Portogallo da record: il 72% dell’elettricità arriva grazie alle rinnovabili

Negli ultimi 11 mesi il Portogallo ha stabilito un nuovo record producendo il 72% di elettricità esclusivamente attraverso fonti di energia rinnovabili. E  nel futuro si punta a raggiungere traguardi ancora più ambiziosi.

portogallo record rinnovabili
Photo by russmac – Pixabay

Il Portogallo e le fonti di energia rinnovabili hanno ormai stabilito un connubio proficuo e vincente. Negli ultimi 11 mesi il Paese è stato capace di generare il 72% della sua elettricità unicamente da sorgenti green. Una quota che gli ha permesso di coprire il 59% dei consumi elettrici complessivi.

Portogallo da record: il 72% dell’elettricità arriva dalle rinnovabili

portogallo record rinnovabili
Photo by Boke9a – Pixabay

Per comprendere meglio con quanta dedizione il paese lusitano abbia deciso di affidare il proprio futuro alle FER, basta semplicemente riavvolgere il nastro e riportarlo a un episodio avvenuto poco più di un mese fa. Infatti, a cavallo tra il 31 ottobre e il 6 novembre scorsi, il Portogallo è riuscito a produrre energia esclusivamente da fonti rinnovabili per ben 149 ore consecutive, riuscendo a superare di gran lunga il fabbisogno richiesto dall’intera popolazione.

Nello specifico, la potenza di elettricità generata è stata pari 1.102 gigawattora rispetto agli 840 consumati durante quel periodo. Tutto ciò si è tradotto in un risparmio energetico equivalente a 262 gigawattora.

Non sorprende quindi leggere i numeri elaborati dal think tank Ember e diffusi in questi giorni dall’agenzia Reuters, secondo i quali il Paese, negli ultimi 11 mesi, è stato in grado di generare il 72% della sua elettricità unicamente sfruttando fonti green.

Una quota che gli ha permesso di coprire il 59% dei consumi elettrici complessivi. La ripresa del settore idroelettrico, che nel 2022 era stato messo all’angolo a causa di una imponente siccità,  ha contribuito in maniera fondamentale al raggiungimento di questo risultato.

Nel dettaglio, a fine novembre, dei circa 36TWh totali prodotti dal sistema energetico nazionale ben 8,34 derivavano da fonti idroelettriche. Una percentuale equivalente al 23,4% complessivo, raggiunta anche grazie alla costruzione di una nuova diga sulle sponde del fiume Tamega, nella zona nord del Paese, dotata di un potente sistema di stoccaggio.

Un futuro pieno di ambizioni

portogallo record rinnovabili
Photo by somorgado – Pixabay

A confermare la bontà dei risultati ottenuti ci ha pensato REN, l’operatore nazionale che si occupa della rete di trasmissione portoghese, che, attraverso una nota stampa, ha recentemente dichiarato:

A novembre le condizioni sono tornate favorevoli per la produzione idroelettrica ed eolica. Nel caso dell’energia idroelettrica, l’indice di produttività è stato di 2,02 , diventando così il terzo valore più alto nei record di REN per questo mese. Nel settore idroelettrico, il 5 novembre è stato registrato un nuovo massimo storico di potenza immessa in rete, con 6.719 MW, superando i 6.569 MW di gennaio di quest’anno. Nell’energia eolica l’indice mensile è stato pari a 1,04, mentre nel fotovoltaico è stato pari a 0,92.

Ma sembra proprio che il meglio debba ancora arrivare. Gli obiettivi futuri sono infatti molto ambiziosi: entro il 2030 il Paese punta a produrre l’85% della sua elettricità da fonti rinnovabili. Altre due sfide sono quelle di dismettere tutte le centrali elettriche a gas naturale entro il 2040 e diventare carbon neutral entro il 2045. 

Procedendo a passo più che sostenuto il Portogallo si è ormai imposto come un esempio da seguire a livello mondiale. Nonostante attraversi una situazione economica delicata ha dimostrato quanto sia possibile raggiungere traguardi ragguardevoli nella produzione di energia rinnovabile, fornendo anche un contributo prezioso alla salvaguardia di clima e ambiente.

Portogallo: record di produzione rinnovabile: foto e immagini