Phygelius (Fucsia del Capo)

Revisore:
Laura Bennet
  • Docente sc. biologiche
Autore:
Elisa Cardelli
  • Autore - Laurea in Semiotica

Il Phygelius, conosciuto anche come Fucsia del Capo, è una pianta molto rustica che si può coltivare senza problemi in giardino per ammirare la sua fioritura così appariscente. Vediamo quali sono le necessità di questa specie in maniera tale da non commettere errori quando la si coltiva.

Phygelius-09
Photo by FarOutFlora – Flickr

Il Phygelius – conosciuto anche con il nome di Fucsia del Capo – è una pianta rustica che si può coltivare in giardino senza dover prestare particolari attenzioni. La rusticità di queste piante consente dunque anche a chi non ha il pollice verde di rendere il proprio spazio vedere più curato e colorato grazie agli splendidi fiori che la caratterizzano.

Phygelius-10
Photo by Don Barrett – Flickr

Caratteristiche generali del Phygelius (Fucsia del Capo)

Phygelius-08
Photo by Lotus Johnson – Flickr

Il Fucsia del Capo appartiene alla famiglia delle Scrophulariaceae ed è originaria del Sud Africa (il suo nome è infatti legato a Capo di Buona Speranza che si trova in quella nazione).

Si tratta di un arbusto rustico e cespuglioso che arriva ad un’altezza fino a un metro e mezzo ed è caratterizzata da fiori veramente apprezzabili per il loro aspetto. La fioritura dura per tutta l’estate e in genere è formata da fiori a campanula rivolti verso il basso che hanno un colore che può essere violetto, fucsia, giallo, rosso pallido, bianco crema, magenta o rosa.

Prima di iniziare a coltivare la pianta è bene sapere che si diffonde con steli anche sotterranei e dunque può diventare aggressiva nei confronti delle altre piante presenti nel giardino.

Coltivazione

Phygelius-07
Photo by FarOutFlora – Wikimedia Commons

Il Phygelius è molto semplice da coltivare dal momento che si tratta di arbusti poco esigenti. Si tratta di una pianta che cresce al meglio quando viene piantata in giardino dove può svilupparsi senza problemi.

Esposizione

Phygelius-06
Photo by FarOutFlora – Wikimedia Commons

Questa specie vegetale apprezza un’esposizione in pieno sole in quanto se viene piantata dove c’è troppa ombra non riesce a fiorire al meglio.

La pianta in questione non sopporta molto i climi particolarmente freddi e dunque quando le temperature scendono sotto allo zero, è necessario ricordare di proteggerla.

Terreno

Culpepper community garden, London
Photo by Nevit Dilmen – Wikimedia Commons

La Fucsia del Capo dovrebbe essere coltivata in un terreno ben drenato in maniera tale che possa crescere in condizioni ottimali al suo sviluppo.

Irrigazione

Phygelius-03
Photo by Citron / CC-BY-SA-3.0 – Wikimedia Commons

Il Phygelius va irrigato in maniera regolare in quanto ha necessità di un buon apporto idrico. Durante l’estate e in generale quando non piove da un po’, è necessario aumentare la frequenza delle irrigazioni.

Potatura

Phygelius_capensis_closer
Photo by Wikimedia Commons

La potatura del Fucsia del Capo non è necessario anche se di certo è opportuno ricordare di eliminare le foglie e i fiori secchi che a volte restano sui rametti.

Nel caso si decida di procedere con la potatura, suggeriamo di procedere durante la fine dell’autunno oppure all’inizio della primavera.

Concimazione

Phygelius_capensis_closer
Photo by User:Stan Shebs – Wikimedia Commons

L’ideale sarebbe concimare ogni circa due settimane durante il periodo vegetativo (quindi da giugno a settembre) in modo tale da ottenere una fioritura ottimale. Il consiglio che vi diamo è quello di utilizzare un concime liquido da diluire nell’acqua dell’innaffiatura.

Rinvaso

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Photo by Wikimedia Commons

La pianta in genere si coltiva in piena terra nel giardino e dunque non è necessario procedere con il rinvaso.

Malattie e parassiti

Phygelius-01
Photo by Stan Shebs – Wikimedia Commons

Tra i parassiti che attaccano la pianta più frequentemente ci sono gli afidi che causano problemi a fusti e foglie. Questi si combattono usando prodotti specifici contro i pidocchi delle piante in maniera tale da riuscire ad eliminarli rapidamente prima che causino dei danni molto gravi al Fucsia del Capo.

Molto dannoso è anche il ragnetto rosso che tende a insediarsi nella parte inferiore delle foglie causando delle macchie bianche o gialle di piccole dimensioni e successivamente fanno seccare le foglie. Questo parassita delle piante si combatte con prodotti anti acari.

Moltiplicazione

Phygelius
Photo by PollyDot – Pixabay

Il Phygelius si può moltiplicare sia tramite semina che tramite talea: vediamo nel dettaglio questi due tipi di propagazione.

Moltiplicazione per semina

La pianta di Fucsia del Capo si può moltiplicare tramite semina piantando i semi presi da una pianta matura durante la fine dell’estate. La semina si effettua direttamente in giardino nei mesi della primavera successiva, ma è anche possibile decidere di avviare i semi in casa qualche settimana prima per facilitare la loro germinazione.

Per non commettere errori è bene seguire tutti i consigli di una guida sulla semina.

Moltiplicazione per talea

Il Phygelius si moltiplica anche tramite talea del fusto. Questo tipo di propagazione permette di ottenere piantine adulte in tempo minore rispetto alla semina e va effettuata durante la primavera. Durante il primo periodo è bene ricordare di irrigare di frequente per rendere più rapida la radicazione della nuova pianta.

Phygelius (Fucsia del Capo): foto e immagini

Il Phygelius o Fucsia del Capo è una pianta molto apprezzata per via dei suoi bellissimi fiori che spiccano tra le foglie verdi. Vediamo allora una galleria immagini per scoprire ogni dettaglio di questa specie vegetale in maniera tale da poterla apprezzare fino in fondo.