Maritozzi alla romana

Nicola Spisso
  • Autore specializzato in architettura e design d'interni

Antica ricetta quaresimale per la preprazione dei maritozzi con uva sultanina e pinoli

I Maritozzi alla romana sono un tipico dolce laziale di origini molto antiche: nel Medioevo erano di dimensioni più grandi di quelli attuali e si preparavano solo nel periodo della Quaresima, oggi invece si trovano in qualsiasi periodo, soprattutto nelle caffetterie e nelle pasticcerie romane. La ricetta che vi proponiamo oggi è quella dei Maritozzi senza la panna.

maritozzi alla romana

Ingredienti:

  • 100 gr di pasta di pane
  • 600 gr di farina
  • 4 uova
  • 150 gr di olio
  • sale
  • 100 gr di zucchero
  • burro
  • 100 gr di pinoli
  • 200 gr di uva sultanina
  • 100 gr di scorza d’arancia candita
  • sciroppo alla vaniglia

Preparazione:

Impastare la pasta di pane molto lievitata con 200 gr di farina, 2 uova, 70 gr d’olio e un pizzico di sale. Lasciare l’impasto in un luogo caldo per circa 8 ore. Quando sarà molto lievitato e gonfio, aggiungervi 400 gr di farina, 2 uova, 80 gr d’olio, lo zucchero fine, un pizzico di sale e un poco d’acqua tiepida. Impastare il tutto badando che la pasta non risulti eccessivamente molle. Ungere leggermente col burro una placca da forno.

Mettere la pasta dei maritozzi sulla spianatoia, aggiungervi i pinoli, l’uva sultanina ben nettata, la scorza d’arancia candita e tagliuzzata a dadini. Con la pasta modellare tanti panini ovali, allinearli sulla placca imburrata distanziati l’uno dall’altro, affinché crescendo non si attacchino fra loro.

Lasciar lievitare per altre sette ore, poi cuocerli in forno a calore piuttosto forte. Appena cotti, toglierli dal forno e spalmarli con uno strato sottile di sciroppo denso profumato alla vaniglia.