Sundevilla coltivazione


Sundevilla coltivazione


La Sundevilla o Sundaville come spesso viene chiamata è una pianta dal design decorativo e vivace coltivata a scopo ornamentale nelle zone costiere e nelle zone con clima mite.

Sundavilla- foto


Caratteristiche della Sundaville

La Sundevilla è una pianta rampicante della famiglia delle Apocinacee, originaria dell’Argentina, del Messico, del Brasile, delle Indie Occidentali e del Cile

La parte aerea della pianta si presenta con un fitto intreccio di rami verdi e lunghi che se non potati possono raggiungere anche i 4 metri.

Le foglie fitte, lisce e coriacee sono di colore verde brillante a margini interi e lamine con una evidente nervatura centrale di colore verde pallido.


Leggi anche: Sundevilla: malattie, parassiti e cure

Sundeville-foglie

Tra il verde del fogliame spuntano dei bellissimi fiori a forma di trombetta il cui colore varia dal rosa al rosso rubino.

I fiori isolati o riuniti in grappoli ascellari o apicali, hanno una vistosa corolla composta da cinque petali che si fondono alla base formando un lungo tubulo sorretto da un calice a 5 sepali di colore verde scuro.

mandevilla-sundevilla

Per le sue caratteristiche, spesso la Sundevilla viene confusa con la Dipladenia mandevilla riconoscibile invece per i fiori più appariscenti e per la rugosità dalle foglie.

Fioritura

La Sundevilla se ben curata  fiorisce copiosamente dalla primavera fino all’autunno inoltrato.

Sundavilla-fiori

Coltivazione della Sundevilla

Esposizione

E’ una pianta ornamentale che ama i luoghi luminosi ma non esposti ai raggi diretti del sole; teme gli ambienti troppo secchi e quelli troppo ventilati. E’ sensibile  al gelo e alle temperature al di sotto dei 6-9°.

Terreno

Predilige terriccio leggero, misto a torba e sabbia, ricco di sostanza organica e ben drenato.

Annaffiature

La Sundevilla è una pianta molto esigente di acqua, richiede infatti regolari annaffiature a giorni alterni e nebulizzazioni fogliari con acqua a temperatura ambiente con frequenza settimanale. Teme però i ristagni idrici e per questo motivo è consigliabile svuotare il sottovaso dall’acqua di drenaggio dopo 30 minuti dalle annaffiature.

Concimazione

Dalla ripresa vegetativa e fino a fine fioritura il terreno di coltivazione va arricchito, ogni 20 -30 giorni con concime specifico per piante da fiore diluito all’acqua delle annaffiature in ragione di 10/20 grammi o secondo le dosi consigliate alla confezione. In alternativa, in autunno e in marzo, somministrare alla base del colletto del concime granulare universale a lenta cessione.

Sundevilla-Mandevilla

Sundevilla: coltivazione in vaso

Questa pianta da fiore grazie al suo portamento elegante e alla sua prolungata fioritura è diventata la regina dei balconi infatti viene coltivata in ampie ciotole, panieri sospesi o in fioriere rettangolari sulle ringhiere o a ridosso dei muri fornite di un supporto o grata. Il terriccio deve essere fertile soffice e come materiale drenante per il fondo dei pezzi di coccio o argilla espansa. Le annaffiature devono essere praticate con frequenza soprattutto in estate, diradate in autunno e sospese in inverno. Anche le concimazioni vanno praticate con regolarità. In inverno se il clima locale è troppo freddo i vasi vanno spostati in un ambiente protetto.

sundevilla-sundaville

Moltiplicazione della Sundevilla

La Sundevilla come le altre piante della stessa specie come la dipladenia mandevilla, si moltiplica per seme e per talea.

La semina si pratica in primavera in un terriccio leggero, composto da torba e sabbia. La germinazione dei semi è sicura se il semenzaio viene posto in un luogo caldo alla temperatura minima di 22 gradi centigradi. Le nuove piante metteranno i primi fiori verso il terzo anno di vita.

