Le 10 piante più belle da interno che hanno bisogno di poca acqua


Molti desiderano delle belle piante da appartamento per vivacizzare un angolo noioso e per portare un po’ di verde in casa.  Ma non tutti hanno tempo a disposizione per curarle o semplicemente non ne sono in grado. Abbiamo pensato di suggerirti una lista con le 10 piante più belle da interno che hanno bisogno di poca acqua e poca cura.


piante-interni-senza-acqua

Per evitare il senso di colpa di veder morire le tue piante, devi scegliere quelle che resistono maggiormente alla siccità. Solo così così potrai godertele senza lo stress di tenerle innaffiate tutto il tempo!

E allora per tutti coloro che vorrebbero avere piante nella propria abitazione ma non sanno o non possono curarle o per i viaggiatori che sono fuori casa per lunghi periodi, abbiamo stilato una lista di 10 piante facili da tenere in appartamento, che non hanno bisogno di troppe accortezze.

Table side the window and plants pot


Leggi anche: Concimi biologici


1. Pianta del rosario

Questa pianta decorativa da interni prende il nome dalle sue foglioline spesse e tondeggianti che assomigliano ai grani della corona del Rosario. Originaria del Sud Africa, questa pianta non solo riesce a tollerare un ambiente secco, ma richiede anche pochissima acqua. In alcuni periodi dell’anno va addirittura in riposo vegetativo quindi non necessita di essere curata.

pianta-del-rosario

2. Cactacee o piante succulente

Queste piantine grasse dall’aspetto caratteristico sono facilissime da curare: non necessitano di particolari manutenzioni e generalmente è meglio che non abbiano acqua (dagliene un po’ una volta ogni 4 settimane circa). Hanno belle forme geometriche e tonalità che vanno dal rosso-viola al verde chiaro brillante. Tieni sempre a mente una cosa: le piante grasse non sono come la maggior parte delle altre piante da appartamento. Se le innaffi con frequenza, non sopravvivranno!

piante-succulente-appartamento

3. Bambù della fortuna

Un’accattivante pianta di bambù che porta l’arte e la cultura giapponese in casa e può vivere molti anni senza richiedere troppe attenzioni. Tienila lontano dalla luce solare diretta e dalle giusto un po’ d’acqua ogni dieci giorni.

bambu-della-fortuna-casa


Potrebbe interessarti: Cofanetti per piante

4. Tillandsia o figlia del vento

Si tratta di una piantina particolarissima, davvero molto resistente e autonoma rispetto ad altre tipologie di pianta da appartamento. In una zona della casa ombreggiata e non troppo secca, non ha bisogno né di terra né di acqua. Al massimo, nebulizzala ogni 2-3 settimane circa in estate, una volta al mese in inverno.

tillandsia-pianta-appartamento

5. Dracena marginata

Si tratta di una pianta visivamente attraente con le foglie verdi rigide a forma di spada e bordi rosso-arancio. Tollera le più svariate temperature, si adatta a diversi posti della casa e resiste molto alla siccità. Gradisce vaporizzazioni della chioma e non ristagni di acqua in vaso. In condizioni di scarsa illuminazione, può richiedere un po’ d’acqua una volta ogni 3 settimane.

dracena-marginata

6. Sansevieria

Conosciuta anche come “lingua della suocera” per via delle sue foglie a forma di lingua appuntita, questa pianta presenta linee sinuose e robuste. Nota anche perché purifica l’aria in casa, non richiede troppe accortezze e ha bisogno di pochissima acqua, soprattutto in inverno.

Cresce in condizioni di scarsa o media luce e può vivere lunghi periodi senza bere. È disponibile in una varietà di forme, dimensioni e colori che aggiungono interesse a qualsiasi ambiente di casa.

Sansevieria

7. Zamioculcas zamifolia

Chiamata anche “ZZ plant”, questa pianta dalle foglie simili alle palme di Pasqua, può vivere molto tempo senza acqua o comunque ne necessita pochissima. È una pianta semplicissima da tenere, adatta a chiunque voglia un po’ di verde in casa, in quanto richiede un bicchiere d’acqua una o due volte al mese. Cresce bene sia in condizioni di scarsa che di intensa luminosità. Tuttavia è meglio evitare la luce solare diretta.

zamiculcas

8. Beaucarnea recurvata

Detta anche “pianta mangiafumo”, ha una silhouette stravagante e può vivere per molto tempo anche se viene trascurata. Si tratta, quindi, di una pianta consigliata anche a chi non ha il pollice verde. Richiede poca acqua, predilige posti soleggiati e caldi, riparati dal vento e dalla pioggia. Da maggio a settembre sta benissimo anche su un balcone esposto al sole.

beaucarnea-ricurvata

9. Metroxylon sagu o palma sago

Una pianta attraente, nonché un’ottima compagna per ambienti indoor. A gambo molto corto con foglie verde scuro che si aprono a ventaglio, beve pochissimo e non soffrirà se gli darai poca acqua. Ha bisogno di un luogo che offra luce solare intensa ed indiretta e va innaffiata molto di rado (ogni 3 settimane circa, anche 4 in inverno).

palma-sago

10. Portulaca

Facile da tenere e bella da utilizzare per decorare casa, la Portulaca è una pianta da fiore che si accontenta di bassi apporti idrici e per questo rientra tra le piante più belle da interno che hanno bisogno di poca acqua. Teme il freddo, forniscile quindi molta luce su un davanzale soleggiato di modo che possa produrre naturalmente i suoi fiori.

portulaca

Piante da interno che hanno bisogno di poca acqua: foto e immagini

La più frequente causa di morte per le piante d’appartamento è l’eccesso d’acqua. Ecco come non sbagliare, con queste 1o piante in foto che hanno bisogno di pochissimo liquido e vivono autonomamente anche nella tua casa.

Alessia Carbone

Commenti: Vedi tutto