Trombone d’Angelo moltiplicazione

Questa pianta da esterni deve il suo nome alla forma tipica dei fiori che riproduce proprio una piccola trombetta. Grazie al profumo intenso e ai colori delicati ma comunque vivaci è uno degli arbusti più utilizzati per abbellire facilmente gli angoli più spogli di ogni giardino. Scopriamo insieme i suoi segreti e, soprattutto, come avviene la moltiplicazione.

trombone-angelo-1

Quante volte è capitato di vedere frequentemente una pianta, ammirarne la bellezza ed il profumo dei suoi fiori ma essere completamente all’oscuro del nome e, soprattutto, delle caratteristiche che la definiscono all’interno del mondo botanico? Questo è il destino che accomuna soprattutto le tipologie di arbusti o alberi noti con un nome volgare o popolare ma che, se considerato con la dicitura scientifica, entra completamente in una sorta di oblio. Soprattutto per quanto riguarda i giardinieri non propriamente esperti.

Considerato tutto questo, dunque, proviamo a far luce su quello che i botanici definiscono come brugmansia ma che è più famosa come trombine d’angelo. Nello specifico ci si trova di fronte ad una pianta facente parte della famiglia degli arbusti che proviene da zone tropicali e che, proprio per questo suo DNA, riesce ad adattarsi alla perfezione anche ad un clima tropicale. Ma quali sono gli elementi estetici che la caratterizzano? Sicuramente uno di questi è la sua formazione ad arbusto in grado di raggiungere i due metri di altezza.

La caratteristica estetica più evidente, però, è rappresentata dai fiori. Questi, infatti, hanno proprio la forma di trombette, da cui deriva il nome trombone d’angelo. Solitamente il loro colore è il bianco ma non è raro trovarli anche rosa, rossi o gialli.

Per quanto riguarda la fioritura, poi, questa avviene dall’estate fino all’autunno, sfruttando proprio il sole più intenso e le temperature migliori per le sue necessità. Fino a questo punto tutto sembrerebbe descrivere una pianta perfetta per abbellire in modo significativo il proprio giardino, puntando soprattutto sulla bellezza dei fiori. Non tutti sanno, però, che dietro a questa gradevolezza si nasconde un segreto.

I tromboni d’angelo, infatti, sono delle piante velenose. Questo vuol dire che vale il concetto guardare ma non toccare, se non con dei guanti protettivi. Nonostante ciò, però, è sempre molto presente negli spazi esterni, trattandosi anche di una pianta forte e resistente. Nel caso foste stati conquistati dai suoi fiori, proviamo a vedere insieme i segreti che si celano per una perfetta moltiplicazione e coltivazione.

1. Come coltivare il trombone d’angelo

trombone-angelo-2

Se avete intenzione d’inserire quest’arbusto all’interno del vostro giardino è bene conoscere subito quali sono gli elementi necessari per un ottimo sviluppo. Il primo aspetto da considerare è la scelta dell’esposizione migliore, soprattutto se si decide di coltivarla a terra. In caso di errore, infatti, non sarebbe possibile spostarla. Iniziamo con il dire, dunque, che uno dei fattori essenziali per coltivare il trombone d’angelo è l’identificazione di un luogo semi ombreggiato.

Questa pianta, infatti, pur amando le temperature calde, preferisce non essere esposta direttamente ai raggi del sole per l’intera giornata. Oltre a questo, poi, si tratta di una specie che predilige la solitudine. Ovviamente è un aspetto che permette alla pianta di espandersi senza problemi in altezza ma, soprattutto, in larghezza.

Per quanto riguarda il terreno non richiede delle caratteristiche precise, visto che riesce ad adattarsi con grande facilità. Dovendo preparare un habitat perfetto per il suo sviluppo, però, è preferibile un terriccio con calcare e sostanze organiche. Terminiamo con l’irrigazione che deve essere frequente solamente nei mesi più caldi.

2. Moltiplicazione per talea

trombono-angelo-3

Una volta considerata la coltivazione, che è molto semplice e non richiede delle conoscenze botaniche specifiche, è la volta di vedere più da vicino com’è possibile moltiplicare il trombone d’angelo tramite talea. Essenziale è avere a disposizione un ramo cresciuto durante l’anno. Dopo di che si procede a dividerlo in tanti pezzi della lunghezza di circa 20 centimetri. Una volta tolte tutte le foglie, poi, è la volta di inserire le talee ricavate all’interno di un barattolo con dell’acqua al suo interno.

Il passo successivo prevede di lasciare l’insieme all’interno di un luogo mediamente fresco. Diciamo che la temperatura ottimale dovrebbe aggirarsi tra i 18 e 20 gradi. Una volta conclusa questa fase non rimane che armarsi di un po’ di pazienza ed aspettare che trascorrano due settimane. In questo tempo, infatti, dai rametti tagliati dovrebbero iniziare a spuntare delle radici che, riusciranno a riempire tutto il recipiente.

Un fenomeno naturale che determina anche il momento giusto per piantare ogni singola talea all’interno di un vasetto della circonferenza di 10 centimetri. Al suo interno si consiglia di inserire del terriccio fertile. A  questo punto non rimane che attendere di veder crescere le nuove piante e travasarle in vasi più grandi con il loro sviluppo.

3. Condizioni ideali durante l’inverno

trombone-angelo-4

Fino a questo momento abbiamo considerato le condizioni giuste per far crescere e prosperare questo tipo di pianta durante il periodo più caldo. Cosa si deve fare, però, quando il freddo dell’inverno avanza con sempre meno luce. Iniziamo con il dire che, trattandosi di una specie piuttosto resistente, i mesi freddi non dovrebbero rappresentare un problema, soprattutto nelle zone con clima mediterraneo. Anche l’assenza di luce non crea danni alla successiva fioritura.

Anzi, nel caso in cui la pianta si trovi in vaso, è proprio consigliabile porla in un luogo ombreggiato o buio durante tutto il periodo di riposo vegetativo. In questo modo sarà perfetta quando, una volta tornata la primavera, riprenderà la sua posizione abituale su di un ampio terrazzo o vicino ad un porticato, spandendo tutto il suo inebriante profumo all’interno della casa.

Trombone d’angelo moltiplicazione: foto e immagini

Il trombone d’angelo è una pianta che fa parte della famiglia degli arbusti e che può essere usata per abbellire il giardino della propria casa grazie ai suoi caratteristici fiori. I colori possono variare dal bianco, al rosa fino al rosso più intenso. Lasciatevi ispirare dalla loro bellezza nelle immagini inserite in galleria.