Roccocò

Raffaella Gambardella
  • Autore specializzato in Ricette, Cucina, Fotografia
Roccocò

Sommario

E' il tipico biscotto del Natale Partenopeo, il Roccocò fa la sua prima comparsa nel Real Convento della Maddalena di Napoli.

Tempo di preparazione:
15 minuti
Tempo di cottura:
10 minuti
Quantità:
6

Ingredienti Ricetta

  • Farina 00 300 gr
  • Zucchero 300 gr
  • Mandorle 200 gr
  • Canditi misti 150 gr
  • Vaniglia 1 bustina o 1/2 baccello
  • Pisto 3 gr
  • Bicarbonato di ammonio 1 gr
  • Buccia di limone q.b.
  • Buccia di arancia q.b.

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 100 gr
  • Calorie 421 kcal

Il Roccocò è il biscotto per eccellenza del Natale partenopeo. Testimone di quella che viene chiama la “pasticceria conventuale” fa la sua prima comparsa nel 1320 dove le monache del Real Convento della Maddalena di Napoli si dilettavano a preparare questo dolce delizioso dal profumo inconfondibile. Semplici da realizzare anche a casa sarà la nota dolce che metterà allegria sulle vostre tavole natalizie! Vediamo come preparare i Roccocò nella nostra ricetta passo passo!

Procedimento dei Roccocò

  1. Prima di iniziare ad impastare questi deliziosi biscotti natalizi è importante pesare con cura tutti gli ingredienti e disporli sul piano di lavoro per aggiungerli man mano all’impasto. Pesate il pisto, il bicarbonato di ammonio e grattate la buccia di un limone bio (se volete potete aggiungere anche l’arancia).20201209_175451
  2. Pesate i canditi, possibilmente misti arancia e cedro per un profumo più intenso.
    20201209_175515
  3. Pesate le mandorle e non siate parsimoniosi, saranno l’ingrediente di qualità che donerà ai Roccocò gusto e croccantezza. Preferitele con la pelle rispetto a quelle già spellate e notoriamente più dolci.
    20201209_175524
  4. Pesate con cura la farina e lo zucchero e a quest’ultimo aggiungete la vaniglia.
    20201209_175534
  5. Munitevi di una ciotola molto ampia dove inizierete la prima lavorazione e setacciate con cura la farina.20201209_175709
  6. Aggiungere lo zucchero, il pisto e il bicarbonato di ammonio e mescolate bene.
    20201209_175746
  7. Pestate grossolanamente le mandorle lasciandone una buona parte intere e unitele alle farine.
    20201209_180254
  8. Mescolate e unite i canditi misti e inglobateli al composto secco.
    20201209_180450
  9. Versate a filo l’acqua tiepida e iniziate a mescolare dal centro verso l’esterno con un cucchiaio di legno.20201209_180540
  10. Aggiungete l’acqua man mano, non tutta in una volta, potrebbe non essere utile tutta.
    20201209_180616
  11. Una volta che l’impasto si sarà asciugato versatelo sul piano di lavoro e con l’aiuto di un tarocco iniziate ad impastare.20201209_180743
  12. Dovrete ottenere un impasto morbido ma compatto.
    20201209_181041
  13. Lasciate riposare coperto da un panno per 15 minuti prima di realizzare i biscotti.
    20201209_181637
  14. Una volta trascorso il tempo di riposo ottenete delle bisce piuttosto spesse dalle quali ricaverete dei pezzi di pasta di circa 15 centimetri.20201209_183112
  15. Arrotolate la striscia di pasta su se stessa fino a formare una O.
    20201209_183138
  16. Foderate una teglia con carta da forno e adagiate i biscotti ben distanziati l’uno dall’altro.
    20201209_183459
  17. In una ciotola sbattete un uovo che servirà per lucidare i biscotti.
    20201209_183949
  18. Spennellate con cura i biscotti su tutta la superficie e infornate in forno statico a 190° per 9/10 minuti o fin quando non saranno ben dorati in superficie.20201209_184111
  19. Gustate i Roccocò durante le feste natalizie, ottimi intinti a mo’ di cantuccino in un buon vino passito e accompagnati da profumata frutta secca.PSFix_20201212_172748

Curiosità

I Roccocò sono insieme agli struffoli, ai mostaccioli e ai susamielli il tipico dessert delle tavole natalizie partenopee. La loro caratteristica che li rende così inconfondibili è la consistenza dura e la superficie rugosa perchè ricchi di mandorle e canditi.

Il consumo ideale li vede intinti nel vermouth, nel marsala o nel vino passito. Si tratta di un’antica ricetta della tradizione conventuale il nome attribuitogli pare derivi dal francese “rocaille” per la sua forma tondeggiante e molto simile ad una conchiglia.

Roccocò foto e immagini