Liti Condominiali: ecco quando occorre un avvocato

Condividere le parti comuni di accesso al singolo bene immobiliare non è cosa semplice seppur necessaria. In un Condominio anche per futili motivi, è possibile che tra i condomini si instaurino delle liti . Ecco i casi in cui chiamare l’avvocato è proprio necessario.

lite-condominiale-quando-avvalersi-avvocato

Litigare è spesso il pane quotidiano per la venuta in essere di singole problematiche. In un Condominio in cui la “convivenza” nel medesimo palazzo è spesso forzata, possono sorgere liti tra i singoli condomini non proprio legati da rapporti di buon vicinato, soprattutto quando vi è la necessità di condividere le parti comuni.

Il carico derivante dalle liti sorte tra i condomini sui Tribunali è, spesso, eccessivo: la casistica è piena, ma di seguito proviamo ad evidenziare quando rivolgersi all’avvocato è atto improrogabile e necessario.

Sgravare il peso dei Tribunali dalle liti condominiali: ora si può

Onde evitare che il giudice possa continuamente decidere sui dispetti che reciprocamente un condomino può risolvere ad un proprio vicino, con la legge 220 del 2012 è stato apposto un obbligo.


Leggi anche: Pulizia delle scale condominiali: è necessario affidarsi ad una ditta?

Ciascun condomino interessato ad adire le vie legali dovrà per forza di cose risolvere la questione aderendo preventivamente all’istituto della conciliazione.

Per conciliazione extragiudiziale si intende un istituto di mediazione dinnanzi a determinati organi presenti in ciascun Tribunale o Corte d’Appello volti a filtrare le innumerevoli liti condominiali e, possibilmente, a risolverle sul nascere.

Mallet, legal code and scales of justice. Law concept, studio shots

L’ Istituto della mediazione civile: ecco come si svolge

Qualora la mediazione venga accettata dalle parti in contrapposizione tra loro, si effettua dinnanzi ad un avvocato difensore e ad un mediatore designato dall‘organo di mediazione.

Tale procedura extragiudiziale può terminare in modo positivo con un accordo extragiudiziale tra le parti ovvero negativamente determinando la transizione delle parti nell’aula di giustizia per risolvere la lite in essere tra loro.

Altro strumento extragiudiziale di risoluzione di una lite è l’arbitrato. Nel caso di specie il legittimato e competente a dirimere la lite sarà un esperto in materia di diritto condominiale.

L’arbitrato si svolge attraverso un organo monocratico o dinnanzi ad un collegio arbitrale ove le parti nomineranno un arbitro ed un terzo sarà designato da un organo imparziale non rientrante nella lite.

La decisione assunta dall‘arbitro è detta lodo arbitrale avente il medesimo valore giuridico di una sentenza emessa da un Tribunale ordinario.

Liti Condominiali: differenze e caratteristiche peculiari

All’interno di un Condominio per caratteristiche e differenze peculiari si distinguono le liti attive da quelle passive.


Potrebbe interessarti: Supermercati di condominio: come fare la spesa senza uscire di casa

Le prime sono quelle in cui il Condominio decide di avvalersi di un proprio difensore di fiducia per far valere una pretesa in giudizio.

Nelle liti passive, il Condominio, è chiamato in causa per difendersi da una pretesa altrui vantata in giudizio.

L’amministratore agisce in giudizio ex art.1136 c.c. ma la legittimazione grava sempre in capo all’assemblea condominiale ex art.1136 c.c.

tribunale

Lite condominiale: ecco quando l’avvocato è necessario

L’agire in giudizio  o in sede extragiudiziale ai fini di una mediazione civile comporta la necessità di avvalersi della prestazione d’opera intellettuale di un avvocato.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Il libero professionista abilitato alla pratica forense ha competenze specifiche in materie civili, penali ed amministrative: pertanto qualsiasi avvocato regolarmente iscritto all’albo è in grado di poter assumere la difesa di un Condominio sia nei giudizi in cui quest’ultimo è parte attiva (attore) sia in quelli in cui è parte passiva (convenuto).

Di tal che, l’amministratore su disposizione dell’assemblea condominiale,  potrà conferire incarico ad un professionista del settore,  scelto tra  un “esercito” di professionisti iper-specializzati e facilmente rintracciabili su specifiche piattaforme on-line volte a favorire il primo contatto con il cliente.

Avv. Ennio Carabelli
  • Laurea in Giurisprudenza, abilitazione Forense
  • Giornalista Pubblicista
  • Autore specializzato in controversie legali, normative, condominio, casa, successioni, contratto, mutui.
Suggerisci una modifica