Fine estate: piante da potare

Rita Paola Maietta
  • Giornalista Pubblicista

Sul finire dell’estate i nostri giardini hanno bisogno di una manutenzione eccezionale per potersi preparare all’arrivo dell’autunno. Vediamo, nel dettaglio, le piante che necessitano di potatura.

potature 2

Nel corso della bella stagione, le piante sono state in grado di allietare la nostra vista, il nostro olfatto (e non solo), con i loro colori e profumi. Basti pensare a tutte le volte in cui ci siamo riparati sotto la loro ombra o creato graziosi angoli fioriti nel nostro giardino. Un risultato ottenuto non senza fatica da parte di chi se n’è preso cura durante tutto l’anno.

Se in estate le piante hanno dato i loro frutti, la fine di questa prolifera stagione è il momento perfetto per poter pensare già all’autunno. Successivamente, però, bisognerà rispettare il periodo di riposo vegetativo delle piante, seguendo il loro calendario stagionale. Quale attività, allora, fare prima dell’autunno? Le potature che, in questo periodo dell’anno vengono chiamate potature verdi. La regola di base è quella di tagliare soltanto se c’è davvero bisogno. L’importante è non agire in modo indiscriminato. Infatti, si potrebbe danneggiare la pianta irrimediabilmente. Scopri quali piante vanno potate e come leggendo di seguito.

potature 4

Fine estate: potare gli arbusti spoglianti e sempreverdi

potature

Prima che l’autunno esploda all’improvviso, è necessario potare sia gli arbusti spoglianti che le piante sempre verdi. Lo scopo è quello di dare loro una forma più ordinata e pulita. La potatura, in questo caso, sarà di mantenimento. I tagli dovranno eliminare i getti più vigorosi cresciuti durante l’estate. Sono proprio questi che potrebbero rendere gli arbusti meno armoniosi e belli visivamente. In generale, bisognerebbe rispettare la regola che: il taglio che accorcia un ramo di molto lo rinforza; al contrario, il taglio che accorcia poco lo limita nel suo sviluppo.

Fine estate: potare gli alberi da frutto

potature 3

Gli ultimi giorni della stagione estiva sono perfetti per procedere alla potatura degli alberi da frutto che produrranno i loro frutti durante l’inverno. Stiamo parlando di vite, kiwi, peri e limoni. Lo sfoltimento servirà a far arrivare più luce ed aria alla pianta. I frutti, in questo modo, potranno crescere rigogliosi. In generale, non per tutte le piante da frutto valgono le stesse regole per le potature.

Fine estate: potare le piante da fiore

potature 6

Per quanto riguarda le piante da fiore, sarà necessario recidere i gambi finali ed alcune foglie, anche sono integre. Naturalmente, dovrai conoscere alla perfezione le piante che hai nel giardino, le loro esigenze e tempistiche.

Durante l’estate il glicine deve espandersi e ha bisogno di spazio. Per limitarne lo sviluppo, sul finire dell’estate sarebbe meglio eliminare rami e succhioni. In questo modo, si stimolerà la fioritura ma ne limiterà l’espansione. Ricorda anche che il glicine ha bisogno di una potatura anche in inverno, per un totale di due volte all’anno.

Per quanto riguarda la lavanda, invece, dovrai procedere a ripulire le spighe secche. Il caprifoglio rampicante ha degli steli che durano molto poco. La potatura servirà a renderli più belli. Per farlo, dovrai togliere gli steli più vecchi per evitare di ritrovare i fiori soltanto sopra nella prossima stagione. Anche se i semi prodotti saranno di meno, la fioritura sarà più vigorosa.

Fine estate: potare le piante con gli attrezzi giusti

potature 5

Le piante ti ringrazieranno se utilizzerai gli attrezzi giusti e di qualità per le loro potature. Inutile dirlo ma la gamma di attrezzi tra cui scegliere è davvero molto ampia. Potrai scegliere tra: forbici, segacci, aste da taglio e tanto altro. Se dovrai tagliare dei rami di piccole dimensioni, allora sarà necessario utilizzare delle forbici da pota che hanno la lama battente. In questo modo, si eviteranno sfilacciamenti ed eventuali danni ai vasi del legno. Il ramo che deve essere asportato dovrà essere messo sulla base delle forbici e non sull’estremità delle lame. Soltanto così si farà meno fatica a tagliare e non rovinerai ne le forbici ne il ramo.

Se i rami sono molto grandi, invece, bisognerà utilizzare delle seghe o dei segacci. Potrai scegliere tra quelli dritti, curvi e così via. La scelta dovrà essere dettata dalla posizione dei rami. Se il taglio dovesse apparire non propriamente liscio, allora bisognerà rifinire con la roncola o dei coltellini affilati. Per i grandi alberi, invece, potrai dover mettere in conto degli interventi di potatura straordinaria previsti da professionisti. In questo caso, gli strumenti potrebbero essere lance troncarami, svettatoi o aste da taglio.

I guanti possono essere utili per non ferirsi mentre i disinfettanti ti aiuteranno a tenere sempre puliti gli attrezzi. Non bisogna dimenticare nemmeno dei sacchi che possano raccogliere le sfilacciature, i rami e le foglie potate.

Fine estate: potare le piante – foto e immagini

Ora che sai quali sono i lavori di potatura di fine estate da fare sulle tue piante, non ti resta che prepararti a metterli in pratica. Prima, però, se hai trovato utile questo articolo, non ti resta che condividerlo con un amico a cui potrebbe essere utile a sua volta.