Aspidistra coltivazione


aspidistra


L’Aspidistra, conosciuta comunemente come pianta di piombo è una pianta sempreverde molto longeva coltivata a scopo ornamentale in vaso e in giardino, soprattutto nei luoghi in cui scarseggia la luce solare.

E’ la pianta ideale per tutte le stagioni, perfetta per scale, cantinole e appartamenti poco luminosi.

aspidistra-elatior


Caratteristiche dell’Aspidistra

L’aspidistra, originaria dell’Asia minore, è una pianta sempreverde appartenente alla famiglia delle Liliaceae.

La parte ipogea della pianta è formata da un robusto rizoma carnoso di colore bianco-verdognolo e di forma ovoidale dal quale si originano numerose foglie il cui colore varia dal verde chiaro al verde intenso a seconda della specie.


Leggi anche: Sertularia Pianta di Nettuno Felce dell’aria antizanzare

Le foglie sono verdi, lanceolate, ovali con pagina lucida e margini lisci. Sono attaccate direttamente al rizoma mediante dei lunghi piccioli e nelle piante adulte danno vita a folti ed eleganti cespugli alti più di 70 centimetri.

aspidistra-moltiplicazione

Le foglie sono percorse da numerose nervature parallele che confluiscono in un  apice appuntito.

aspidistra-pianta-sempreverde

I fiori rosso-brunastri, molto corti e poco vistosi, spuntano a livello del terreno in estate e solo nei luoghi di provenienza.

aspidistra-lurida

I frutti sono bacche nere sferiche, simili a quelle del mughetto o del solanum capsicum, con buccia coriacea verde che protegge i semi interni.

I semi piccolissimi sono avvolti da una sostanza gelatinosa.

Fioritura

La pianta di Aspidistra fiorisce in estate, ma solo se viene coltivata in piena terra.

aspidistra-coltivazione

Coltivazione dell’Aspidistra

Esposizione

Se coltivata in vaso come pianta d’appartamento l’aspidistra richiede zone luminose, fresche, al riparo dei raggi diretti del sole per evitare la decolorazione e la bruciature delle foglie. Come pianta ornamentale da interni va posizionata lontano dal calore dei termosifoni e dalle correnti d’aria. La pianta di piombo tollera le alte temperature dell’estate e quelle rigide dell’inverno non inferiori ai 5° C. E’ una pianta adatta ad essere coltivata anche nelle aiuole dei parchi pubblici delle città inquinate in quanto è resistente allo smog. La pianta coltivata in piena terra invece va posta in luoghi ombreggiati e va annaffiata solo se il clima è molto siccitoso in quanto generalmente si accontenta delle piogge.

Terreno

Cresce forte e rigogliosa anche nel comune terreno da giardino purchè fertile e soprattutto ben drenato

Annaffiature

Necessita di abbondanti annaffiature in primavera – estate ma solo se il terreno è asciutto da più giorni. Nel periodo autunno – inverno la pianta va annaffiata saltuariamente evitando di inzuppare il terreno.  Per assicurarle un’adeguata umidità ambientale, nei periodi di caldo intenso è consigliabile effettuare delle nebulizzazioni fogliari preferibilmente con acqua piovana o comunque non calcarea.

Concimazione

Va concimata nel periodo primavera – estate con somministrazioni di fertilizzanti ricchi di azoto in quantità leggermente inferiore alle dosi consigliate sulla confezione.

Aspidistra: coltivazione in vaso

Questa bellissima ed elegante pianta ornamentale sempreverde si adatta facilmente ad essere coltivata in un vaso dalle dimensioni adeguate allo sviluppo delle radici che in poco tempo tendono ad espandersi occupando tutto lo spazio disponibile. Sul fondo del vaso, preferibilmente in terracotta,  va posto del materiale drenante ricoperto da uno strato di terreno. Tale accorgimento serve ad isolare le radici dall’acqua di sgrondo che si deposita nel sottovaso. Si mette la pianta allargando le radici per eliminare l’effetto vaso, Si colmano tutti gli spazi vuoti. Si compatta il terreno e poi si annaffia abbondantemente.

aspidistra-rinvaso

Rinvaso dell’Aspidistra

L’Aspidistra coltivata come pianta d’appartamento va rinvasata in primavera  ogni 2 -3 anni. Per il rinvaso si utilizzano contenitori più grandi e terriccio universale misto a torba e sabbia per favorire il drenaggio dell’acqua delle annaffiature.

aspidistra-divisione-cespi

Moltiplicazione dell’Aspidistra

L’aspidistra si riproduce per seme in autunno e in primavera per divisione dei rizomi o divisione dei cespi.

La semina non viene quasi mai praticata in quanto risulta complessa per il tempo richiesto e per la mancanza di semi in quanto come già detto la pianta allevata raramente produce fiori e frutti.

Propagazione per divisione dei cespi

Questa propagazione agamica che assicura fin da subito piante già sviluppate si pratica in primavera. La pianta va estratta dal vaso con delicatezza; si separano i cespi esterni forti e vigorosi oppure si dividono i rizomi in più porzioni mediante coltello affilato e ben disinfettato.

aspidistra-moltiplicazione

Ogni porzione con almeno 3 foglie e radici ben sviluppate va interrata in vasi singoli contenenti terriccio universale misto a foglie, torba e sabbia. I vasi vanno poi collocati in luoghi ombrosi e freschi fino alla comparsa di nuove foglie indice dell’avvenuto attecchimento della pianta.

