Frittura di calamari – Calamari fritti

Laura Bennet
  • Dott. in scienze biologiche
Frittura di calamari – Calamari fritti

Sommario

Calamari fritti, dorati e croccanti: ricetta, ingredienti, dosi cottura, varianti, calorie e foto della preparazione

Tempo di preparazione:
30 minuti
Tempo di cottura:
5 minuti
Quantità:
4

Ingredienti Ricetta

  • Calamari 1 kg
  • Farina 00 200 g
  • Olio per friggere 1 l

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 100 g
  • Calorie 175

Calamari-fritti

Preparazione dei calamari fritti

I calamari fritti, dorati e croccanti, sono un secondo piatto di mare apprezzato da tutti, soprattutto dai bambini. Vengono preparati in ogni stagione dell’anno da soli o nelle fritture miste di mare insieme a gamberi, triglie, alici, ecc.

Per ottenere un fritto dal profumo di mare dovete acquistare dal vostro pescivendolo di fiducia i calamari freschi di giornata. Li riconoscerete facilmente osservando il colore della pelle che non deve essere gialla, ma bianca e lucida; dalla consistenza soda dei tentacoli; dall’odore di mare che emanano.

Calamari

Pulizia dei calamari

Per prima cosa sciacquate i calamari sotto il getto della fontana.

Staccate la testa dal mantello e poi asportate gli occhi con le forbici. facendo attenzione a non romperli se non volete imbrattarvi di schizzi neri.

Sfilate con le dita la pinna cartilaginea e trasparente che si trova nel mantello.
Eliminate il becco corneo situato al centro dei tentacoli.

Spellate i mantelli e i tentacoli.

Sciacquate bene bene la parte interna dei mantelli e asportate le visceri, la sostanza gelatinosa e i filamenti biancastri che trovate all’interno.

Infine, aiutandovi con le forbici, tagliate il mantello in anelli di circa 1 cm di spessore o a vostro piacimento.

calamari-pulizia

Mettete gli anelli dei calamari in un colino e sciacquateli nuovamente sotto l’ acqua corrente fino a quando non comparirà più la schiuma bianca.

Distribuite gli anelli in un unico strato su un canovaccio pulito e tamponateli con della carta assorbente per rimuovere l’acqua in eccesso. Così facendo gli anelli eviterete i pericolosi schizzi prodotti dai calamari non appena vengono calati nell’olio caldo.

Calamari-infarinatura
Infarinatura dei calamari

Mettete la farina all’interno di un sacchetto per alimenti, aggiungete gli anelli di calamari, pochi per volta.

Scuotete il sacchetto fino a quando gli anelli sono ricoperti di farina in maniera uniforme.

Calamari-infarinati

Prima di friggerli scuoteteli delicatamente per eliminare la farina in eccesso. Potete anche trasferirli in un colino e poi scuoterli.

Cottura dei calamari

Versate l’olio in una capiente padella antiaderente e fatelo riscaldare a fiamma medio alta.

Calamari-fritti-cottura

Non appena l’olio diventa bollente calatevi un po’ alla volta gli anelli di calamari e fateli cuocere per circa circa 2 minuti, poi girateli delicatamente con un mestolo forato e fateli cuocere per altri 2 minuti, fin quando risulteranno belli dorati e croccanti.

Frittura di calamari
A cottura ultimata, sollevateli con una schiumarola e fate asciugare l’olio in eccesso mettendoli su carta assorbente da cucina.

Calamari dorati e fritti

Salate la frittura di calamari e serviteli in tavola belli caldi accompagnandoli con fettine di limone o una salsa fresca e delicata, come la classica maionese mista a yogurt greco e senape.

Consigli

Per friggere i calamari potete utilizzare olio di semi di arachidi se si vuole ottenere un fritto che risulti più leggero o olio extravergine di oliva, purchè entrambi bollenti.

Ricordate che se non volete calamari secchi e gommosi il tempo di cottura non deve essere prolungato e quindi dovrà essere di 3/4 minuti al massimo.

Se siete intolleranti alla comune farina impanate gli anelli di calamari con la farina di mais: in questo caso avrete una frittura ugualmente croccante, più gialla e di sapore più deciso.

Se invece siete a dieta potete optare per una variante light: la cottura al forno. In questo caso, gli anelli di calamaro, vanno passati prima nell’uovo poi nel pan grattato e poi messi a cuocere nel forno preriscaldato a 200° C per 15-20 minuti, fino a quando non diventeranno croccanti e dorati.

Calamari

Curiosità

I Calamari fritti sono diffusi in moltissimi Paesi. In Spagna, soprattutto, nelle regioni del Nord, sono serviti sia come tapas che come bocadillo de calamares fritos; in Turchia, dove sono chiamati Kalamar Tava, vengono serviti con la salsa tarator, a base di noci, aglio e yogurt; in Messico con tabasco piccante; in Cina con salse diverse.

Galleria foto ricette calamari