Concimazione aiuole e bordure

Rita Paola Maietta
  • Giornalista Pubblicista

Anche le aiuole e le bordure quando fioriscono, nel loro periodo di massimo sviluppo, hanno bisogno di essere concimate con una certa continuità e regolarità. Vediamo come fare.

Concimazione aiuole e bordure

Se parliamo di bordure e di aiuole è necessario fare riferimento a piante, fiori o piccoli alberelli che hanno come scopo primario di decorare piccole aree di giardino o perimetri. Le piante di questo tipo, per fungere a questo scopo, devono avere una forma sottile. Il loro sviluppo dovrebbe procedere in lunghezza al fine di bordare, delimitare o evidenziare fontane, piscine oppure aiuole.

Ad intervallare ciascuna di queste piante da bordura e aiuola possono esserci lampioni, muretti ma anche colonne fine e tanto altro. Prima di comprendere come concimare le piante che compongono le aiuole e le bordure, è necessario prima comprendere come vengono realizzate le bordure all’italiana.

Concimazione aiuole e bordure 6

Come vengono realizzate le bordure e le aiuole all’italiana

Concimazione bordure e aiuole 4

Le piante che compongono le bordure dei giardini all’italiana classici devono essere basse e larghe. Il loro scopo è quello di evidenziare il disegno che si vuole realizzare. Per questo motivo, si accostano fiori e foglie di specie differenti ma in un numero non superiore al tre. Diverse sono le bordure medie a cuscinetto che possono essere alte anche sui trenta centimetri. A comporle possiamo trovare garofani, petunie, calendule ma anche piumosi e nemesie. Le bordure nane a cuscinetto, invece, non sono più alte di 15 centimetri. Le piante preferite, in questi casi, sono le viole, le pratoline e i mughetti.

Le bordure a profilo rettangolare medie si ottengono con fiori ed alberi che si slanciano verso l’alto. Le piante che le possono costituire sono i crisantemi coreani, la bocca di leone e la rosa poliantha. Non è escluso che, nelle bordure a profilo rettangolare alte possano essere utilizzati i girasoli, le margherite e le rose a cespuglio. Nel caso di bordure a profilo triangolare, invece, si può usare anche un solo esemplare di pianta. L’ultima tipologia di bordura è quella a profilo scalare alta, adoperata soprattutto nei sentieri di accoglienza.

Qualsiasi sia la tipologia di bordura che utilizzerai, dovrai considerare che la piantumazione dovrà essere particolarmente accurata. Inoltre, le piante dovranno essere messe a dimora sulla base della progressione di altezza delle piante. Per aiutarle nella crescita è fondamentale la concimazione che analizzeremo tra poco.

Quali concimi utilizzare

concimazione e bordure 3

Il concime più adatto per aiuole e bordure deve essere ricco di potassio, fosforo ed azoto. Le foglie e i fiori devono poter incrementare. Per questo motivo, sono necessarie quantità minime di microelementi e mesoelementi tra cui spiccano: boro, zolfo, magnesio e zinco. Vengono chiamati così perché sono necessari in quantità minime ma, quando mancano, si notano subito rallentamenti della crescita o problematiche sulle piante.

Per evitare di sbagliare, puoi acquistare dei concimi universali che sono in grado di poter rispondere alle esigenze nutritive globali di tutte le piante da fiore. Tra i più consigliati spiccano: Compo Nitrophoska Blu e il Gesal universale. Si tratta di concimi che andrebbero dati alle piante a suolo umido che forniscono alle piante un nutrimento a pronto effetto. Per le bordure che si trovano in climi miti o costieri, si può adoperare anche il compo concime per piante da fiore con guano. Lo scopo è ottenere fioriture sempre abbondanti.

Se non sei un fan della concimazione chimica, potresti provare una concimazione organica. Quest’ultima potrà favorire l’equilibrio del terreno e la sua salute. Ne conseguirà che anche le piante saranno più in salute. Per procedere a questo tipo di concimazione naturale, potrai utilizzare una pacciamatura di letame maturo. Un buon concime ecologico alternativo, altrimenti, si può ottenere con consolida ed ortiche. Si tratta di un composto che conferirà al terreno potassio, microelementi, ferro ed azoto. Per realizzarlo ti servirà tagliare il fogliame di dieci centimetri dalla base, lo triturerai. Poi, lo farai appassire. Dopo due giorni potrai procedere ad interrarlo.

Come e quando concimare

Concimazione aiuole e bordure 2

Le piante ed i fiori che andranno a comporre aiuole e bordure sono particolarmente esigenti dal punto di vista nutritivo. Le concimazioni di copertura andrebbero effettuate da aprile a giugno. Quando le piante sono ancora in fioritura, cioè ad agosto e settembre, si potrà continuare con la concimazione di copertura. Le concimazioni di base, invece, andrebbero riservate alla fine dell’inverno. Puoi utilizzare uno dei due concimi elencati in precedenza.

Anche se il concime granulare a lenta cessione potrebbe essere considerata come la scelta migliore, in realtà, nel caso delle bordure, è consigliabile adoperare un concime liquido. Quest’ultimo, dovrà essere diluito all’interno dell’acqua utilizzata per l’irrigazione. Dovrai necessariamente attenerti alle quantità consigliate sulla confezione.

Concimazione aiuole e bordure: foto e immagini

Ora che sai meglio come concimare le tue aiuole e bordure, non ti resta che metterti a lavoro. Prima, però, se hai trovato utile questo articolo, condividilo con qualche amico a cui potrebbe fare piacere.