polvere bianca, le spore andranno via mentre la superficie sottostante rimarrà nerastra.

Acari

Gli acari sono dei piccoli ragnetti visibili a occhio nudo. Li puoi trovare principalmente nella parte inferiore fogliare con presenza di aree scure a causa delle punture. La foglia si accartoccia e cade.

Cocciniglia

Ben visibili ad occhio nudo: di forma circolare e di dura consistenza. Si trovano sui rami, sulle foglie e sul frutto sul quale è facilmente riconoscibile per la presenza di puntini di un colore rosso vivace.

Afidi

L’afide, infine, è anch’esso ben visibile ad occhio nudo e può essere: lanigero con presenza della classica “lana”, verde con foglie accartocciate o grigio con un tipico accartocciamento fogliare e margini orientati in basso.

Pomacee difesa primaverile: foto e immagini

Ora che hai capito bene i meccanismi giusti da seguire per aiutare le tue piante in primavera è tempo di mettersi al lavoro. Che ne dici prima di compiere un ultimo passo insieme a noi? Sfoglia pure le immagini che abbiamo inserito nella galleria fotografica che segue e lasciati ispirare.