Come pulire il tagliere senza fatica ed errori da non fare

Pulire correttamente il tagliere significa prolungare la durata di questo oggetto essenziale in cucina. Scopriamo allora come pulire nel modo migliore, senza sforzo,  non solo i taglieri in legno, ma anche i taglieri in plastica, in marmo e in silicone.

pulire-tagliere-lunga-durata-01

I taglieri sono indispensabili in cucina in quanto permettono di tagliare ogni tipo di alimento senza rovinare il piano di lavoro. In commercio oggi esistono modelli di differenti dimensioni che possono essere realizzati con vari materiali.

Quando si sceglie il tagliere da acquistare è bene tenere in considerazione non solamente il fattore estatico, ma anche le caratteristiche igienico-sanitarie del prodotto. Ci sono infatti alcuni materiali che accumulano meno impurità e batteri di altri e quindi è chiaro che andrebbero preferiti.

La pulizia è in realtà fondamentale indipendentemente dal materiale con cui è realizzato un tagliere. Eliminare in modo efficace i residui di cibo che si accumulano soprattutto nei solchi creati dal coltello è essenziale per evitare problemi di salute. Anche le macchie antiestetiche e gli odori sgradevoli che si annidano sul tagliere sono un grande problema e solo una pulizia profonda permette di eliminarli.

La pulizia dei taglieri è un’azione semplice e abbastanza rapida, l’importante è sapere come comportarsi a seconda dei materiali. Grazie ad alcuni prodotti facilmente reperibili infatti sarete in grado di far tornare il tagliere quasi come nuovo. Scopriamo quindi come agire per pulire il tagliere conferendogli una lunga durata.

pulire-tagliere-lunga-durata-02

Pulire il tagliere in legno in modo veloce senza sforzo

pulire-tagliere-lunga-durata-03

Il tagliere in legno era molto presente nelle cucine fino a qualche decine di anni fa. Attualmente questa tipologia di prodotto è stata in molti casi rimpiazzata da taglieri di altri materiali. Il legno è infatti un materiale delicato per nulla semplice da pulire a fondo.

Essendo poroso, il legno assorbe sia gli odori che i batteri e per tale motivo non è altamente igienico. Proprio per questo motivo i taglieri di legno sono vietati nelle cucine professionali e spesso anche un uso domestico molto prolungato viene sconsigliato.

Per pulire i taglieri in legno e prolungare quindi la loro longevità è bene evitare di tenerlo a contatto con l’acqua per molto tempo. La pulizia dell’utensile deve quindi essere rapida e alla fine è essenziale asciugarlo bene per evitare che il materiale si rovini. È fondamentale anche evitare la lavastoviglie e preferire prodotti delicati a detersivi chimici.

Vediamo quindi quali sono i prodotti migliori per pulire correttamente questo tipo di tagliere.

Sapone di Marsiglia per pulire il tagliere

pulire-tagliere-lunga-durata-04

Per la pulizia ordinaria del tagliere in legno è possibile utilizzare il sapone di Marsiglia. Questo prodotto ha una grande azione sgrassante e quindi è ottimo per eliminare le tracce di grasso e di unto. Trattandosi di un sapone delicato, questo non andrà a rovinare l’utensile di cucina pur rendendolo pulito.

Ottenere una pulizia perfetta è semplice, infatti è necessario:

  1. Tagliare in scaglie il sapone di Marsiglia.
  2. Sciogliere le scaglie di sapone di Marsiglia in poca acqua calda.
  3. Utilizzare una spugnetta per distribuire il prodotto sul tagliere in legno e per sfregarlo sulla superficie.
  4. Risciacquare bene per eliminare le tracce di sapone.
  5. Lasciar asciugare completamente l’utensile da cucina all’aria aperta avendo cura di tenerlo in verticale.

Sale grosso e limone per togliere lo sporco dal tagliere

pulire-tagliere-lunga-durata-05

Quando si utilizza un tagliere in legno per tagliare alcuni cibi è facile che l’utensile prenda un odore particolare difficile da eliminare. In queste circostanze è quindi necessario effettuare sul tagliere di legno un trattamento specifico in grado di eliminare gli odori.

Il procedimento è molto semplice e sono necessari solamente sale grosso e limone. Per ottenere un risultato perfetto si deve:

  1. Cospargere il tagliere in legno con sale grosso.
  2. Spremere sul sale un po’ di succo di limone.
  3. Sfregare il sale grosso e il succo di limone sulla superficie del tagliere avendo cura di passare su tutta la superficie.
  4. Lasciare agire per circa 15 minuti.
  5. Risciacquare con poca acqua.
  6. Lasciar asciugare all’aria aperta.