Impianto o messa a dimora

Il miglior periodo per impiantare la pianta di Aspidistra in piena terra è la tarda primavera o quando il periodo delle gelate notturne è del tutto scongiurato.

Abbinamenti

L’aspidistra si abbina perfettamente con Liriope, Ophiopogon, Pachysandra, Waldsteinia e felci.

Potatura

Per favorire l’incespimento e la produzione di nuove foglie si eliminano quelle ingiallite o quelle più vecchie utilizzando delle cesoie ben affilate e disinfettate. I tagli  vanno fatti a livello del terreno in modo da non ritrovarsi steli secchi che deturpano l’estetica della pianta. Dopo pochi giorni la pianta ricaccerà nuove foglie avvolte come dei coni di carta.

Video della moltiplicazione dell’Aspidistra per mezzo dei cespi

Parassiti e malattie dell’Aspidistra

L’aspidistra teme le bruciature causate dai raggi solari diretti, dalle eccessive concimazioni azotate, Tra le infestazioni parassitarie teme gli attacchi delle cocciniglie, del ragnetto rosso e dei pidocchi.

Tra le malattie fungine o crittogame è sensibile solo al marciume delle radici a causa dei ristagni idrici nel sottovaso o del terreno troppo compatto o calcareo.

aspidistra-malattie

Cure e trattamenti

I trattamenti antiparassitari specifici vanno effettuati solo in caso di necessità. In inverno proteggere le piante di Aspidistra coltivate all’esterno con una pacciamatura di paglia o di foglie secche.

aspidistra-cure

Periodicamente spolverare le foglie con uno straccio umido e mai con lucidanti fogliari.

aspidistra-vaso

Linguaggio dei fiori

L’aspidistra fin dai tempi antichi è considerata il simbolo della forza d’animo nelle avversità.

Varietà di Aspidistra

Esistono tante varietà facili da coltivare in vaso e in piena terra anche nelle aiuole dei giardini o dei parchi pubblici che differiscono per forma, dimensione e colore delle foglie.

Aspidistra elatior o aspidistra lurida

La varietà più adatta alla coltivazione in appartamento, apprezzata per il suo fogliame decorativo e sempreverde che in breve tempo forma folti cespugli alti circa 70 cm. L’Aspidistra lurida spesso viene confusa con l’Hosta.

Aspidistra elatior maculata

Una specie proveniente dall’Asia orientale e dall’Africa che produce folti cespugli di foglie di colore verde scuro punteggiate di macchie bianco – crema. E’ adatta ad essere coltivata  nei luoghi ombreggiati e nel terreno sciolto, ricco e ben drenato.

Aspidistra elatior variegata

Una pianta perenne che presenta lunghe foglie di colore verde con varie striature longitudinali di color bianco o crema. Contrariamente alle altre  varietà richiede un terreno più povero di nutrienti e, pertanto, per evitare che le foglie perdano le loro caratteristiche striature l’apporto di fertilizzante deve essere molto ridotto e somministrato solo in caso di necessità.

Usi

la pianta di Aspidistra viene utilizzata in giardinaggio come pianta da sfondo ad altre piante fiorite per abbellire terrazzi e giardini durante l’inverno.

Le foglie di aspidistra per la loro eleganza e la resistenza nel tempo anche dopo il distacco dalla pianta  vengono utilizzate dai fioristi per abbellire i bouquet delle spose o per realizzare particolari composizioni floreali con fiori privi di foglie come l’Anturio o le Calle.

confezione-sposa

Curiosità

Il nome dell’aspidistra deriva dal greco ασπίς, aspís, che significa scudo ed è riferito alla forma delle foglie.

Il soprannome pianta di piombo gli è stato attribuito per la sua  resistenza alle avversità, alle intemperie, alla capacità di crescere in luoghi con scarsa umidità e luce e soprattutto per la sua longevità, infatti vive anche più di 100 anni.

L’Aspidistra è velenosa?

Non è una pianta tossica per l’uomo e per gli animali domestici quali cani e gatti.

Galleria foto Aspidistra

LauraB

Commenti: Vedi tutto

  • giovanna banfi - -

    Sono della provincia di Varese saprete indicarmi presso quale vivaio posso acquistare l’Apsidistra. I vivai che ho fino ad oggi visitato ne sono sprovvisti, probabilmente non più commercializzata.

  • anna23 - -

    Ho trovato nel giardino della nuova casa molti vasi di aspidistra, all’ombra di un pergolato e in buona salute.
    E’ possibile metterla direttamente in terra?

    • LauraB - -

      L’aspidistra è una pianta ornamentale, resistente alle intemperie, alle temperature estive molto alte e alle minime invernali non inferiori ai -5° C. Può essere coltivata anche in piena terra i luoghi ombreggiati e riparati, alla base di alberi e di arbusti. Cresce rigogliosa in qualunque tipo di terreno purchè ben drenato. Al momento dell’impianto, per evitare il marciume delle radici causato dal ristagno idrico, è opportune distribuire sul fondo della buca uno strato di ghiaia.

Comments are closed.