Shatavari: caratteristiche e proprietà

Rita Paola Maietta
  • Giornalista Pubblicista

La shatavari può essere considerata come la pianta per eccellenza amica della salute delle donne. Scopriamo, di seguito, tutte le sue caratteristiche e proprietà.

shatavari 2

La medicina ayurvedica è quella che adopera, da millenni, le piante per guarire tra le patologie più svariate. La pianta che prenderemo in analisi in questo articolo è la Shatavari, un’erba considerata amica delle donne. Si è aggiudicata questo nome perché può agire su tutti quei problemi che affliggono la popolazione femminile. Ad esempio, problemi che riguardano la fecondità, gli ormoni, i problemi legati al ciclo e alla menopausa.

L’Asparagus recemosus, questo il suo nome scientifico, appartiene alle Asparagaceae. Le sue origini affondano in India, Africa e Australia oltre che in altre parti della Cina poiché cresce in regioni a clima temperato e tropicale. Legnosa e rampicante, è una pianta che si presenta con foglie che somigliano agli aghi di pino. Inoltre, ha steli legnosi ed è in grado di rampicare. Dopo questa premessa necessaria, conosciamone meglio le sue caratteristiche e le sue proprietà.

shatavari 1

Shatavari: caratteristiche

shatavari 7

La Shatavari è una pianta adattogena, ciò significa che può aiutare l’organismo a prepararsi e superare gli stress a cui potrebbe essere sottoposto. Sono le radici tuberose ad essere la sua parte più vitale ed è lì che si concentra la maggior parte delle sue proprietà. Queste ultime, sono state sempre adoperate in ayurvedica non solo per il benessere emotivo e la crescita spirituale. Infatti, la shatavari è in grado di aumentare l’energia di guarigione (sattva) e i fluidi vitali responsabili di salute, vita ed immunità (ojas).

Proprio la radice di Shatavari, dunque, è utilizzata per dare più vigore al corpo e alla mente ma anche per rafforzare i tessuti. Assumendola, inoltre, le cellule potrebbero diventare più vitali e la salute protetta. Come risultato, le funzioni corporee nella loro totalità e i processi fisiologici potrebbero esserne influenzati positivamente.

Ne consegue che, questa radice, viene usata soprattutto per tutti i problemi legati alla fertilità e alla riproduzione delle donne. Non solo, aiuterebbe anche in caso di menopausa agendo regolando l’equilibrio ormonale. Assumerla, infatti, aiuterebbe le donne a transitare dall’età riproduttiva a quella della menopausa.

Shatavari: proprietà

shatavari 6

Essendo un’erba rasayana, secondo la medicina ayurveda, la Shatavari avrebbe un potere rinvigorente. Per essere utilizzata, la radice deve essere lavorata ed essiccata. Le si riconoscono diverse proprietà, soprattutto sul corpo delle donne, come abbiamo già scritto più su. Sin dall’antichità, infatti, era usata per influire beneficamente sugli ormoni delle donne. Inoltre, preverrebbe la formazione dell’ovaio policistico.

Non solo questo, la Shatavari è perfetta anche per la cura dell’ulcera e della gastrite. Inoltre, può favorire anche la digestione. Se volessimo ricapitolare, ecco di seguito alcune delle altre proprietà benefiche dei suoi principi attivi:

  • favorisce la produzione di latte
  • rinvigorisce l’utero
  • regola il transito intestinale
  • antiepatossico
  • adattogeno.

Nel dettaglio, i principi attivi in essa contenuti, invece, sono:

  • saponine
  • acidi grassi essenziali
  • glicosidi
  • polisaccaridi
  • vitamina A
  • vitamina C
  • minerali (zinco, rame, calcio, per citarne alcuni).

Inoltre, sarebbe in grado di aumentare anche il desiderio sessuale. Aiuterebbe anche a regolare il ciclo e a contrastare gli effetti negativi della menopausa. Ciò avviene grazie ai fitoestrogeni in essa contenuti che aiutano i fitoestrogeni.

Inoltre, lo Shatavari può essere utile anche per stimolare il sistema immunitario. A confermarlo è stato uno studio del 2004. I benefici non sono finiti qui poiché grazie alla presenza di flavonoidi e polifenoli oltre che di saponine, si può ridurre lo stress e i disturbi legati al sonno. Sempre gli studi condotti nel 2004 hanno evidenziato che la Shatavari contiene 3 antiossidanti importanti che non si trovano altrove. Essi sono racemofurano, asparagamina A e racemosol.

Inoltre, avrebbe proprietà antinfiammatorie (grazie al racemofurano), cura i disturbi legati alla digestione e sarebbe un vero e proprio diuretico naturale. Ultima ma non ultima la proprietà di favorire la produzione di insulina e quindi contrastare la comparsa della glicemia.

Shatavari: come assumerla

shatavari polvere

La Shatavari può essere assunta in polvere. In questo caso, viene chiamata shatamull e viene ricavata dalle radici dell’asparagus racemosus ovvero l’asparago indiano. I medici dell’ayurveda ne consigliano l’assunzione per poter potenziare, in modo naturale, la fertilità della donna. La sua assunzione può avvenire tutti i giorni e deve essere disciolta in acqua oppure altre bevande. In alternativa, si può assumere come spezia per condire le pietanze.

Oltre alla polvere, può essere acquistata anche in capsule. Il luogo di acquisto può essere l’erboristeria oppure tutti i negozi che si occupano di prodotti naturali. Naturalmente, non è escluso che si possa trovare anche nei principali shop online. Si consiglia l’assunzione di due cucchiaini di polvere oppure due capsule al dì.

Shatavari: caratteristiche e proprietà – foto e immagini

Ora che conosci meglio le caratteristiche e le proprietà di questa radice benefica, non ti resta che informarti se puoi assumerla oppure no. Intanto, se hai trovato utile questo articolo, condividilo con un amico a cui potrebbe far piacere.