Zagare fiori delle spose

Paola Palmieri
  • Dott. in Scienze della Comunicazione

Zagare fiori delle spose: tra aprile e maggio il candore di questo splendido fiore saprà come rapirti e conquistare i tuoi cinque sensi. Scopriamo di più su questi fiori eleganti e profumati. Curiosità, caratteristiche e come prendersene cura. Leggi di più con noi.  

UK_orange-tree-blossom

La zagara deve il suo nome all’arabo “zahara” che vuol dire splendere di luce bianca e “zahr”, cioè fiore. Divenuto poi simbolo della bellissima isola siciliana. Stiamo parlando di un fiore, la zagara appunto, che tra aprile e maggio fa capolino tra i rami degli alberi di limoni, arance e bergamotto.

Si presenta con brillanti petali bianchi (dai 3 ai 7 in base alla varietà), filamenti con antere dorate di polline e un pistillo dalla stimma che ricorda il colore del frutto che nascerà.

Facilmente riconoscibili tra i campi inebriano l’aria del loro profumo, dolce e delicato, ispirando profumi e piatti tipici del Mediterraneo. Considerato da sempre un portafortuna la zagara viene definita anche come “fiore delle spose” e si è soliti usarne qualcuno per impreziosire l’abito nuziale, farne un delicato bouquet o decorare il tavolo del banchetto.

Simbolo di fecondità e fertilità scopriamo di più su questo fiore.

zagare_1

Zagara: le caratteristiche principali del fiore bianco

Fiori-di-zagara

Il profumo inebriante delle zagare che si diffonde dai giardini, dai frutteti e dai terrazzi crea nell’aria delle atmosfere rilassanti soprattutto al tramontare del sole. Immagine romantica e seducente che fa delle zagare un fiore molto amato in primavera.

Fiori ermafroditi dall’aspetto carnoso con corolla stellata, le zagare hanno il periodo di massima fioritura in primavera aprile-maggio. Il loro profumo attira gli insetti impollinatori che svolazzano operosi di fiore in fiore. Veniamo alla coltivazione.

Che ne dici di dedicar loro un angolo in terrazza? Vediamo come ricreare le condizioni ideali. 

La coltivazione di zagare

zagare_11

Pianta arborea sempreverde appartenente alla famiglia delle Rutacee e originaria dell’area Sud-orientale dell’Asia: queste le caratteristiche della pianta d’Arancio. Facile da coltivare e spesso impiegata come elemento ornamentale sui balconi o nei giardini.

Una singola pianta di arancio, collocata su un innesto vigoroso, è in grado di produrre abbondanti frutti per periodi molto lunghi di dimensioni e colorazioni diverse in base alla varietà.

I fiori d’arancio o zagare presentano un’altezza variabile da un minimo di 1 fino a un massimo di 2 metri. Per ottenere una fioritura abbondante, è necessario seguire poche regole. Leggiamole insieme:

  • temperatura compresa tra i 27 e i 29°C (massimo di circa 32°C);
  • prediligere una posizione in pieno sole
  • terreno fresco, argilloso e ricco di sostanza organica.
  • pH compreso tra 6,5 e 7,5.

Benefici e proprietà

zagare_9

Per le sue caratteristiche principali, il fiore d’arancio si presta a moltissimi usi. Diversi i benefici che, infatti, si registrano: ottimo alleato per scopi cosmetici, fitoterapici e culinari.

L’acqua aromatizzata ai fiori d’arancio – tanto per cominciare – viene utilizzata come base per dolci e pasticcini, nella cucina medioerientale, conferendo ai prodotti un piacevole sapore agrumato. Il polline dei fiori d’arancio, inoltre, dà vita ad un gustoso e dolce miele di zagara. Tutto da provare!

In campo cosmetico, è utile per combattere la cellulite, rilassare e tonificare la pelle. Ma le Zagara vengono impiegate anche in erboristeria registrando effetti benefici sia sul sistema nervoso che sull’apparato digerente, favorendo l’appetito e la digestione.

Le sue qualità sono davvero numerose ed è difficile elencarle tutte: riesce a migliorare gli stati di ansia, lo stress e l’insonnia e, associato all’uso di miele, cannella e limone, può calmare anche la tosse e il mal di gola. Ottimo, infine, come prodotto antizanzare nella sua versione di olio essenziale. Concludiamo il nostro approfondimento circa questo incantevole fiore con qualche curiosità. Pronto a leggerle?

Zagare fiori delle spose: curiosità

zagare_7

I fiori d’arancio sono da sempre associati alle nozze e, nel linguaggio dei fiori, hanno un significato molto profondo. Sono infatti simbolo di purezza, di fedeltà e di amore. Tra leggende e tradizioni spesso questo fiore è protagonista di incantevoli bouquet, accompagnando la sposa all’altare con eleganza e un profumo inconfondibile.

La leggenda narra che, in una bellissima isola, vi fosse un giardino dove tre fanciulle, figlie di Altante e della Notte, custodivano un albero da frutto: l’arancio. Dono della Dea Terra a Zeus per le sue nozze. Ecco perché ancora oggi i fiori di questa pianta sono considerati di buon augurio e, accompagnati a fiori di gelsomino e foglie d’arancio vanno a creare dei delicati bouquet completando il look della sposa.

Zagare fiori delle spose: foto e immagini

Dopo aver concluso la lettura del nostro articolo, non ti resta che compiere un ultimo passo. Sfoglia insieme a noi di Casa e giardino la galleria di immagini che segue e lasciati ispirare da alcune idee in foto. Il profumo delle zagare è pronto ad ammaliarti: fai spazio alla bellezza ovunque tu voglia.