Edraianthus

Revisore:
Laura Bennet
  • Docente sc. biologiche
Autore:
Elisa Cardelli
  • Autore - Laurea in Semiotica

L’Edraianthus è una pianta apprezzata per via dei suoi splendida fiori campanulati di colore blu-violetto. La sua coltivazione non è complessa, ma ci sono degli aspetti da tenere bene a mente per far crescere questa pianta al meglio: scopriamo insieme tutto quello che c’è da ricordare per non commettere errori.

Edraianthus-01
Photo by Kor!An (Андрей Корзун) – Wikimedia Commons

La pianta di Edraianthus fa parte della famiglia delle Campanulaceae ed è caratterizzata dalla presenza di fiori di colore blu-violetto che subito attirano l’attenzione per via del loro aspetto così elegante. La coltivazione di questa specie perenne non è complessa anche se chiaramente è necessario conoscere le esigenze della pianta per non commettere errori: impariamo allora a conoscerla nel dettaglio.

Edraianthus-02
Photo by manuseitz – Wikimedia Commons

Caratteristiche generali dell’Edraianthus

Edraianthus-03
Photo by Ghislain118 – Wikimedia Commons

L’Edraianthus è una specie di pianta perenne che si riconosce per via delle sue foglie verdi chiaro che risultano essere lunghe e in grado di formare interessanti rosette che a volte arrivano perfino a misurare 8 cm. Queste foglie assomigliano a quelle delle graminacee anche se hanno delle peculiarità che le rendono comunque facilmente distinguibili.

Particolarmente interessanti sono i fiori di colore blu-violetto che sbocciano nel periodo che va da giugno ad agosto. Durante l’estate dunque è possibile ammirare la fioritura della pianta che si mostra con questi appariscenti fiori riuniti in bouquet proprio all’estremità degli steli.

Trattandosi di piante erbacee perenni, queste restano verdi durante tutto l’anno anche se possono entrare in riposo vegetativo quando le temperature appaiono poco adatte allo sviluppo.

Coltivazione

Edraianthus-04
Photo by Ghislain118 – Wikimedia Commons

L’Edraianthus è una pianta ideale da coltivare nei giardini rocciosi dove è in grado di dare il meglio di sé sviluppandosi fino a dar vita a macchie verdi davvero interessanti. Proprio come anche l’Acantholimon, si tratta quindi di una specie perfetta per chi desidera dare un aspetto unico e caratteristico ai giardini rocciosi.

La pianta cresce anche negli interstizi dei muretti, nei lastricati e nelle conche dove riesce a donare un po’ di colore con le sue foglie e soprattutto con i suoi splendidi fiori.

Esposizione

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Photo by Krzysztof Ziarnek, Kenraiz – Wikiledia Commons

La pianta cresce bene quando viene posta in una posizione soleggiata, ma comunque si tratta di una specie rustica e dunque non ha particolari esigenze. Trattandosi di una pianta erbacea perenne, questa vive tutto l’anno sopportando anche le temperature più rigide (resiste infatti fino ai -20°C senza problemi).

Durante i periodi più freddi dell’anno comunque la pianta tende ad andare in riposo vegetativo per poi riprendere la fase di vegetazione non appena le condizioni climatiche tornano ad essere favorevoli.

Terreno

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
Photo by Orjen – Wikimedia Commons

Il terreno ideale per la crescita della pianta dovrebbe essere roccioso in quanto si tratta di una specie che si sviluppa al meglio nei giardini rocciosi. Per crescere non ha quindi necessità di un terreno particolarmente ricco.

Irrigazione

Edraianthus-07
Photo by Ghislain118 (AD) – Wikimedia Commons

L’Edraianthus non ha particolari necessità di irrigazione in quanto si tratta di una specie vegetale che cresce bene anche senza un costante apporto idrico. In genere, dunque, le piogge sono sufficienti per fare in modo che possa crescere al meglio senza problemi.

Potatura

Edraianthus-08
Photo by Krzysztof Ziarnek, Kenraiz – Wikimedia Commons

Trattandosi di una pianta rustica, questa cresce senza necessità di potatura. Ovviamente, è possibile avere l’accortezza di eliminare le foglie secche e i fiori ormai morti quando restano sulla pianta invece di cadere da soli.

Concimazione

Edraianthus-09
Photo by Lalakmus – Wikimedia Commons

L’Edraianthus non ha bisogno di concimazione dal momento che si sviluppa al meglio in terreni poveri come quelli dei giardini rocciosi.

Rinvaso

Edraianthus-10
Photo by Boris Gaberšček – Wikimedia Commons

Questa pianta va piantata direttamente nella zona del giardino dove la si vuol far sviluppare e dunque non ha necessità di rinvaso.

Malattie e parassiti

Edraianthus-11
Photo by Salicyna – Wikimedia Commons

L’Edraianthus è parecchio rustica e dunque non viene in genere intaccata da malattie o parassiti particolari. Di certo è bene fare attenzione ad evitare un eccessivo apporto idrico che causerebbe il marciume alle radici e il conseguente deperimento della pianta. Ecco allora che sapere come prevenire e curare il marciume radicale prima che sia troppo tardi diviene molto importante per fare in modo che l’Edraianthu possa crescere in salute.

Moltiplicazione

Edraianthus-12
Photo by Sdjurovic – Wikimedia Commons

La moltiplicazione avviene tramite talea oppure tramite semina.

Moltiplicazione tramite talea

Durante il periodo che va da luglio ad agosto, è necessario prelevare delle talee di 4 cm circa dai germogli basali che non hanno fiori. Queste talee vanno messe poi a radicare in sabbia e torba in letto freddo in modo che possano svilupparsi prima di piantarle in contenitori singoli riempiti con composta da vasi.

Dopo circa un anno le piantine saranno abbastanza robuste e forti per essere piantate in piena terra.

Moltiplicazione tramite semina

La pianta si può moltiplicare anche tramite semina decidendo di seminare a marzo in vassoi pieni di composta da semi. Non appena le piantine appaiono robuste, queste vanno rinvasate in contenitori singoli dove resteranno fino al momento di piantarle in piena terra dopo qualche mese.

Edraianthus: foto e immagini

L’Edraianthus è una splendida pianta erbacea che tutti possono apprezzare per via dei suoi bellissimi fiori blu-violetto. Vediamo allora una galleria immagini che permetterà di ammirare ogni dettaglio di questa specie così interessante.