Tronchetto della felicità: i trucchi per curarlo al meglio

Se avete appena ricevuto questa pianta in regalo ma non avete idea di come poterla curare nel migliore dei modi, scopriamo insieme tutti i segreti per farlo crescere e vivere a lungo. Averla in casa, d’altronde, sembra che faccia bene alla nostra salute. Questo vuol dire che prendersi cura di lei è  ancora più importante.

tronchetto-cura-1

Tutti, almeno una volta, hanno sentito parlare del tronchetto della felicità. Si tratta di una pianta che proviene dall’Africa, ama le temperature tropicali ed è caratterizzata da un tronco abbastanza imponente, che può raggiungere anche altezze notevoli. In sostanza, dunque, si tratta di una pianta d’appartamento che, però, forse per la sua provenienza esotica, non troviamo frequentemente fare bella mostra di se in molti salotti.

Eppure si tratta di un sempreverde che, come dice il suo nome, è in grado di portare la felicità in chi decide di acquistarla o di accoglierla nella propria casa. Ma a cosa deve questa fama così positiva?


Leggi anche: 10 trucchi per ingrandire una cucina piccola

Ovviamente per felicità non s’intende qualche cosa legato alla fortuna quanto, piuttosto al benessere e alla salute. Il tronchetto della felicità ha la capacità di migliorare l’aria che respiriamo. Questa pianta così particolare, infatti, assorbe umidità ma, ancora più importante, delle sostanze nocive che solitamente assorbiamo dalle vernici, il fumo e lo smog che proviene dall’esterno.

Il tronchetto, dunque, non fa altro che contrastare gli effetti negativi di queste sostanze, rendendo l’aria che respiriamo sicuramente più sana. E proprio per questa sua caratteristica è diventata una sorta di regalo porta fortuna. Secondo tradizione, infatti, si dovrebbe portare in dono un tronchetto della felicità a dei sposi novelli o per festeggiare una nuova casa. Detto tutto questo e stabilito l’importanza di avere la pianta tra le mura del proprio appartamento, vediamo quali sono i trucchi per curarla nel migliore dei modi e renderla sempre più lussureggiante.

1. Trucchi per curare tronchetto della felicità: temperatura

tronchetto-cura-6

Non bisogna essere giardinieri esperti o dotati del fatidico pollice verde per sapere che il  benessere di una pianta dipende soprattutto da due fattori: il calore e la posizione giusta. Anche per il tronchetto della felicità, che non richiede poi tante cure, questi due elementi sono essenziali. Per capire, dunque, come comportarsi nel modo migliore bisogna conoscere, almeno in minima parte, la sua natura.

Cosa vuol dire? Ad esempio considerare il fatto che, trattandosi di una pianta tropicale, ama le temperature calde ma, al tempo stesso, non deve essere esposta in modo diretto alla luce del sole. I raggi, infatti, non farebbero altro che sciupare in modo piuttosto irreversibile le sue foglie dal verde brillante.


Potrebbe interessarti: 10 trucchi per ingrandire la cameretta

Allo stesso modo, anche il freddo, nello specifico una temperatura al di sotto dei dieci gradi, crea uno shock termico assolutamente sgradito dal tronchetto. La soluzione migliore, dunque, è di ospitare questa pianta all’interno di un salotto, accanto a una fonte di luce ma lontano da un termosifone.

Insomma, il tronchetto si trova perfettamente a suo agio con una temperatura che si aggira intorno ai 26 gradi, tipica di una primavera inoltrata o di un inizio estate.

2. Trucchi per curare tronchetto della felicità: innaffiatura

tronchetto-cura-3

L’acqua è un elemento senza il quale una pianta, normalmente, non può vivere. Nonostante questo, però, non tutte ne gradiscono la stessa quantità. Non è raro, infatti, che un’innaffiatura abbondante e frequente non faccia altro che creare spiacevoli effetti collaterali, come l’appassimento. Stabilito questo, dunque, quanta acqua serve al tronchetto della felicità? La parola d’ordine è moderazione. La pianta, infatti, provenendo da zone tropicali, entra in sofferenza durante i mesi estivi. In questo periodo dell’anno ha bisogno di un’attenzione maggiore ma questo non vuol dire assolutamente annegarla.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Innaffiarla troppo e troppo a lungo, infatti, creerebbe dei ristagni nei pressi delle radici. Una condizione, questa, che porterebbe all’impoverimento della pianta. Il trucco per mantenere il proprio tronchetto in piena salute, dunque, richiede l’uso di un nebulizzatore a giorni alterni. Semplicemente spruzzando dell’acqua sulle foglie e vicino le radici, si ricreano proprio le condizioni meteorologiche delle zone dalle quali proviene.

Per quanto riguarda i mesi invernali, invece, è consigliato non innaffiarla con la stessa frequenza. Quando le temperature si abbassano, infatti, la piante soffre di meno la sete.

3. Trucchi per curare tronchetto della felicità: pulizia

tronchetto-cura-4

Ogni pianta da appartamento, soprattutto a foglia larga, ama che, oltre alla giusta quantità di acqua, le venga riservata una pulizia frequente. Il tronchetto della felicità non è certo un’eccezione e se volete che continui a crescere e prosperare, ci si deve armare di un semplice batuffolo di cotone per togliere la polvere dal suo fogliame. Ma come ci si deve comportare esattamente? Basta imbeverlo d’acqua e, così, passarlo sopra le foglie. Si tratta di una piccola cura da riservare al tronchetto sia in estate che in inverno. In questo caso, infatti, la stagione e la temperatura non incidono in nessun modo su questo piccolo trucco.

4. Trucchi per curare tronchetto della felicità: i nemici

tronchetto-cura-5

Nonostante tutti gli sforzi e le cure possibili, però, potrebbe accadere che le foglie del tronchetto della felicità ingialliscano o mostrino delle corrosioni. Questi sono i segni evidenti della presenza di alcuni nemici letali per la pianta ma che possono essere sconfitti. Importante è di individuare tempestivamente il problema e la soluzione giusta.

I due maggiori nemici del tronchetto della felicità sono gli afidi e la cocciniglia. Nel primo caso il sintomo allarmante è l’ingiallimento delle foglie che è possibile contrare con l’utilizzo di prodotti specifici o con una miscela casalinga realizzata con acqua e sapone per piatti, da spruzzare direttamente sulle foglie.

Per quanto riguarda la cocciniglia, invece, mostra la sua presenza con delle strane palline bianche posizionate lungo tutto il tronco. Anche in questo caso fondamentale è la pulizia della parte con acqua e sapone di Marsiglia. Due trucchi casalinghi, dunque, veloci ed efficaci per mantenere in salute il proprio tronchetto della felicità e la propria casa. Cosa c’è di meglio?

Trucchi per curare tronchetto della felicità: foto e immagini

Nel vostro appartamento è da poco entrato un tronchetto della felicità ma non avete idea se lo state curando nel modo giusto? Lasciatevi guidare dalle foto per scoprire alcuni piccoli trucchi.