Irrigazione ortaggi

L’irrigazione degli ortaggi è essenziale per curare al meglio tutte le tipologie di colture ortive. Verdure, erbe aromatiche e ortaggi in generale hanno necessità infatti di corrette quantità di acqua. Per irrigare al meglio è necessario conoscere le quantità di acqua necessarie e i migliori momenti per procedere con l’innaffiatura. Vediamo quindi consigli e suggerimenti per poter irrigare l’orto magari riuscendo anche a risparmiare acqua.

Irrigazione-ortaggi-01

Le colture ortive, verdure, ortaggi ed in particolare le erbe aromatiche come il basilico, il prezzemolo, la maggiorana, la salvia, richiedono di essere annaffiate correttamente. Gli ortaggi devono essere irrigati regolarmente durante tutto l’anno, ma è bene conoscere le quantità di acqua necessarie per evitare problemi. L’irrigazione degli ortaggi non è quindi una cosa banale e chi possiede un orto deve conoscerne tutti i segreti. Vediamo dunque tutto quello che c’è da sapere su come annaffiare gli ortaggi.

Irrigazione-ortaggi-02

Quale acqua utilizzare

Irrigazione-ortaggi-03

L’acqua migliore per annaffiare l’orto è l’acqua piovana. Proprio per questo motivo sarebbe importante portare avanti una raccolta di acqua piovana allo scopo di utilizzarla per l’irrigazione.

Quando si annaffia l’orto è poi necessario fare attenzione ad evitare shock termici. La temperatura dell’acqua usata per innaffiare deve essere infatti simile a quella dell’aria. Bagnare l’orto con acqua fredda in piena estate è infatti una pessima idea in quanto danneggia gli ortaggi. Questo rischia di accadere di frequente se si utilizza acqua dei rubinetti che arriva dalle tubature direttamente collegate con la rete idrica presente nel sottosuolo.

Quanto annaffiare gli ortaggi

Irrigazione-ortaggi-04

Ogni tipo di coltura ha un fabbisogno idrico differente ed è quindi fondamentale tenerlo in considerazione quando si annaffia l’orto. Gli ortaggi soffrono di stress idrici e quindi, in particolare quando fa caldo, è bene tenere a mente questa cosa per evitare problemi. Risulta infatti essenziale evitare di dare tanta acqua agli ortaggi nello stesso momento. Esagerare rischia infatti di causare danni alle radici delle piante che, chiaramente, assorbono solo una quantità limitata di acqua.

Per irrigare correttamente sarebbe bene dare poca acqua ma spesso. Questo modo di irrigare permette infatti di evitare gli stress idrici e allo stesso tempo di non danneggiare le colture. In genere consigliamo comunque di analizzare il tipo di terreno e il clima per comprendere la giusta quantità di acqua da utilizzare.

Quando irrigare l’orto

Irrigazione-ortaggi-05

Sapere quando irrigare l’orto è molto importante per ottenere il massimo dalla propria coltura di ortaggi. La prima regola è di certo quella di innaffiare la sera o al mattino presto evitando dunque le ore più calde della giornata. Questo è particolarmente importante in estate, ma anche durante il resto dell’anno suggeriamo di evitare la fascia che va dalle 10.00 fino alle 18.00.

Potrebbe interessarti Organizzare l’orto per l’autunno

Innaffiare nelle ore più calde significa infatti sprecarla dal momento che la traspirazione del suolo è molto elevata e dunque evapora. Inoltre, in estate, annaffiare quando c’è il sole alto in cielo significa anche rischiare scottature alle foglie e al fusto delle piante.

Nei mesi più freschi durante la notte, come maggio e settembre, è opportuno annaffiare solo al mattino. Questo infatti consente di evitare il rischio che l’acqua possa gelare.

Metodi di irrigazione degli ortaggi

Irrigazione-ortaggi-06

I metodi di irrigazione degli ortaggi sono numerosi. Non esiste infatti un solo modo per innaffiare le piante dell’orto, ma tutto dipende dalle condizioni pratiche e tecniche che si hanno a disposizione. La prima cosa da comprendere è dove prendere l’acqua (pozzo, fonte sorgiva, ruscello, bidoni per la raccolta dell’acqua piovana, rubinetto, canale di un consorzio). Una volta capito questo è possibile decidere quale tipo di irrigazione utilizzare.

Tra i metodi di irrigazione più comuni ci sono:

  • Irrigazione a goccia: è il metodo più efficace e per questo l’impianto a goccia è molto diffuso negli orti. Questo tipo di impianto consente di non sprecare acqua dal momento che si usano delle manichette ad ala gocciolante che rilasciano acqua solo dove si desidera. Tale metodologia di irrigazione è più o meno complesso a seconda della fonte di approvvigionamento idrica, ma funziona bene praticamente sempre.
  • Irrigazione a scorrimento: si tratta delle tecnica classica di irrigazione dell’orto e veniva impiegata anche molti decenni fa. Da una fonte idrica si irrigava gradualmente tutto l’orto lasciando scorrere l’acqua nei solchi creati con la zappa. Tale tecnica è valida anche oggi in particolare nelle aree rurali.
  • Irrigazione a pioggia: questo tipo di irrigazione non è particolarmente consigliata in quanto risulta non troppo efficace. Questa funziona usando un irrigatore a impatto che sfrutta la pressione e bagna le piante dall’alto. Quando si annaffia un orto in tal modo, dunque, l’acqua bagna poco il terreno e si disperde sulla vegetazione.

Irrigazione ortaggi: foto e immagini

L’irrigazione degli ortaggi è essenziale per permettere la crescita corretta di questi prodotti dell’orto. Prima si seguire i nostri consigli e di procedere all’irrigazione, vi suggeriamo però di dare un’occhiata alla galleria immagini che abbiamo realizzato.