Concime per agrifoglio in vaso

Grazie L’alle sue bacche rosse lo abbiamo sempre identificato come una pianta natalizia, l’agrifoglio, però, è un sempreverde con cui ornare il proprio giardino tutto l’anno. Scopriamo insieme qual è il concime giusto per coltivare questa pianta anche in vaso.

agrifoglio-concime-vaso-3

Quando si parla di agrifoglio immediatamente nella mente di tutti appaiono immagini natalizie con tanto di ghirlande addobbate, pacchetti sotto l’albero e auguri di buona fortuna. A dispetto di una chiara identificazione stagionale, però, questa pianta facilmente riconoscibile per le sue bacche rosse, ha una vita ben più lunga. Si tratta, infatti, di un sempreverde che, grazie al suo folto fogliame, riesce ad abbellire ed arricchire gli spazi esterni.

Oltre ai suoi pregi estetici, però, ha anche altri aspetti positivi che potrebbero renderla una delle coltivazioni più amate, soprattutto da chi non vuole impegnarsi troppo nel giardinaggio. In modo particolare è apprezzata la sua forza e la grande capacità di adattamento. Infatti, trattandosi di una specie piuttosto rustica, è possibile coltivarla senza troppi problemi sia a terra che in vaso.

Ma quali sono le origini dell’agrifoglio? Si tratta di una pianta che arriva da lontano, visto che già nell’antica Roma ne facevano un vasto uso. In modo particolare si credeva che le sue spine fossero una sorta di difesa. Per questo motivo veniva piantato davanti le case per tenere lontane le forze negative. Dal punto di vista strettamente pratico, invece, i suoi rami erano utilizzati per proteggere la carne ed altri alimenti dall’attacco dei topi.

E, proprio per questo motivo, viene chiamato anche pungitopo. Oggi tutto questo non fa più parte della quotidianità e l’agrifoglio ha un valore esclusivamente estetico e ornamentale. Per ottenere una pianta sana e lussureggiante, però, è necessario capire esattamente quale tipo di concime è necessario usare, in modo particolare se si desidera una coltivazione in vaso e non a terra. Scopriamo insieme tutti i particolari per nutrire nel migliore dei modi il proprio agrifoglio nel caso si desideri inserirlo in casa o sul proprio balcone.

1. Concime per agrifoglio: caratteristiche

agrifoglio-concime-vaso-4

Quali sono le caratteristiche estetiche dell’agrifoglio? Come riconoscere la pianta al primo colpo d’occhio? Iniziamo con il dire che ha una crescita cespugliosa e, proprio per questo, sembra essere la scelta ideale per creare delle barriere naturali tra un giardino e l’altro. I rami, invece, sono caratterizzati da un color verdastro e ricoperti di da una leggera peluria durante il primo anno di vita. Per quanto riguarda il fogliame, invece, è caratterizzato da un colore molto vivo e brillante che mostra delle sfumature gialle, bianche e crema.

Per quanto riguarda la struttura e la solidità della corteccia, poi, ha una consistenza adatta per piccoli lavori di falegnameria. In passato, infatti, soprattutto in Inghilterra, i rami di agrifoglio venivano utilizzati per modellare e creare i pezzi degli scacchi. Oltre a questo, poi, non tutti sanno che l’agrifoglio produce dei fiori, che si presentano nel pieno della primavera, tra il mese di aprile e maggio. Nelle piante femminili i petali sono di un candido bianco. In quelle maschili, invece, hanno sfumature di rosso.

Potrebbe interessarti Agrifoglio

Le bacche, che sono ben note agli amanti delle feste natalizie, invece, sono i frutti che appaiono esclusivamente su quelle che possono essere definite come piante femmina, come conseguenza dell’impollinazione. La loro maturazione, ovviamente, coincide con il periodo invernale e riesce a durare a lungo. Attenzione, però. Bisogna ricordare che le bacche rosse sono assolutamente velenose per l’uomo, mentre nutrono tranquillamente gli uccelli.

2. Concime per agrifoglio: coltivazione in vaso

agrifoglio-concime-vaso-2

Solitamente l’agrifoglio viene coltivato a terra. In questo modo, infatti, riesce a resistere alla perfezione ad alcune condizioni climatiche specifiche come la siccità e il caldo. Allo stesso tempo, poi, sopravvive al freddo senza mostrare cedimenti o punti deboli. Una forza e una robustezza che, però, si affievoliscono leggermente quando si decide di coltivare la pianta in vaso.

In questo caso, infatti, è necessario prestare maggiore attenzione ad alcuni particolari per far in modo che l’agrifoglio cresca rigoglioso. In modo particolare è fondamentale proteggere la pianta dal freddo e il gelo. La pianta, in questo caso, deve essere salvaguardata spostandola in un luogo più riparato o coprendola con un telo di plastica per la durata della stagione invernale o fino a quando non è terminata l’ondata di freddo più pungente.

Altra accortezza va riservata anche all’irrigazione. Se nelle piante a terra l’acqua deve essere centellinata anche nei periodi più caldi, in quelle in vaso si deve ricordare di innaffiare una volta a settima. Oltre a questo, però, è consigliato sempre prestare attenzione all’umidità del terriccio. Questo, infatti, non deve essere mai troppo bagnato, evitando anche i ristagni che potrebbero incidere in modo negativo sulle radici.

3. Concime per agrifoglio: elementi fondamentali

agrifoglio-concime-vaso-5

Prima di soffermarci sulla composizione giusta del concime per agrifoglio in vaso è opportuno spendere alcune parole sul tipo di vaso da scegliere. Questo, infatti, deve essere sempre di dimensioni medio grandi rispetto alla pianta acquistata.

In questo modo, infatti, si permette alla pianta di crescere indisturbata senza restrizioni, espandendo le sue radici. Una volta chiarito questo punto importante, vediamo come gestire la composizione del concime e, soprattutto, come stratificare la terra nel modo giusto. Il primo strato è sempre composto dall’argilla, che deve servire per drenare nel migliore dei modi l’acqua.

Su questa deve essere adagiato un secondo strato di terriccio acido, fondamentale per il nutrimento dell’agrifoglio. Questo miscela, però, non è sufficiente. Il concime, infatti, è un elemento importante da inserire in determinati periodi dell’anno. Questo vuol dire che in primavera è necessario aggiungere potassio e azoto, mentre durante l’inverno si deve intervenire con del concime organico. Poche mosse, dunque, grazie alle quali l’agrifoglio riuscirà a diventare sempre più rigoglioso. Oltretutto, visto la crescita piuttosto lenta, non è nemmeno necessario potare la pianta.

Concime per agrifoglio in vaso: foto e immagini

Conosciuto soprattutto per le decorazioni natalizie in cui viene inserito, l’agrifoglio è una pianta sempreverde in grado anche di essere coltivato in vaso purché si utilizzi la giusta composizione di concime. Attraverso le foto in galleria scopriamo le caratteristiche e la bellezza di questa pianta.