Hypoestes – Hypoestes phyllostachya

Hypoestes-phyllostachya-pianta da vaso

La Hypoestes phyllostachya è una pianta erbacea ornamentale apprezzata per la bellezza del suo fogliame di colore verde con maculature bianche, rosa, o rosso-porpora.

Caratteristiche generali Hypoestes

Le Hypoestes sono piante erbacee della famiglia delle Acanthaceae, originarie del Sud Africa e del Madagascar, ampiamente diffuse nelle zone terre tropicali e subtropicali del sud – est asiatico.

In Italia, la cultivar più largamente coltivata a scopo ornamentale come pianta perenne d’appartamento  o come annuale all’aperto, nei giardini delle regioni con climi più freddi, è senza dubbio l’Hypoestes phyllostachya.

L’Hypoestes phyllostachya è una pianta sempreverde originaria del Madagascar caratterizzata da crescita lenta. In pieno vigore vegetativo forma un un cespuglio a portamento leggermente prostrato composto da fusti erbacei leggermente pubescenti, alti 60-70 cm, ricoperti da un fogliame molto decorativo.


Leggi anche: Pianta del cotone – Gossypium

Hypoestes

Le foglie opposte, sono ovali o cuoriformi, con apici appuntiti, margini lisci e pagine ruvide al tatto. Il colore delle foglie è molto caratteristico: il verde brillante di fondo contrasta fortemente con le diffuse macchie di colore rosa o rosso carico.

I fiori, simili a quelli del Caprifoglio, sono tubolari, piccoli, poco appariscenti e di colore lilla.

frutti sono capsule deiscenti conteneti molti semi.

Fioritura

L’Hypoestes phyllostachya fiorisce in estate ma in casa la fioritura avviene raramente.

L’Hypoestes ha una certa somiglianza con l’ortica ed è per lo più allevata come pianta d’appartamento anche se non è rara però la sua coltivazione nei giardini come bordura. In caso di clima particolarmente mite l’Hypoestes può crescere come pianta perenne, viceversa, se le temperature invernali sono particolarmente rigide, si comporta come annuale.

Hypoestes-coltivazione

Coltivazione dell’Hypoestes

Come detto precedentemente questa pianta ornamentale viene coltivata prevalentemente in vaso come pianta d’appartamento.

Esposizione

E’ una pianta che va tenuta in luogo molto luminoso ma al riparo del sole diretto e ad una temperatura costante di circa 21° C.  L’esposizione ideale è vicino ad una finestra con luce diffusa da una tenda. Se la pianta non riceve luce a sufficienza le foglie perdono i colori vivaci e brillanti che le caratterizzano. In estate può essere portata all’aperto, all’ombra di altre piante o di tettoie e riportata in casa non appena la temperatura esterna inizia a calare.


Potrebbe interessarti: Pianta del caffè d’appartamento – Coffea arabica

Terreno

Predilige un terreno umido, sciolto, soffice, ricco di sostanza organica e ben drenato. Il substrato ottimale di coltivazione è terriccio da compostaggio mescolato con sabbia, torba e corteccia.

Annaffiature

L’ Hypoestes va regolarmente annaffiata per tutto il ciclo vegetativo, dalla primavera alla fine dell’estate così da mantenere il terriccio costantemente umido ma non fradicio e facendo attenzione ai ristagni idrici nel sottovaso. In estate il fogliame va nebulizzato a giorni alterni con acqua a temperatura ambiente e non calcarea.

Nei mesi invernali le annaffiature vanno praticate in maniera più moderata e solo per mantenere sempre il terriccio leggermente umido.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Concimazione

Si concima ogni 15 giorni a partire da marzo fino a fine agosto. Il concime liquido va diluito nell’acqua di irrigazione e deve contenere azoto (N), fosforo (P), potassio (K) e i microelementi.

Rinvaso

Questa splendida pianta dai colori accesi va rinvasata ogni anno, in primavera. Si sceglie un vaso più grande del precedente, preferibilmente in terracotta, riempito con un buon terriccio ricco di sostanza organica misto ad una manciata di sabbia o altro materiale drenante che assicura lo sgrondo dell’acqua delle annaffiature. Per evitare che le radici della pianta vengano a contatto con l’acqua di ristagno e per assicurare nel contempo un’adeguata umidità ambientale  si consiglia di mettere sul fondo del sottovaso della ghiaia grossolana.

Hypoestes: coltivazione in piena terra

Nelle regioni con clima mite lea Hypoestes può essere coltivata facilmente anche in piena terra come bordura ad aiuole fiorite o come tappezzante ma in questo caso la pianta si comporta come annuale e quindi va sostituita di anno in anno.

Va impiantata in una zona del giardino al riparo dal vento e dai raggi diretti del sole. In estate va annaffiata tutti i giorni, la mattina presto o la sera per garantire sempre il giusto grado di umidità del terreno.

Come la pianta allevata in vaso va concimata ogni 15 giorni dalla primavera con un fertilizzante liquido ternario contenente azoto (N), fosforo (P), potassio (K) e anche microelementi, opportunamente diluito secondo le dosi consigliate sulla confezione del produttore.

