Piante grasse disidratate: trucchi per rianimarle

Solitamente si pensa che questo tipo di piante abbiano una grande resistenza anche di fronte alle condizioni climatiche più avverse. In realtà non è esattamente vero. Pur richiedendo meno cure, è bene prestare attenzione ad alcuni problemi. Uno dei più importanti è la disidratazione. Scopriamo come correre ai ripari.

piante-grasse.disidratazione-1

Quando la primavera bussa alla porta con prepotenza grazie ai suoi profumi, alle giornate più lunghe e alle temperatura diventate improvvisamente confortevoli, immediatamente nasce un desiderio irrefrenabile di arricchire la propria casa con i colori accesi di piante e fiori.

Non tutti, però, hanno lo spazio e, soprattutto, la capacità di gestire al meglio l’impegno richiesto dalla cura di questi naturali elementi di abbellimento e arredo. Cosa fare, però, se proprio non si vuole rinunciare a dare un tocco di verde e vitalità ai propri ambienti? Solitamente la soluzione suggerita a tutti coloro che non sono dotati del famoso pollice verde o non intendono impegnarsi troppo in attività di giardinaggio, è l’acquisto di quelle che vengono definite piante grasse.

In effetti, rispetto ad altre, queste sembrano aver il pregio di resistere quasi in modo autonomo anche alle condizioni più avverse e di riuscire a fiorire nonostante dimenticanze e scarse cure. Ma sarà veramente così? La risposta è ovviamente negativa.

Per quanto, infatti, questo tipo di piante possono mostrare una resistenza superiore al normale e a non risentire troppo di sbalzi di temperatura o assenza di irrigazione, possono presentare dei problemi cui è necessario trovare una soluzione nel più breve tempo possibile. Uno di questi, ad esempio, è la disidratazione. Vediamo insieme alcuni trucchi per rianimare le nostre piante grasse preferite.

1. Piante grasse disidratate: la diagnosi

piante-grasse-disidratazione-2

Prima di trovare la soluzione migliore per far fronte a questo problema, però, è necessario comprendere se affligge effettivamente la propria pianta o se si tratta di ben altro. Per arrivare alla giusta diagnosi è sufficiente   osservare con molta attenzione le foglie, soprattutto quelle inferiori e alla sommità. Nel corso del suo sviluppo, infatti, la pianta è fisiologicamente destinata a perdere del fogliame vecchio per far spazio a quello nuovo. il normale processo di rinnovamento, però, riguarda nello specifico quello posto in basso.

Queste, infatti, una volta seccate, possono essere delicatamente rimosse per far spazio alle altre. Nel caso in cui, però, la stessa situazione si presenta alla sommità della pianta, allora è il momento d’intervenire in modo chiaro e diretto. Un segno inequivocabile della disidratazione è la presenza di grinze e pieghe sulla superficie del fogliame, cui segue anche un appiattimento dello spessore. Se, dunque, osservando i vasi con la composizione delle vostre piante grasse individuate questi segni particolari, vuol dire che vi trovate effettivamente di fronte ad un problema da dover risolvere.

Potrebbe interessarti 10 piante grasse da interno

2. Piante grasse disidratate: le varie tipologie

piante-grasse-disidratazione-3

Abbiamo già sfatato la credenza inesatta che una pianta grassa possa vivere e proliferare senza nessun tipo di cura. Ora, però, è necessario fare un altro passo avanti nella loro conoscenza e comprendere che non tutte le tipologie hanno le stesse caratteristiche e le medesime necessità. Iniziamo con il dire che gran parte delle specie sono capaci di trattenere al loro interno l’umidità e, quindi, resistere a dei periodi di lunga siccità senza mostrare apparenti segnali di sofferenza. Questo, però, non vale per tutte le piante grasse.

In sostanza, dunque, è bene fare molta attenzione nel momento dell’acquisto, considerando delle variabili importanti come il clima con cui dovranno confrontarsi, l’esposizione, nel caso in cui vengano piantate a terra e, soprattutto il tempo e la cura che si vuole dedicare loro. Tutto questo serve per abbinare alla perfezione la giusta pianta grassa al perfetto habitat. Non tutti sanno, infatti, che alcune richiedono una coltivazione esclusivamente indoor, con una esposizione limitata ai raggi del sole più aggressivi.

3. Piante grasse disidratate: innaffiatura

piante-grasse-disidratate-4

Per evitare che una pianta soffra le temperature più alte fino a disidratarsi si deve inevitabilmente porre molta attenzione ad una irrigazione costante. Questo è un principio valido per la salute di qualunque giardino o per le composizioni con cui abbellire gli interni della propria abitazione. Per quanto riguarda le piante grasse, però, si tratta di un argomento molto particolare e da considerare con attenzione. In effetti, per molte tipologie di succulente, è sufficiente anche una goccia in più per indurla a marcire.

Come utilizzare, dunque, l’acqua per evitare o curare la disidratazione senza rischiare la morte della propria pianta? Il segreto risiede, molto semplicemente, in una innaffiatura diversa a seconda della stagione che si affronta. Per quanto riguarda l’autunno e l’inverno, sono due momenti che vengono definiti di risposo. Questo vuol dire che il pericolo di disidratazione è praticamente nullo.

La pianta grassa, infatti, se arrivata sana a questo periodo dell’anno, può tranquillamente sopravvivere con un’irrigazione  rara e leggera. Non essendo esposta a caldo e umidità, può ricorrere alle scorte accumulate all’interno delle sacche spugnose del fogliame. Per questo motivo, dunque, si consiglia di testare l’umidità del terriccio prima di aggiungere nuova acqua e rischiare di marcire le radici.

Diverso è il discorso per quanto riguarda la primavera ed estate. Questi, infatti, sono i mesi dedicati alla crescita e allo sviluppo. Per questo motivo, per resistere ad una esposizione al sole e alla luce sempre più costante, è importante innaffiare con maggior regolarità. Anche in questo caso, però, prima di procedere si consiglia sempre di testare l’effettiva umidità del terreno. Nel caso sia ancora bagnato si è bene aspettare un giorno per aggiungere acqua.

Piante grasse disidratate: foto e immagini

Se avete acquistato delle piante grasse ed oggi, dopo averle trascurate, trovate degli evidenti segni di disidratazione non dovete stupirvi ma agire immediatamente con la giusta dose di irrigazione. Presto torneranno ad avere un aspetto sano come quelle delle foto nella galleria.