Funghi chiodini al naturale


Funghi chiodini al naturale

Sommario

Conservazione dei funghi chiodini al naturale: ingredienti e procedimento, calorie e cose da sapere.

Tempo di preparazione:
1 ora
Tempo di cottura:
40 minuti
Quantità:
8

Ingredienti Ricetta

  • Chiodini freschi 3 kg
  • Acqua qb
  • Sale qb

chiodini-funghi


Procedimento funghi chiodini al naturale

Per prima cosa sterilizzate i barattoli a chiusura ermetica, facendoli bollire completamente ricoperti con l’acqua . Fateli raffreddare nell’acqua e poi metteteli ad asciugare capovolti su un canovaccio pulito.

barattoli-sterilizzazione-casalinga

Procedete con la pulizia dei chiodini e il loro lavaggio.

Leggere la guida: come pulire i funghi chiodini)

pulizia-dei-chiodini

Portate a bollore in una pentola l’acqua e salatela come fate con l’acqua di cottura della pasta.

acqua-chiodini

Quando l’acqua bolle, calatevi i funghi chiodini e fateli cuocere per circa 20 minuti dalla ripresa del bollore schiumandoli più volte utilizzando un setaccio a rete fitta.

Chiodini-schumatura

Trascorso questo tempo, scolate i chiodini. Fateli sgrondare ben bene dall’acqua in eccesso.

Stendete una tovaglia o un canovaccio pulito sul piano da lavoro e stendetevi i chiodini.

Mettete i funghi chiodini ancora bollenti in barattoli sterilizzati e tappate. Nel fare tale operazione fate attenzione alla formazione delle bolle d’aria.

Chiodini-funghi-sott'olio

Avvolgete i barattoli con vecchi stracci e metteteli in una pentola ricoperti con acqua calda.

Fateli sterilizzare per almeno 20 minuti e poi lasciateli raffreddare nella pentola.

Asciugate i barattoli; mettete l’etichetta con la data di confezionamento e conservateli in dispensa in un luogo buio.

chiodini

Consiglio

I funghi chiodi possono essere conservati anche congelati per circa 1 anno. Ecco come fare.

Funghi chiodini congelati

Possono essere conservati fino ad 1 anno una volta congelati nel modo seguente:

  • Pulire bene i funghi
  • Scottarli in acqua bollente per eliminare le tossine
  • Asciugarli
  • Imbustarli facendo uscire l’aria
  • Riporli in freezer per congelarli

Come evidenziato questa tipologia di funghi va sempre cotta prima del congelamento perchè presenta tossine termolabili con cottura a 70°, ma che nel processo di congelamento si fissano ai componenti del fungo e non sono più completamente smaltibili in una cottura successiva.

Ricette e conservazione dei funghi chiodini

Con i funghi chiodini al naturale potete preparare tante buonissime ricette a base di funghi.

Vedere anche la ricetta dei funghi chiodini sott’olio con video:

e la ricetta dei funghi chiodini fritti.

Informazioni utili sui funghi chiodini

I funghi chiodini vanno consumati con moderazione in quanto risultano poco digeribili e spesso sono causa di disturbi intestinali e intossicazioni alimentari soprattutto se si tratta di esemplari vecchi e legnosi. Il consumo va fatto sempre dopo una prolungata bollitura e sono da preferire i cappelli ai gambi.

Si raccolgono nei boschi dall’autunno inoltrato fino all’inverno evitando quelli che sopravvivono alle gelate invernali perchè accumulano una maggiore quantità di sostanze tossiche infatti le sostanze tossiche pare che si fissano ai tessuti con il congelamento.

Curiosità

Il nome scientifico Armillaria mellea deriva dal latino Armilla che significa braccialetto e fa riferimento all’anello che caratterizza questo fungo. L’epiteto specifico deriva sempre da una parola latina che significa miele e si riferisce al colore giallo chiaro tipico dei chiodini.

I chiodini vengono sono conosciuti anche con altri nomi comuni: Chiodino miele, Agarico del miele, Pioppino, Fungo della zocca, Gabarò o Gabareu (dialetto lombardo e piemontese).

Il sapore dei funghi chiodini è agrodolce negli esemplari giovani, leggermente amarognolo invece in quelli vecchi e lignificati. I chiodini si riproducono mediante spore e solo negli ambienti adatti.

Galleria foto dei funghi chiodini o Armillaria mellea

 

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Commenti: Vedi tutto

  • Marco Salafia - - Rispondi

    Vorrei sapere se si possa essiccare e quindi conservare secco, in fungo chiodino.

    • Casa ATuttoNet - - Rispondi

      In genere chiodini o pioppini possono essere essiccati in forno o con lampade artificiali.
      Data la loro seppur minima tossicità da crudi, consigliamo altri metodi di conservazione.

Lascia una risposta