Impianto o messa a dimora

Le piante di Hypoestes si impiantano in primavera in buche ben drenate distanti tra loro almeno 40 cm.

Moltiplicazione dell’Hypoestes

Per ottenere nuove piante si ricorre con successo alla propagazione vegetativa tramite talea.

In primavera o a fine estate utilizzando forbici ben affilate e disinfettate si prelevano talee di 10 cm dai fusti più vigorosi e si mettono a radicare ad una profondità di 2 centimetri in un substrato composto da torba e sabbia in parti uguali.  Si copre il contenitore con un foglio di plastica trasparente e si mette all’ombra a 21°C circa.

Il terreno va mantenuto sempre umido per tutto il tempo necessario alla radicazione che viene segnalata dalla comparsa di nuovi germogli e in questo caso si toglie il foglio di plastica e si sposta il contenitore in una zona più luminosa.

Quando le nuove piantine di Hypoestes sono abbastanza grandi e facili da maneggiare si trasferiscono in vasi singoli e trattate come la pianta madre.

Potatura

Per conferire armonia di forma alla pianta si cimano i fusti disordinati per conferire armonia di forma alla pianta. Si accorciano in maniera più drastica alcuni fusti più vecchi per favorire l’emissione di nuovi germogli e ottenere così una pianta più compatta. Si consiglia anche di rimuovere i fiori.

Abbinamenti

Per realizzare bordure o fioriere policromatiche si possono abbinare tra loro le diverse cultivar.

Hypoestes-phyllostachya

Parassiti e malattie dell’Hypoestes

Le diverse specie di Hypoestes pur essendo piante rustiche vengono comunque attaccate da lle cocciniglie cotonose e a scudetto che colonizzano soprattutto i fusti più interni meno arieggiati. Come tante altre piante ornamentali soffrono il marciume delle radici a causa dei ristagni idrici nel terreno e nel sottovaso.

Cure e Trattamenti

Le Hypoestes sono piante che non necessitano di cure particolari e il loro stato di salute può essere monitorato attraverso l’osservazione delle foglie.

Se vengono attaccate dal mal bianco, l’ambiente è troppo umido e l’arieggiamento scarso.

Temperature troppo basse e annaffiature sbagliate, potrebbero essere la causa dell’avvizzimento e della caduta delle foglie e quindi la pianta va spostata in un luogo più idoneo alle sue esigenze. Cosa che va fatta anche quando le foglie si decolorano per l’esposizione alla luce troppo intensa o al contrario perdono le loro variegature a causa di poca luce.

Eventuali infezioni parassitarie o fungine possono essere debellate nebulizzando le foglie con anticoccicidi e antifungini specifici. Le cocciniglie possono essere rimosse manualmente con un batuffolo di cotone  intriso di acqua e alcool.

Varietà o specie di Hypoestes

Si contano circa 150 specie diverse di Hypoestes tutte molto decorative e che differiscono per il colore delle foglie. Ad esempio la stessa Hypoestes phyllostachya vanta cultivar diverse le cui foglie sono verdi, bianche o rosse (dal rosa al carminio), punteggiate, macchiate o striate di verde, bianco o rosso come:

  • la Camina, con foglie verde scuro e rosso carminio;
  • la Confetti Blush, bianco venato verde oliva;
  • la Pink Splash, con fogliame verde e rosa pallido;
  • la Red Splash, con fogliame verde e rosso;
  • la White Splash, con foglie verdi e macchie bianche.

Altre varietà di Hypoestes

Hypoestes aristata

Una specie è originaria del Sudafrica. Ha portamento arbustivo e in poco tempo raggiunge un’altezza fino  a 1,5 metri. Produce foglie ovali morbide, pelose, verde scuro, prive di screziature. E’ più resistente al freddo e necessita di moderate annaffiature.

Hypoestes-aristata

Hypoestes taeniata

Una specie simile all’Hypoestes aristata. Ha portamento arbustivo con  fusti alti un metro e foglie di colore verde scuro prive di maculature. Durante il periodo della fioritura produce fiori di colore rosa scuro .

Usi

Le Hypoestes vengono coltivate come ornamentali d’appartamento e anche in giardino, come piante annuali da bordura.

Tossicità delle Hypoestes

Le Hypoestes non sono piante tossiche per l’uomo, per i cani e i gatti o altri gli animali domestici.

Curiosità

Il nome Hypoestes deriva dal latino hypo che significa sotto e “estia” che significa casa e fa riferimento al modo in cui i fiori sono nascosti dalle brattee fuse.

Alcune cultivar di Hypoestes vengono comunemente chiamate pianta a pois.

La pianta di Hypoestes phyllostachya nel Regno Unito si è guadagnato la Royal Horticultural Society ‘s Award of Garden Merit.

Galleria foto Hypoestes

 

Laura Bennet
  • Laureata in scienze biologiche
  • Insegnante di ruolo
  • Autore specializzato in Botanica, Biologia e Cucina
Suggerisci una modifica