Propagazione per talea

La propagazione per talea apicale si effettua all’inizio della primavera prelevando con cesoie ben affilate e disinfettate rametti laterali dell’anno lunghi all’incirca 10 centimetri.

Le talee vanno messe a radicare in un miscuglio di torba e sabbia in parti uguali a una temperatura costante di 25 ° C.

A radicazione avvenuta, circa 1 mese, si cima il germoglio principale per stimolare la produzione dei rami laterali.

Sundevilla

Impianto o messa a dimora

Quando le piantine di Sundevilla sono abbastanza sviluppate si trapiantano singolarmente in piccoli vasi dal diametro massimo di 15 cm. Se si coltivano in piena terra le buche che devono accoglierle devono essere più grandi del pane di terra che avvolge l’apparato radicale.

Abbinamenti

Le piante dii Sundevilla si possono abbinare con altre splendide piante tropicali aventi le stesse esigenze colturali: Abutilon, Cassia e Datura.

rinvaso

Rinvaso della Sundevilla

Il rinvaso della sundevilla va fatto ogni 2 anni o quando le radici fuoriescono dai fori di drenaggio dell’acqua delle annaffiature.

I vasi devono essere di qualche cm più grande. Il rinvaso si effettua all’inizio della primavera, utilizzando terreno fertile misto a torba e sabbia grossolana.

rinvaso

Per garantire un perfetto drenaggio sistemare sul fondo del vaso uno strato di pezzi di coccio o pietrisco. Per evitare di traumatizzare le radici è consigliabile lasciarle avvolte nel loro pane di terra. Se usate fioriere luminose a lampade led l’effetto sarà spettacolare.

 

Sundavilla-foto

Potatura della sundevilla

Per favorire l’emissione di nuovi getti, la successiva fioritura e l’incespimento basale, la sundevilla va potata dopo la fioritura accorciando drasticamente i rami dell’anno a circa 5 cm dal livello del terreno.

Se si vuole una pianta abbarbicata a ringhiere o ad altri tipi di sostegno basta una leggera cimatura degli apici.

Per contrastare la lignificazione dei rami e per ottenere fioriture più abbondanti potare la Sundevilla in primavera.

 

Sundavilla-cocciniglia

Parassiti e malattie della Sundevilla

La Sundevilla teme il marciume radicale, il ragnetto rosso e la cocciniglia. Per approfondimenti, rimedi e trattamenti: Sundevilla: malattie, parassiti e cure.

Cure e trattamenti

E’ una pianta che teme il freddo e quindi se coltivata in vaso va protetta in un luogo luminoso. Nelle zone in cui gli inverni sono miti anche se la Sundevilla perderà gran parte delle foglie non bisogna preoccuparsi per la sua salute, perchè con l’arrivo della primavera emetterà nuovi germogli fin dalla parte più bassa dei rametti.

Necessita di trattamenti fitosanitari specifici solo in caso di estesi attacchi parassitari.

Curiosità sulla sundevilla

La pianta ha una linfa che può irritare la pelle quindi è bene maneggiarla con guanti.

La pianta differisce dalla mandevilla dipladenia di cui è un ibrido, per pochi particolari, tra cui le foglie.

Significato dei fiori

Nel gergo dei fiori la sundevilla assume il significato di amore evidente.

La sundevilla è velenosa?

E’ una pianta leggermente tossica per gli animali domestici quali cani e gatti.

Usi della Sundevilla

E’ una splendida pianta rampicante coltivata a scopo ornamentale nelle zone luminose e anche a mezz’ombra nei giardini costieri. Spesso viene coltivata anche come pianta a portamento ricadente nei panieri sospesi o per coprire muri di recinzione.

Galleria foto Sundaville

LauraB

Commenti: Vedi tutto