Mini lavastoviglie: come scegliere il modello migliore

Stai cercando una mini lavastoviglie che ti faciliti la pulizia di piatti, bicchieri e pentole? È l’elettrodomestico giusto soprattutto se il tuo è un piccolo appartamento ma non vuoi rinunciare alla praticità in cucina. Ti spieghiamo come scegliere il modello migliore e quali caratteristiche prendere in considerazione prima dell’acquisto.

mini-lavastoviglie-come-scegliere-copertina

Abitare in spazi contenuti non vuol dire rinunciare alla praticità, soprattutto in cucina dove, più di ogni altro ambiente della casa, si necessita di particolari elettrodomestici che favoriscano una pulizia veloce ma profonda. La mini lavastoviglie rappresenta una soluzione valida per chiunque voglia contare su un elettrodomestico che ha le stesse caratteristiche di una tradizionale lavastoviglie – o quasi – ma è poco ingombrante.

In commercio esiste un’ampia gamma di modelli realizzati dai più grandi marchi del settore, dunque se sei in procinto di acquistarne uno potresti far fatica: cerchiamo, infatti, di valutare accuratamente tutte le caratteristiche di una mini lavastoviglie in modo che tu possa scegliere il modello migliore.


Leggi anche: 18 cose da non mettere mai in lavastoviglie

mini-lavastoviglie-come-scegliere-copertina-2

Mini lavastoviglie: generalità

Come detto, una mini lavastoviglie funziona esattamente come una lavastoviglie tradizionale ma rispetto a questa ha dimensioni ridotte. Nonostante questo, in termini di funzionalità e programmi risulta essere davvero efficiente tanto che i lavaggi sono pressoché gli stessi di una lavastoviglie “normale”. Un’altra differenza riguarda gli allacciamenti: infatti, la mini lavastoviglie non richiede particolari allacciamenti o comunque non è necessario rivolgersi ad installatori professionisti.

Scegliere un modello come questo, inoltre, proprio perché di dimensioni ridotte, consente di avere dei vantaggi che riguardano non solo il minor ingombro ma anche un notevole risparmio energetico perché il ciclo di lavaggio – in virtù dei minori coperti da lavare – dura meno, il che tuttavia, non significa una minore prestazione sulla qualità e pulizia che risultano essere efficaci come quelle di una lavastoviglie tradizionale.

mini-lavastoviglie-come-scegliere-1

Come scegliere la migliore mini lavastoviglie

Perdersi nel mare magnum delle offerte presenti sul mercato può essere semplice soprattutto se non si conoscono bene le caratteristiche da tenere in considerazione prima dell’acquista. Vediamole tutte nel dettaglio.

Dimensioni

I primi tre aspetti da considerare sono: dimensioni, peso e design. Per quanto riguarda le dimensioni, questi elettrodomestici sono anche chiamaticompatti” in virtù del poco ingombro che offrono: ideale per chi dispone di una mini cucina. Le dimensioni, comunque, possono variare in base al numero di coperti che può ospitare la mini lavastoviglie: in generale, la larghezza di un elettrodomestico del genere oscilla tra 40 cm e massimo 45 cm.


Potrebbe interessarti: Lavastoviglie: 40 cose che non immaginavi di poter lavare

Peso

Anche il peso è solitamente contenuto: poco al di sopra del 20 kg che comunque varia sempre a seconda della capienza. Infatti, una mini lavastoviglie tra i modelli più piccoli (4 coperti e 40 cm di larghezza) avrà un peso anche inferiore dei 20 kg.

Design

Come in tutte le cose, anche l’occhio vuole la sua parte e per questo motivo le aziende produttrici offrono diversi modelli caratterizzati dal design molto interessanti. Tecnicamente non sono diverse, ma in termini di estetica tutto dipende dal tuo gusto personale.

mini-lavastoviglie-come-scegliere-copertina-3

Capienza

Aspetto fondamentale prima di procedere all’acquisto di una mini lavastoviglie, naturalmente, è la capienza o la capacità e cioè: quanti oggetti può contenere? In commercio esistono varie tipologie di mini lavastoviglie che possono variare fino ad arrivare a un massimo di 10 coperti, una scelta, tuttavia, poco presa in considerazione in favore di modelli che ne dispongono di 4 o 6. Nonostante la compattezza, la mini lavastoviglie con queste caratteristiche riesce perfettamente a svolgere il suo compito e risulta comunque essere un buon modo per ottimizzare il consumo energetico e naturalmente le spese, soprattutto se la famiglia è composta da pochi membri.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

mini-lavastoviglie-come-scegliere-copertina-4

Rumorosità

La rumorosità o, meglio, la silenziosità di una mini lavastoviglie è prerogativa necessaria soprattutto se abiti in un condominio. Sotto questo aspetto, i vari modelli disponibili in commercio presentano un livello accettabile attestandosi intorno ai 50 decibel anche se ne esistono particolari tipologie così silenziose da essere utilizzate addirittura alla sera.

mini-lavastoviglie-come-scegliere-copertina-4

Mini lavastoviglie vantaggi: risparmio energetico

Come ampiamente detto, uno dei vantaggi dell’acquisto di una mini lavastoviglie è il notevole risparmio energetico che, negli ultimi tempi, è una questione che sta a cuore a molti. Come altri elettrodomestici, anche per quanto riguarda quello in esame bisogna dire che ci sono tipologie più performanti di altre: puoi renderti conto di questo aspetto visualizzando la classe energetica indicata sul prodotto.

In generale, una mini lavastoviglie con classe A+ consuma in un anno poco più di 200 kWh e 2250 litri di acqua. Naturalmente, è un dato puramente indicativo perché molto dipende anche dall’uso che se ne fa; ad ogni modo, grazie alla funzionalità Eco di molti modelli puoi abbattere ulteriormente il consumo.

mini-lavastoviglie-come-scegliere-copertina-5

Mini lavastoviglie vantaggi: manutenzione

Infine, ma non per importanza, un piccolo accenno alla manutenzione di una mini lavastoviglie. È un aspetto fondamentale per non ritrovarsi con un elettrodomestico non performante: la prima cosa da fare è verificare la durezza dell’acqua della rete idrica di casa. In base a questo, scegliere in modo accurato il dosaggio di sale per ottenere lavaggi perfetti e senza calcare.

Inoltre, per evitare cattivi odori utilizza un additivo adatto da collocare nel cestello delle posate. A questo punto dovrai avviare il lavaggio per pulire la struttura e ricorda di aggiungere il brillantante nell’apposita vaschetta ogni 80 lavaggi per una pulizia perfetta. Tutte queste accortezze faranno si che il tuo elettrodomestico compatto duri più a lungo.

mini-lavastoviglie-come-scegliere-5

Mini lavastoviglie, come scegliere il modello migliore: immagini

Per rivedere le immagini inserite sfoglia la galleria e scegli il modello perfetto per le tue esigenze!

 

Marika Manna
  • Laurea in Editoria e Giornalismo
  • Autore specializzato in Lifestyle, Casa, Arredamento, enogastronomia
Suggerisci una modifica