Capi di lana morbidi consiglio

Autore:
Patrizia D'amora
  • Dott. in Giornalismo e Cultura editoriale

Come mantenere i capi di lana morbidi? Ecco la guida definitiva per sapere come lavare, risciacquare e asciugare i nostri capi in lana. Consigli e rimedi della nonna per evitare l’infeltrimento.

Riciclare un gomitolo di lana 10 idee e foto 4
Maglioni e gomitoli di lana

La lana è un tessuto naturale formidabile e durante la stagione fredda è un must del guardaroba invernale. Oltre a essere caldo e morbido al tatto, è anche un materiale resistente: un maglione di lana, se ben tenuto, può davvero durare molti anni.

Il problema principale della lana è che si tratta di un tessuto delicato, che tende a infeltrirsi e a sformarsi con molta facilità. Il modo migliore per mantenere i nostri capi in lana perfetti e come nuovi è seguire scrupolosamente le indicazioni di lavaggio presenti sull’etichetta interna.

Non sempre questo avviene, perciò abbiamo stilato per te una guida definitiva per conoscere tutti i segreti del lavaggio e del trattamento dei capi in lana.

Lana
Capi in lana

Come lavare i capi in lana

consigli-capi-di-lana-morbidi (7)
Etichetta vestiti

I peggiori nemici dei capi in lana sono la lavatrice, la centrifuga e l’asciugatrice. Qualsiasi etichetta, infatti, escluderà la possibilità di trattare la lana come un normale capo di vestiario. Tuttavia, è possibile lavare in lavatrice alcune tipologie di lana: ecco perché è importante controllare sempre prima l’etichetta, che ci aiuta a capire in che modo lavare le diverse tipologie di capi.

Se la tua lavatrice prevede uno speciale programma di lavaggio per la lana, puoi tranquillamente usarla. Questi programmi prevedono temperature di lavaggio pari o inferiori ai 30 gradi. Anche la durata del lavaggio sarà più breve per evitare l’infeltrimento e il rimpicciolimento delle fibre.

Il modo migliore per lavare la lana resta il lavaggio a mano, in una bacinella di acqua fredda in cui avrai disciolto poco sapone di Marsiglia oppure una noce di shampoo neutro. Lascia il capo in ammollo, evitando di frizionare o maltrattare il tessuto.

Come risciacquare i capi in lana

consigli-capi-di-lana-morbidi (2)
Fase di risciacquo

Il lavaggio dovrà essere rapido, perché il contatto dell’acqua con le fibre del maglione genera i pelucchi e, nei casi peggiori, provoca l’infeltrimento. Dopo il lavaggio svuota la bacinella, cercando di appiattire il tessuto per espellere più quantità di acqua possibile.

Riempi la bacinella di sola acqua fredda: per un trattamento strong puoi aggiungere anche qualche cubetto di ghiaccio. Il freddo, infatti, mantiene le fibre compatte e lisce. Immergi il maglione nella bacinella per eliminare i residui di sapone intrappolati nelle fibre di lana, ma ricorda di trattarlo con cura e di non frizionare mai il tessuto.

Ripeti il risciacquo, ma aggiungi un po’ di ammorbidente specifico per capi delicati. Immergi il capo nella bacinella e lascialo in ammollo pochi minuti, il tempo necessario all’azione dell’ammorbidente.

Come far asciugare i capi di lana

consigli-capi-di-lana-morbidi (8)
Stendere in piano

Dopo il secondo risciacquo appiattisci il tessuto con le mani per eliminare l’acqua in eccesso. Stendi il capo all’aria aperta, su un piano o su uno stendino in orizzontale. L’errore più comune è stendere il maglione in verticale, come normalmente si fa con tutti gli altri capi del bucato.

Potrebbe interessarti Maglioni morbidi

In realtà i tessuti in lana tendono a sformarsi sotto il peso dell’acqua. Dunque, se vuoi evitare di allargare il tessuto, ricorda di stendere ad asciugare la lana sempre in orizzontale, privilegiando una zona ombreggiata.

Anche la luce del sole va assolutamente evitata: se temi che il maglione impiegherà troppo tempo ad asciugarsi, sappi che non è così. Meglio una zona in ombra e ventilata, piuttosto che il sole diretto. In questo modo i nostri capi di lana manterranno a lungo la loro soffice morbidezza.

Lana infeltrita: 5 rimedi della nonna

consigli-capi-di-lana-morbidi (9)
Capi di lana morbidi

L’infeltrimento della lana è un processo naturale, che avviene quando le fibre iniziano a ispessirsi e a ritirarsi. Il risultato è un capo che al tatto appare più ruvido, costellato da pelucchi in superficie che ne rendono l’aspetto poco gradevole, quasi “consumato”.

Questo capita a causa di ripetuti lavaggi sbagliati o di sbalzi di temperatura eccessivi tra il lavaggio e l’asciugatura del capo. Un maglione infeltrito non solo è esteticamente brutto, ma provoca anche un fastidioso prurito sulla pelle.

Ghiaccio
Rimedio anti infeltrimento

Tuttavia, se il danno è ormai fatto, puoi tentare di riportare un capo infeltrito al suo aspetto originario. Ecco i 5 infallibili rimedi della nonna:

  1. balsamo per capelli: immergi il maglione in acqua fredda e sciogli 5 cucchiai di balsamo per capelli. Durante l’ammollo, cerca di allungare le fibre del capo “pettinando” il tessuto con le mani;
  2. latte: versa abbondanti quantità di latte in una bacinella. Immergi il capo e lascia agire per almeno un’ora. Subito dopo procedi al consueto lavaggio con acqua e sapone di Marsiglia;
  3. limone: valido rimedio per sbiancare un tessuto di lana ingiallito, oltre che infeltrito. Diluisci il succo di 3 limoni interi in una bacinella di acqua fredda. Lascia il capo in ammollo per 30 minuti, dopodiché esegui il risciacquo;
  4. bicarbonato: immergi il capo in 2 litri di acqua fredda, in cui avrai disciolto 20 grammi di bicarbonato di sodio. Lascia in ammollo un’intera notte, dopodiché lava e risciacqua il capo a mano;
  5. congelatore: questo è un ottimo rimedio anti-pelucchi. Piega il capo ben asciutto e mettilo in un sacchetto di plastica di quelli che si utilizzano per mettere via gli indumenti durante il cambio di stagione. Sigilla perfettamente l’apertura e mettilo nel congelatore per una notte intera. Il mattino dopo apri il sacchetto e scuoti il maglione: sarà come nuovo!

Capi di lana morbidi: immagini e foto

In questa galleria abbiamo raccolto tutti i segreti per il lavaggio e il trattamento della lana: sfoglia tutte le immagini per rivederli.