Pentole in ghisa: come pulire e rimuovere ruggine


Quali prodotti usare? Quale procedimento effettuare? Come eliminare la ruggine? Mantieni le tue pentole e piastre in ghisa sempre al top seguendo alcuni pratici consigli per pulirle ed eliminare la ruggine da quelle più vecchie.

pulire-pentole-ghisa-7


Pentole e padelle in ghisa sono un ottimo strumento da utilizzare in cucina per preparare pizze fatte in casa, carne speziata e pesce, fino ad arrivare alla cottura dei dolci e delle creme. Le loro proprietà antiaderenti, la loro resistenza e la capacità di trattenere il calore fanno delle stesse uno strumento apprezzato anche dai migliori chef.

Ovviamente essendo un materiale costituito da ferro e carbonio a contatto con l’acqua tende a formare ruggine e dunque ha bisogno di manutenzione e pulizia accurata per restare sempre in ottimo stato. Anche se ciò sembra complicato è possibile pulirle in modo perfetto e addirittura rimuovere la ruggine che si è venuta a formare nel tempo, seguendo questi semplici consigli.


Leggi anche: Macchie di ruggine: rimedi naturali

pulire-pentole-ghisa-8


Regime di pulizia quotidiano della ghisa

In primo luogo è essenziale dedicare il tempo necessario alla pulizia delle pentole in ghisa ogni volta che vengono utilizzate e quindi partire dal rimuovere tutto l’unto o i residui in eccesso con un tovagliolo di carta.

1. Lava a mano

Il passaggio fondamentale consiste nel lavare con una spugnetta non abrasiva la pentola con acqua calda tentando di sgrassare il più possibile. Poiché per olio e grasso incrostato la sola acqua non risolve il problema prova a lasciarne un pò sul fondo e a far cuocere a fuoco medio per circa 5 minuti poi procedere a disincrostare la superficie.

Le pentole di ghisa lavate in lavastoviglie provocano la ruggine e saponi commerciali non specifici uniti a spazzole e spugne metalliche causano graffi e di conseguenza la perdita dello strato antiaderente.

2. Asciuga accuratamente

Non limitarti ad asciugare le pentole all’aria ma procedi ad eliminare attentamente qualsiasi residuo di acqua con un canovaccio da cucina, oppure mettile a fuoco basso e lasciale asciugare completamente.

pulire-pentole-ghisa-1

3. Usa l’olio

Quando la padella o la pentola sarà perfettamente asciutta usa un tovagliolo di carta per strofinare una piccola quantità di olio vegetale su di essa e procedi finché non ne rimane molto, poi con uno pulito passa nuovamente rimuovendo tutto quello che eccede. Questo passaggio è importante per mantenere lo strato antiaderente della pentola sempre intatto.

4. Conserva in modo corretto

Idealmente le pentole in ghisa devono essere riposte in luogo fresco e asciutto evitando umidità e calore eccessivo. Inoltre fai attenzione a non riporre sopra le stesse altri utensili ancora umidi, magari metti tra una pentola e l’altra dei pezzi di carta assorbente.

pulire-pentole-ghisa-3

Regime di pulizia per incrostazioni

Quando le tue pietanze hanno lasciato nella pentola macchie incrostate o non hai avuto tempo di procedere immediatamente al lavaggio potrebbe non bastare questo tipo di manutenzione ecco perchè potresti affidarti a qualche rimedio sicuro per non rovinare la superficie di questo materiale.

Olio e sale

Prepara in una scodella dell’olio e unisci alcuni cucchiaini di sale questi formeranno uno scrub delicato e con l’uso di un tovagliolo o un panno in cotone passa a pulire la pentola insistendo sulle parti incrostate finché non si staccano tutti i pezzetti di cibo bruciato.

Bicarbonato e limone

Altra soluzione potrebbe essere quella di preparare una pastella con bicarbonato di sodio, succo di limone e acqua calda, e passare a disincrostare la pentola con questo composto aiutandosi con una spugnetta. Le proprietà disinfettanti e sgrassanti dei due elementi insieme tenderanno ad ammorbidire e a staccare lo sporco evitando di danneggiare la pietra che essendo un materiale molto poroso tende ad assorbire i saponi chimici.

pulire-pentole-ghisa-4

 

Rimuovere la ruggine

Con il passare del tempo anche se fai tutto nel modo giusto si può verificare lo spiacevole episodio della formazione di ruggine sulle tue pentole: in questo caso non disperare esistono delle soluzioni per riportarle ad uno stato accettabile e continuare ad adoperarle.

Ammollo in aceto

Un metodo efficace per eliminare la ruggine è quello di preparare in un recipiente abbastanza grande una miscela divisa in parti uguali di aceto bianco e acqua. La pentola va immersa e lasciata in ammollo per almeno un’oretta controllando finché non si scioglie la ruggine.

Eventualmente non sia scomparsa del tutto, pulisci con una spazzola con setole morbide facendo attenzione a non lasciare graffi. E’ consigliato non lasciare per tante ore la pentola in ammollo con l’aceto perché potrebbe rovinare il materiale.

Sale grosso

Per ottenere lo stesso risultato puoi provare a cospargere la tua pentola con del sale grosso e a strofinare con una patata tagliata a metà o un limone. Con movimenti circolari cerca di detergere in profondità fino allo scioglimento completo dei chicchi di sale e poi risciacqua.

pulire-pentole-ghisa-6

Ripristina lo strato antiaderente

Mantenere il corretto strato antiaderente delle pentole in ghisa ti permette sia di continuare a cuocere in modo perfetto le pietanze, sia di evitare la formazione di ruggine. Quindi preriscalda il forno e tienilo a una temperatura di 350°C e stendi sulla piastra un foglio di alluminio, poi prendi la pentola da trattare e con olio e un tovagliolo ungila completamente.

Posizionala capovolta sulla pellicola di alluminio e lasciala in forno per un’ora, successivamente spegni e fai raffreddare. La pentola dovrebbe risultare opaca e nera priva di ruggine e pronta alluso: eventualmente non sia sufficiente ripeti l’oliatura e la cottura più volte.

pulire-pentole-ghisa-5

Galleria foto: Pulire le pentole in ghisa

 

 

 

Antonella Palumbo

Commenti: Vedi tutto