Agricoltura biodinamica: cos’è, come funziona, come si può iniziare

Letizia Rogolino
  • Giornalista freelance e copywriter

Scopriamo qualcosa in più sull’agricoltura biodinamica, una nuova forma di coltivazione che considera animali, terra e piante come parti di un unico sistema e rifiuta gli additivi chimici.

Agricoltura

L’agricoltura biodinamica sta prendendo sempre più piede nel mondo della coltivazione in Italia e nel mondo, anche per la sua essenza biologica, più rispettosa della natura e dell’ambiente. Una forma di agricoltura che segue i cicli lunari, per la semina e la coltivazione, rifiutando fertilizzanti e pesticidi. In breve si usano materiali vegetali e il terreno viene gestito seguendo il ciclo del sole e della luna. Ovviamente è una formula più vicina all’omeopatia piuttosto che alla scienza, ma se si preferiscono le tecniche alternative è una soluzione interessante di comprovato valore.

Agricoltura

Le origini dell’agricoltura biodinamica

Il filosofo austriaco Rudolf Steiner ha impostato i principi dell’agricoltura biodinamica tra fine ‘800 e inizio ‘900. I suoi interessi erano molteplici e, quando cominciò ad avvicinarsi all’agronomia per aiutare contadini a incrementare la produzione dei raccolti, gettò le basi da cui poi si è diffusa questa nuova forma di coltivazione in tutto il mondo.

In pratica egli pensò a una soluzione per l’allevamento e l’agricoltura che non richiedesse l’uso di sostanze chimiche. Il progresso va avanti e anche per la coltivazione le tecniche cambiano, si evolvono e fanno affidamento sulla tecnologia, ma a volte si guarda anche al passato che sembra più progressista dei tempi moderni.

Agricoltura

Agricoltura biodinamica: i principi fondamentali

L’agricoltura biodinamica si basa su delle considerazioni che qualcuno potrebbe considerare new age, inseguendo un’armonia tra terra e cielo. La fattoria viene vista come un organismo vivente i cui abitanti sono interconnessi e dipendono tra loro per sopravvivere e contribuire alla produttività. Nutrire, fertilizzare e mantenere le piante e gli animali in salute è un modo per fare stare bene l’eco sistema e quindi raccogliere i suoi frutti nel modo migliore.

Agricoltura

Agricoltura biodinamica: come funziona

L’agricoltura biodinamica prende spunto dall’agricoltura tradizionale e la permacultura attuando anche metodi antichi come la rotazione delle culture, la concimazione naturale, ma gli strumenti fondamentali sono il lunario don fasi lunari, i preparati e la bio-diversità. I preparati biodinamici aiutano a fertilizzare la terra, trasferendo le giuste forze cosmiche alla terra.

Erbe e minerali come l’equiseto, la valeriana, il tarassaco e l’achillea costituiscono solitamente questi ultimi, destinati a vari usi specifici. Si seguono tempistiche specifiche in base alla natura e frutta e verdura ne beneficiano così come gli animali.

Bio

Agricoltura biodinamica: i preparati

I preparati più usati nell’agricoltura biodinamica sono molti e aiutano a far sviluppare la crescita delle piante e accelerare la fase di compostaggio, ma di seguito ve ne evidenziamo alcuni tra i più diffusi:

  • Il preparato 500, cornoletame: è composto da letame di vacca che viene messo dentro un corno, seppellito e lasciato a fermentare per tutto l’inverno. Una volta tirato fuori si miscela con acqua piovana o tiepida e lo si mescola per un’ora creando dei vortici. Infine si distribuisce per terra con la pompa a spalla.
  • Il preparato 502: composto da achillea viene messo in delle vesciche di cervo essiccate al sole per tutta l’estate.
  • Il preparato 505: composto da corteccia di quercia legata al teschio di un animale domestico, da immergere in una pozza d’acqua corrente.

Agricoltore

Agricoltura biodinamica: il calendario delle semine

Coltivazione e allevamento diventano parte di un ciclo produttivo unico e naturale e gli animali forniscono il fertilizzante per il terreno che può garantire prodotti bio di qualità proprio grazie al materiale organico. La concimazione, la coltivazione e l’allevamento vengono praticate con metodi che rispettano la natura e la biodiversità. Prendendo come riferimento i cicli lunari e astrali per la coltivazione, si deve far riferimento al Calendario delle Semine che viene pubblicato ogni anno dal 1963 da Maria Thun.

Basato sulle sperimentazioni svolte dalla stessa autrice secondo gli insegnamenti di Steiner, questo calendario mostra la ragione zodiacale in cui transita la luna e le costellazioni importanti per lo sviluppo vegetale vicino al giorno della settimana. Ogni giorno è indicato con l’organo della pianta favorito per qualsiasi operazione colturale.

Agricoltura biodinamica: cos’è, come funziona, come si può iniziare | Foto e Immagini

Sfoglia la gallery per saperne di più sull’agricoltura biodinamica che tiene conto dei cicli lunari per la coltivazione e prevede l’impiego di vari strumenti rifiutando i prodotti chimici. Un passo verso un futuro più sostenibile e green nel rispetto della terra e dei suoi abitanti, vegetali e animali.