Come dividere un salone doppio

I saloni molto grandi hanno il privilegio di essere adibiti a più funzioni, ricreando anche due stanze in un unico ambiente. Ecco però che si rende necessario dividere i due spazi con opere murarie o con elementi d’arredo posizionati in un certo modo. Come farlo nel modo giusto? 

salone-doppio-

Chi ha la fortuna di avere una casa molto grande ha spazio per organizzare al meglio tutta la zona giorno. Un salone molto ampio, a volte però, potrebbe risultare dispersivo e poco funzionale. L’ideale sarebbe dividere il salone in due ambienti più piccoli, ma ugualmente ampi.

In questo modo si potrebbe considerare l’idea di un salone doppio destinando lo stesso ambiente a più funzioni. Per esempio si potrebbe arredare una parte come living, dove accogliere gli ospiti, e un’altra come sala da pranzo con tavolo e sedie destinati alle cene speciali.


Leggi anche: Arredare il salone con le piante esotiche

Un’altra idea di suddivisione degli spazi potrebbe essere quella di ricavare nel doppio salone un ingresso più ampio o una zona lettura. Ma come possiamo dividere lo stesso ambiente creando due zone differenti? Quali sono i metodi per far si che il doppio salone resti luminoso e ampio? Abbiamo raccolto alcune idee su come suddividere un salone doppio destinandogli più di una funzione.

salone-doppio-08

Opere murarie

Il primo suggerimento che potreste tenere in considerazione riguarda la separazione di due zone con una parete. In questo caso, però, vi sconsigliamo di creare un’unica grande parete che renderebbe i due spazi piccoli e bui.

Per far si che non venga ostruito il passaggio della luce e dell’aria possiamo optare per quelle opere murarie più particolari. Ad esempio potremmo creare una parete a separé centralmente alla stanza.

Potremmo infine dipingerla di un colore audace, per fa si che richiami l’attenzione. L’idea più opportuna è quella di creare una parete che non permetta di vedere facilmente cosa c’è nella stanza accanto, ma che consenta comunque il passaggio ad entrambi i lati, senza l’istallazione di porte. Questa tipologia di divisione di un doppio salone è perfetta in un ingresso.


Potrebbe interessarti: Arredare il salone con le piante grasse

salone-doppio-0

Posizione dell’arredo

Sembrerà banale, ma in realtà potremmo tranquillamente dividere un ambiente senza opere murarie. Tutto sta nel saper giocare con il posizionamento degli arredi. In un doppio sapone basterà posizione un divano a centro stanza con poltrone di fronte, lasciando alle spalle il resto dell’arredo.

Nella foto come esempio si più vedere come la posizione del divano delinei il perimetro di un ambiente. In questo caso infatti questo è rivolto verso l’ingresso ed unitamente alla parete attrezzata sulla sua sinistra traccia il confine della zona destinata al salotto.

Lo spazio che rimane alle sue spalle è, in questo caso, arredato come una sala da pranzo e costituisce il resto della zona living disponibile. Quindi, senza alzare pareti o spendere soldi per ristrutturare una stanza, possiamo creare ambienti differenti semplicemente spostando l’arredo.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

salone-doppio-07

Caminetto bifacciale

Una tendenza che sta spopolando nell’ultimo anno è la rivisitazione del classico caminetto, inteso come elemento di design capace di abbellire una stanza. Nel nostro caso esistono caminetti free standing o da incasso che sono bifacciali, cioè visibili da entrambi i lati. Per questa ragione l’istallazione di un caminetto come questo svolge più di una funzione.

Oltre a separare i due ambienti, permette di riscaldare nella stessa misura entrambi gli spazi. Inoltre contribuisce a rendere il doppio salone più caldo ed accogliente. Se vi piace giocare con il cartongesso, potreste ricreare una parete dove sistemare ad incasso il caminetto con scomparti destinati ad ospitare la legna da ardere.

salone-doppio-09

Grandi vetrate

Se il doppio salone che dovete dividere ha abbastanza finestre che permettono l’ingresso di luce e il riciclo d’aria potete valutare le classiche pareti divisorie. Quando questo non è presente, il nostro consiglio si muove sulla scelta di sostituire la parete con grandi vetrate.

Il bello delle strutture divisorie di vetro è che sono personalizzabili a 360°. Infatti sarete voi a scegliere i telai, i vetri, la loro grandezza e perfino la finitura trasparente, opaca o colorata. Le vetrate o le porte in vetro sono l’ideale per chi vuole dividere i due ambienti permettendo comunque che quest’ultimi comunichino visivamente tra di loro.

L’unico svantaggio di scegliere i serramenti in vetro è il problema che si viene a creare con la scarsa privacy. Infatti, il vetro è un materiale che permette di vedere attraverso, anche se i modelli opacizzati o smerigliati tendono a camuffare bene. Purtroppo oltre alla visione di ciò che accade dietro al vetro, le strutture così permettono il passaggio del suono più facilmente di una classica parete.

salone-doppio-01

Libreria senza tempo

Se siete amanti della lettura e di ricreare un posto tutto vostro dove rifugiarvi potreste utilizzare una parte del doppio salone come angolo ufficio. Un modo creativo per separare i due ambienti è quello di sistemare una libreria senza tempo. Potreste valutarne qualcuna bifacciale che sia sfruttabile come libreria nell’angolo ufficio e come parete attrezzata nel soggiorno.

Questo tipo di librerie non sono facili da trovare, ma grazie all’aiuto di esperti nel settore del cartongesso potreste ricrearne una su misura, fatta apposta per il vostro salone doppio. Chi entrerà nello studio ufficio attraverso questa, avrà come l’impressione di trovarsi in un’antica libreria o in uno scenario surreale che descrive una stanza di raccoglimento e meditazione.

salone-doppio-02

Pavimenti, soffitti e colori

Un’altra idea per separare due ambienti senza opere murarie e senza modificare la posizione degli arredi è quella di creare giochi di forme e colori. Ad esempio, molto utilizzato è il contrasto che sanno creare due pareti dipinte diversamente.

In un unico ambiente potremmo dipingere la parte destinata al living con colori più neutri e chiari, mentre potremmo tinteggiare la parte destinata alla zona pranzo di un colore più audace, più vivace, che richiami pochi elementi decorativi nel soggiorno.

Un modo originale per distinguere due ambienti differenti nella stessa stanza è quello di giocare con i controsoffitti. Con l’aiuto di professionisti potremmo progettare pannelli in cartongesso che richiamano uno stile più tradizionale alternato a giochi geometrici ad onda o squadrati per il doppio salone.

Infine un’altra idea potrebbe essere quella di richiamare la divisione fatta con i controsoffitti anche sul pavimento, utilizzando piastrelle differenti per i due ambienti. L’unica cosa importante è quella di creare, però, una certa armonia nelle forme e nei colori della pavimentazione per rendere accogliente e bello il doppio salone.

salone-doppio-12

Come dividere un salone doppio: foto e immagini

Nella gallerie che segue troverete tutte le idee di cui abbiamo parlato. Tra colonne decorative, librerie affascinanti e pareti di vetro c’è una vasta scelta di modalità per separare un salone doppio.

Benedetta Giusto
  • Autore specializzato in Arredamento, Lifestyle
Suggerisci una modifica