7 errori da non fare quando si usa l’affettatrice

Autore:
Patrizia D'amora
  • Dott. in Giornalismo e Cultura editoriale

Quali sono gli errori più frequenti quando si usa l’affettatrice? Come scongiurare pericolosi incidenti durante il suo funzionamento? Ecco 7 errori da non fare quando maneggi l’affettatrice.

come-scegliere-migliore-affettatrice-casa (8)

Gli incidenti con l’affettatrice sono piuttosto rari e, quando avvengono, sono tutti legati a un uso maldestro o scorretto dell’apparecchio.

Oggi le aziende produttrici realizzano prodotti sicuri e di facile utilizzo, dotati di tasti di sicurezza e di blocco che consentono a chiunque di maneggiare tranquillamente questo validissimo elettrodomestico.

Eppure ci sono alcune norme basilari che spesso tendiamo a trascurare, ma che invece possono rivelarsi degli errori fatali. Per esempio: quali cibi non andrebbero mai tagliati con l’affettatrice? Cosa bisogna fare per mantenere l’apparecchio sicuro e funzionante nel tempo?

Dai cibi da evitare alla sicurezza e alla manutenzione della macchina: eccoti svelati 7 errori che non dovresti mai fare quando utilizzi l’affettatrice.

come-scegliere-migliore-affettatrice-casa (1)

1. Affettare alimenti congelati

come-congelare-zucchine-06

Gli alimenti congelati non vanno assolutamente tagliati con l’affettatrice. Carne, salumi, formaggi, pane, pesce e verdure possono essere tranquillamente affettati utilizzando le apposite lame in dotazione, ma è importante che gli alimenti non abbiano una consistenza troppo dura.

Affettare alimenti congelati può causare danni all’apparecchio e provocare scheggiature sulla lama. Se il cibo ha una consistenza troppo morbida, potresti agevolare il taglio riponendo l’alimento nel congelatore per circa 10 minuti, dopo aver ridotto la grandezza del pezzo da tagliare.

2. Affettare alimenti con ossa e semi

Carne

Eccezion fatta per i pomodori, sarebbe meglio evitare di affettare tutti quegli alimenti non ancora privati di semi o noccioli di medie e grandi dimensioni. La regola vale anche per i pezzi di carne non ancor disossati: per evitare di danneggiare l’affettatrice ricorda sempre di eliminare le parti più dure degli alimenti prima di procedere con il taglio.

3. Prelevare gli alimenti senza pinza

come-scegliere-migliore-affettatrice-casa (11)

Tutti i modelli di affettatrice presenti in commercio sono dotati di pinze per prelevare le fette degli alimenti non appena tagliati.

Trascurare questa elementare norma di sicurezza può avere conseguenze davvero disastrose: che si tratti di un modello elettrico o di uno manuale, con lama verticale o inclinata, ricorda di non prelevare mai le fette a mani nude. Una piccola distrazione potrebbe rivelarsi fatale!

Per una sicurezza maggiore in ambito domestico, ti consigliamo di prediligere una tipologia di affettatrice a gravità; in questo caso, la disposizione della lama rispetto al piano d’appoggio è inclinata. Ciò consente di avere non solo una visuale migliore durante il taglio, ma di agevolare la caduta delle fette direttamente nel vassoio, escludendo quindi la presa con le dita.

4. Usare sempre la stessa lama

come-scegliere-migliore-affettatrice-casa (4)

Le lame dell’affettatrice si differenziano per il diametro (tra i 17 e i 30 cm) e per il profilo liscio oppure ondulato. La scelta del profilo dipende dalle tipologie di alimenti da tagliare: generalmente le lame con profilo liscio sono più adatte al taglio di formaggi e salumi, mentre quelle ondulate sono indicate per tutti gli altri tipi di alimenti.

Usare sempre lo stesso tipo di lama senza differenziare il tipo di alimento da tagliare alla lunga potrebbe creare danni all’apparecchio.

Inoltre, non dimenticare che i cibi crudi, come la carne, andrebbero sempre tagliati dopo gli alimenti cotti. Quindi, mai fare il contrario! Il rischio è di contaminare i cibi cotti con alcuni tipi di batteri pericolosi per la salute umana.

5. Appoggiare affettatrice su piano instabile

come-scegliere-migliore-affettatrice-casa (9)

L’affettatrice non è un comune elettrodomestico e quando decidi di acquistarne una dovresti mettere in conto che occuperà uno spazio fisico fisso nella tua cucina. Tutto quello che occorrerà per farla funzionare sarà la vicinanza a una presa elettrica, nel caso decidessi di optare per un modello elettrico.

Ma un fattore ancora più importante e che determina le prestazioni dell’apparecchio è sicuramente la presenza di un piano d’appoggio stabile. Individua il posto più adatto per esporla e assicurati che sia difficilmente raggiungibile da bambini o animali domestici.

In più, assicurati che nelle vicinanze non ci siano ostacoli, tali da impedire il posizionamento corretto del carrello con il cibo da affettare (soprattutto se si tratta di pezzi di grandi dimensioni).

L’affettatrice dovrà avere un design compatto e leggero, così da consentirti di spostarla e di smontarla facilmente per la pulizia dei vari pezzi. Tuttavia è fondamentale predisporre un piano d’appoggio stabile: puoi avvalerti di un piano di legno su misura da appoggiare proprio sotto i piedini dell’apparecchio.

6. Dimenticare il coprilama

7 errori da non fare quando si usa l’affettatrice

La sicurezza è un fattore da non sottovalutare mai sia quando l’apparecchio è in funzione, sia quando non lo è. E quando l’affettatrice è spenta, non dovresti mai dimenticare di sistemare il coprilama di protezione.

Generalmente le aziende produttrici provvedono a dotare gli apparecchi di tutti i pezzi aggiuntivi già in fase d’acquisto. Se questo non dovesse essere il tuo caso, puoi sempre acquistarlo in un momento successivo: basterà conoscere le dimensioni esatte della lama per trovare quello giusto.

7. Trascurare affilatura e manutenzione

come-scegliere-migliore-affettatrice-casa (3)

Tra gli errori da non fare per mantenere l’affettatrice sicura e funzionante, è dimenticarsi della manutenzione dell’apparecchio. Come tutti gli elettrodomestici da cucina, anche l’affettatrice ha bisogno di piccole cure.

In particolare è necessario affilare periodicamente la lama, per garantire sempre tagli netti e precisi e per limitare intoppi o incidenti durante il suo funzionamento. In più, occorre garantire la lubrificazione delle guide sulle quali scorre il carrello: in base alla frequenza d’uso bisognerà oliarle almeno una volta al mese.

Lo stesso discorso vale per il motore: lubrificare di tanto in tanto le cinghie eviterà surriscaldamenti, garantendo l’integrità dell’affettatrice per lungo tempo.

Errori da non fare con affettatrice: immagini e foto

Sfoglia la galleria per rivedere gli errori da non fare quando usi l’affettatrice.