In Italia lo smog causa 46 mila decessi all’anno

Autore:
Elisa Cardelli
  • Autore - Laurea in Semiotica

Lo smog in Italia causa un numero sempre maggiore di morti e questo porta di certo a riflettere in merito a una situazione che parla di 46.000 decessi nel 2021. Cifre come queste posizionano il nostro Paese al secondo posto in Europa in merito al numero di morti provocate dallo smog. 

Guarda il video

, Smog
Photo by jwvein – Pixabay

Il rapporto annuale di Aea (Agenzia europea dell’ambiente) mostra una situazione molto preoccupante soprattutto in Italia: nel nostro Paese infatti il numero di morti causate dallo smog sono 46.000. Questi dati riferiti al 2021 posizionano dunque l’Italia al secondo posto in Europa per numero di decessi provocate da questo specifico fattore.

Le zone dove lo smog è maggiore in Italia

Smog
Photo by jplenio – Pixabay

I dati del rapporto annuale dell’Agenzia europea dell’ambiente rivelano che nel 2021, in Italia sono morte 46.800 persone per via dell’esposizione allo smog. Dei numeri così elevati destano subito l’attenzione e non a caso posizionano la nostra nazione al secondo posto in Europa – dopo la Polonia – per numero di decessi legati all’esposizione al particolato sottile Pm2.5.

Dal rapporto emerge che ci sono delle zone in Italia dove la situazione appare ancora più critica. In particolare, infatti, vivere nella Pianura Padana risulta essere sempre più complesso a causa dello smog che la colpisce in modo significativo danneggiando la qualità della vita della popolazione. Dai dati del rapporto Aea si comprende che nel 2021 l’area con una situazione peggiore è quella di Cremona. Qui la concentrazione media annua di polveri sottili è la più elevata d’Italia e arriva a 26 microgrammi al metro cubo.

Un dato come questo porta a riflettere, infatti supera i limiti imposti dall’Unione Europea oltre che le linee guide dell’OMS.

Per quanto riguarda il 2022, la situazione è apparsa particolarmente grave secondo le prime stime a Borgomanero (Novara) e alla centrale Enel di Torchiarolo (Brindisi). Per comprendere meglio la situazione relativa a quell’anno, però, si devono attendere dati completi.

Lo smog provoca enormi danni alla salute umana

Abbassare il livello di smog in Italia facendolo rientrare nei livelli accettati dalle linee guide dell’OMS significherebbe riuscire a migliorare lo stato di salute di un gran numero di persone. Chi abita nelle aree dove il livello di polveri sottili è sempre molto elevato, infatti, deve fare i conti con una maggiore predisposizione a problemi di salute legati a malattie polmonari, asma e diabete.

L’inquinamento atmosferico – quando si parla di esposizione ad elevate concentrazioni di particolato fine – è causa di problemi quali:

  • cardiopatia ischemica
  • ictus
  • diabete mellito
  • broncopneumopatia cronica ostruttiva
  • cancro ai polmoni
  • asma

Nell’eventualità nell’aria respirata dalle persone ci sia un alto carico di biossido di azoto, molto elevate sono le probabilità di dover fare i conti con diabete mellito, ictus e asma.

In Italia lo smog causa 46 mila decessi all’anno: foto e immagini

In Italia lo smog continua a causare un numero sempre crescente di decessi e questo di certo non può passare inosservato. Ecco allora che abbiamo realizzato una galleria immagini allo scopo di comprendere nel dettaglio quanto sia grave la situazione.