Recinzione giardino in un condominio: ecco quando è obbligatoria

All’interno di un Condominio occorre rispettare delle regole prefigurate. Tra queste sussiste l’obbligo della recinzione del giardino dell’abitazione privata apposta all’interno dell’edificio comune. Ecco i dettagli

 

recinzioni-in-PVC-4Vivere in un Condominio significa dover rispettare delle regole prefissate al fine di poter disporre e godere della propria abitazione privata, nel rispetto del godimento equo della propria da parte degli altri condomini.

I particolare, il godimento del proprio bene all’interno dell’edificio è dato dallo sfruttamento delle parti comuni serventi gli altri condomini, per poter beneficiare della proprietà individuale.

Tra le regole condominiali sussiste quella che impone l’obbligo di recinzione del giardino, quale pertinenza di abitazione condominiale.

recinzioni-in-PVC-2

 

 

 

Giardino privato in un Condominio: obbligo di recinzione

Chi possiede un giardino privato all’interno di uno spazio condominiale è tenuto a recintarlo. Tale recinzione deve costituire un obbligo sussistente in capo soltanto del proprietario dell’abitazione servita dal giardino.

Recinzione giardino in un condominio: ecco quando è obbligatoria


Leggi anche: Le 10 regole da seguire per abbinare le piante nel modo migliore

 

Recinzione del giardino privato: occorre autorizzazione?

Al fine di procedere alla recinzione di un giardino privato occorre, dunque, chiedersi, se il singolo condomino debba chiedere autorizzazione all’assemblea condominiale per procedere.

L’installazione della recinzione attorno al proprio giardino è soggetta a due fattori: l’ubicazione del giardino e la funzione  dello stesso tali da determinare l’obbligo o meno da parte del condomino di procedere con o senza preventiva autorizzazione condominiale.

Pertanto, se la recinzione è perfettamente corrispondente al perimetro dell’edificio condominiale ne diventa un bene condominiale.

In tal caso la recinzione non solo non necessita di una preventiva richiesta di autorizzazione all’assemblea condominiale, ma i lavori di installazione e messa in opera possono essere oggetto di compartecipazione di tutti i condomini.

recinzioni-in-PVC-7

 

Recinzione giardino di un condomino: ecco come si procede

Se la recinzione del giardino privato si estende per il perimetro dell’intero edificio condominiale, occorre applicare il regolamento interno condominiale sulle porzioni delle parti comuni. Qualora non si faccia riferimento alcuno al giardino privato, occorrerà rifarsi al codice civile alla voce: “cose necessarie all’uso comune”.

recinzioni-in-PVC-10


Potrebbe interessarti: 10 regole per arredare in stile etnico

 

Giardino in parte privato ed in parte comune: cosa accade?

Qualora la recinzione del giardino sia parte comune utilizzabile da tutti i condomini e parte privata, il proprietario del giardino può modificare la recinzione aggiungendo degli elementi di utilità personale per motivi di sicurezza e privacy.

Affinché tali modifiche vengano apposte è necessario che il proprietario del giardino garantisca il diritto d’uso delle stesse e l’effettuazione  senza alcun pregiudizio recato alle caratteristiche architettoniche dell’edificio.

recinzioni-in-PVC-20

Giardino non costituisce parte comune: cosa accade?

Qualora la recinzione da apporre riguardi un giardino che non costituisca una parte comune, il proprietario per montare o modificare la recinzione dovrà procedere a proprie spese e senza necessaria autorizzazione del Condominio.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Resta saldo nell’effettuazione dell’opera, il principio fondamentale della tutela del decoro architettonico dell’edificio condominiale.

La recinzione, in particolare, dovrà essere di proprietà esclusiva, ed usufruibile solo dal proprietario del giardino apposto nella parte condominiale, ma al contempo, riguardando una parte dell’edificio, dovrà essere realizzata in conformità alle proprie caratteristiche strutturali 

Pertanto la recinzione da installare attorno al giardino del singolo condomino, dovrà essere armoniosa con il resto dell’edificio in termini di colorazione e design del palazzo condominiale.

In tal senso i lavori dovranno essere eseguiti dal singolo proprietario-condomino  in conformità ai parametri di estetica e funzionalità.

 

 

Avv. Ennio Carabelli
  • Laurea in Giurisprudenza, abilitazione Forense
  • Giornalista Pubblicista
  • Autore specializzato in controversie legali, normative, condominio, casa, successioni, contratto, mutui.
Suggerisci una modifica