Lucidare con olio di semi di lino il tagliere

pulire-tagliere-lunga-durata-06

Dopo aver pulito il tagliere di legno è bene procedere con la lucidatura. Questo passaggio non deve essere eseguito ogni volta che si pulisce l’utensile, ma ogni due mesi circa è bene ricordarsi di farlo. Si tratta infatti di un’azione abbastanza rapida che evita che il legno si secchi e quindi mantiene il tagliere in buone condizioni.

Per lucidare il tagliere di legno è necessario utilizzare dell’olio di semi di lino da strofinare sulla superficie dell’oggetto per farlo assorbire. Una volta che il tagliere risulta asciutto, è possibile riporlo.

Pulire un tagliere in plastica senza fatica

pulire-tagliere-lunga-durata-07

I taglieri in plastica sono quelli più diffusi in assoluto per via della loro grande praticità e anche del costo piuttosto basso. In commercio esistono diversi modelli che si distinguono per dimensioni, colori e forme, per cui chiunque può trovare quello adatto alle sue esigenze.

Rispetto ai taglieri di altri materiali, quelli in plastica necessitano di molta meno manutenzione e sono davvero facili da pulire. Se eliminare i batteri dalla superficie dei taglieri di plastica non è complesso, altro discorso è da fare per le macchie e per i cattivi odori. Togliere le macchie persistenti da questo materiale non è infatti facile, ma se si segue il giusto procedimento diventa possibile.

Lavare il tagliere in lavastoviglie

pulire-tagliere-lunga-durata-08

La lavastoviglie raggiunge temperature molto elevate e questo consente di distruggere i batteri che si annidano sulla superficie dei taglieri in plastica. Proprio per questo motivo suggeriamo a chi possiede una lavastoviglie di sfruttarla per pulire a fondo l’utensile di cucina.

Solo in questo modo infatti si potranno davvero eliminare tutte le contaminazioni anche dai solchi lasciati dai coltelli sulla superficie del tagliere.

Limone e bicarbonato contro lo sporco ostinato

pulire-tagliere-lunga-durata-09

Chi invece non possiede una lavastoviglie può affidarsi a dei metodi di pulizia del tutto naturali. Questi chiaramente non daranno lo stesso effetto delle alte temperature, ma comunque permetteranno di pulire l’utensile in modo adeguato.

Usare limone e bicarbonato consente infatti di eliminare i residui di cibo e anche di dire addio ai batteri. Il limone vanta infatti una grande azione antibatterica e quindi permette di avere una pulizia approfondita. Il bicarbonato invece è un ottimo sbiancante naturale e quindi elimina anche le macchie più persistenti.

Per eseguire questo genere di pulizia è necessario:

  1. Cospargere il tagliere di plastica con il bicarbonato di sodio.
  2. Spremere del succo di limone sopra al bicarbonato.
  3. Non appena si nota la reazione dei due prodotti che diventeranno effervescenti, utilizzare una spazzola a setole medie per spazzolare la superficie del tagliere.
  4. Lasciare poi agire per circa 20 minuti.
  5. Risciacquare con acqua calda.
  6. Asciugare con un panno pulito.

Pulire il tagliere in marmo senza nel modo giusto

pulire-tagliere-lunga-durata-10

I taglieri in marmo non sono particolarmente diffusi, ma in alcune case vengono utilizzati. Il marmo è una pietra naturale delicata e per tale motivo la sua pulizia deve essere adeguata per non rovinare la superficie del tagliere.

Per pulire questo utensile si può utilizzare una spugna da cucina antigraffio e del sapone di Marsiglia.

Una soluzione a base di bicarbonato e acqua calda è invece ideale per eliminare le macchie e per lucidare la superficie.

 Pulire il tagliere in silicone senza sforzo

pulire-tagliere-lunga-durata-11

I taglieri in silicone stanno iniziando a diffondersi nelle case proprio negli ultimi anni. Questi sono resistenti e molto durevoli, inoltre risultano anche molto facili da pulire. Essendo resistenti alle alte temperature, questi taglieri si possono lavare in lavastoviglie eliminando così i batteri efficacemente.

Chi non possiede una lavastoviglie può pulire a fondo un tagliere in silicone utilizzando detersivi chimici e aggressivi. La superficie dell’utensile infatti non verrà danneggiata da questi prodotti e quindi è possibile usarli senza problemi.

Come pulire il tagliere per una lunga durata: immagini e foto

Come abbiamo visto, pulire i taglieri per renderli durevoli nel tempo non è una cosa poi così complicata. Per riuscirci infatti è necessario semplicemente seguire il procedimento corretto e gli ingredienti giusti a seconda dei materiali dei taglieri. Prima di mettervi all’opera, date un’occhiata alle immagini che abbiamo raccolto nella galleria immagini che segue.