Eonio – Aeonium coltivazione

L’Eonio, conosciuto anche come Aeonium, è una succulenta molto semplice da coltivare in quanto necessita di pochissime attenzioni. Per evitare problemi, ovviamente, è comunque prestare attenzione a determinati aspetti. Scopriamo dunque insieme quali sono i bisogni principali dell’Eonio per una coltivazione davvero perfetta.

Eonio-Aeonium-coltivazione-01

Conosciuto anche come Aeonium, l’Eonio è una succulenta dall’aspetto davvero unico. Le sue belle rosette concentriche di foglie, infatti, sono davvero apprezzate. La sua crescita rapida permette un utilizzo come coprisuolo e dunque è ideale per essere piantata in giardino. La coltivazione della pianta non richiede particolari conoscenze specifiche, ma ovviamente ci sono aspetti da considerare. Per aiutarvi a coltivare l’Eonio abbiamo quindi deciso di realizzare una guida che sintetizzi tutti i bisogni e le caratteristiche della pianta.

Eonio-Aeonium-coltivazione-02

Caratteristiche dell’Eonio

Eonio-Aeonium-coltivazione-03

Al genere Aeonium appartengono diverse specie di piante succulente sempreverdi della famiglia delle Crassulaceae. Tra le tante varietà quella più naturalizzata alle nostre latitudini è l’Aeonium arboreum, chiamato semplicemente Eonio, una pianta grassa originaria delle isole Canarie facile da coltivare sia in vaso sia in piena terra nei giardini rocciosi.

La pianta presenta fusti carnosi portanti sugli apici rosette composte da foglie coriacee il cui colore varia dal verde al nero a seconda della varietà. Gli steli cilindrici, negli esemplari adulti, sono di un bel colore rosso mattone davvero caratteristico.

Dalla base degli steli nel periodo della fioritura spuntano lunghi rametti infiorescenze simili a spighe formate da tanti fiori piumati di colore giallo, rosso, rosa e talvolta anche bianco. I fiori a maturazione completa liberano un’enorme quantità di piccoli semi scuri.

Terreno

Eonio-Aeonium-coltivazione-04

L’Eonio ha bisogno di un terreno povero e molto drenante, quasi inerte, come praticamente ogni succulenta. È possibile quindi scegliere un prodotto premiscelato per piante grasse o cactacee. In alternativa, si può realizzare una miscela con terriccio, sabbia grossolana di fiume e un po’ di perlite.

Piantare l’Eonio in vaso

Eonio-Aeonium-coltivazione-05

Nel caso si voglia preparare un vaso dove sistemare la pianta, è bene garantire un ottimo sgrondo delle acque. Questo si può fare sistemando sul fondo uno strato di circa 2 cm di ghiaietto, argilla espansa o pozzolana. Suggeriamo sempre di usare dei vasi di terracotta allo scopo di garantire una perfetta traspirazione.

Le dimensioni del vaso non devono essere eccessivamente grandi rispetto all’apparato radicale della pianta. Questo è fondamentale per evitare ristagni idrici che andrebbero a comportare dei marciumi molto pericolosi. Comunque è bene scegliere un vaso che non sia neanche troppo piccolo per permettere alle radici di crescere bene.

Piantare l’Aeonium in piena terra

Eonio-Aeonium-coltivazione-06
Eonio-Aeonium-coltivazione-06

In molte regioni dell’Italia è possibile piantare la succulenta anche in piena terra. L’ideale in questo caso sarebbe quello di sistemare le piante in un giardino roccioso. Per una crescita dell’Eonio è infatti necessario che ci sia un substrato drenante e povero.

Nel caso il terreno del giardino sia argilloso e compatto, sarà necessario rimuoverlo in profondità per sostituirlo con una composizione sabbiosa. È bene anche aggiungere alcuni lapilli e della pozzolana per avere un ottimo drenaggio.

Esposizione

Eonio-Aeonium-coltivazione-07

L’esposizione dell’Eonio dipende dalla specie e varia da pieno sole a mezza ombra. In generale, comunque, possiamo dire che è bene seguire questo schema:

  • esemplari a foglia scura: pieno sole
  • esemplari a foglia verde o gialla: mezza ombra

Le piante a foglia verde o gialla possono anche essere coltivate in appartamento. In tal caso è bene porle in locali molto luminosi perché il buio eccessivo causa crescita lenta e filata.

Temperature

Eonio-Aeonium-coltivazione-08

L’Eonio, in linea generale, sopporta senza grandi problemi anche temperature che si avvicinano ai -2°C. Ci sono delle specie che riescono a resistere anche ai -6°C e quindi, dove fa più freddo, suggeriamo di optare per queste.

Per una crescita corretta, sarebbe bene che durante il periodo vegetativo si arrivasse a una temperatura tra i 18°C ai 25°C.

Irrigazione

Eonio-Aeonium-coltivazione-09

Le irrigazioni devono essere frequenti dalla primavera all’autunno. Chiaramente è necessario evitare di eccedere con l’acqua in quanto solo in tal modo si eviteranno marciumi. Suggeriamo di innaffiare quindi solo quando i bordi della terra risultano asciutti.

Concimazione

Eonio-Aeonium-coltivazione-11

La concimazione dell’Eonio non è indispensabile, ma comunque permette alla pianta di crescere bene. In generale, sarebbe bene concimare almeno le specie che si coltivano in vaso. In questo caso, suggeriamo di utilizzare prodotti specifici per succulente che spesso sono in formulazione liquida. Tali prodotti devono essere usati due o tre volte all’anno durante il periodo di ripresa vegetativa.

Malattie e cure

Eonio-Aeonium-coltivazione-10

L’aeonium teme l’attacco degli afidi, della cocciniglia e il marciume delle radici. Da evitare assolutamente il ristagno idrico e in caso di attacchi parassitari eliminare le rosette colpite per evitare il contagio a tutta la pianta.

Eonio – Aeonium coltivazione: foto e immagini

L’Eonio è una pianta grassa molto conosciuta e diffusa per via del suo aspetto davvero unico. Questa succulenta può essere coltivata da chiunque, ma necessita di alcune attenzioni per evitare che possa morire prematuramente. Nel caso non la conoscessi, ti suggeriamo si scorrere la galleria immagini che abbiamo realizzato per apprezzarne il grande fascino.