Come rifare la facciata dell’immobile sfruttando l’Ecobonus

Se stai pensando di rifare la facciata del tuo immobile, potresti avvalerti degli incentivi messi a disposizione. Quali sono gli interventi consentiti, i documenti richiesti e tutte le novità relativi al Bonus facciate 2020? Ecco tutte le informazioni. 

bonus-facciate2

Tra i vari incentivi e le detrazioni relativi al miglioramento energetico di edifici e abitazioni c’è il Bonus Facciate 2020, atto al miglioramento estetico di edifici di pregio storico e artistico o per gli edifici appartenenti a zone ad elevata densità costruttiva.

Questo incentivo è pari al 90 % delle spese sostenute per uno degli interventi ammessi e ha subito una proroga per gli interventi fino a dicembre 2021. Vediamo nello specifico come funziona, chi sono i soggetti che possono farne richiesta e quali sono le prassi da seguire per rifare la facciata del tuo immobile, sfruttando l’Ecobonus.

bonus-facciate4

Bonus facciate: come funziona

L’Ecobonus 110% può essere abbinato ai costi investiti per le facciate a partire dall’1 luglio 2020, con proroga fino al 21 dicembre 2021. Come risaputo, la detrazione relativa viene dilazionata in 5 parti durante l’anno, tramite uno sconto oppure tramite cessione del credito a terzi.


Leggi anche: Interventi antisismici a costo zero sfruttando l’Ecobonus

Per ottenere il bonus facciate al 110% è necessario che questo sia legato agli interventi cosiddetti trainanti. Ad esempio, se in seguito al rifacimento del cappotto termico viene applicato un intervento anche all’intonaco della facciata dell’immobile, allora quest’ultimo è detraibile al 110%. Senza abbinare il bonus facciate a progetti trainanti, la detrazione è pari al 90%. In questo caso, però, non esistono limiti di spesa, come gli altri incentivi strutturali citati nell’Ecobonus 110%.

Il decreto di rilancio, dal quale sono normati i principi relativi all’Ecobonus, cita che il soggetto che fa richiesta della detrazione può scegliere tra uno sconto sul totale dovuto, in forma di credito di imposta, oppure la formula di cessione del credito, da elargire sia come credito di imposta che a banche o altri enti finanziari.

Il bonus facciate ha come obiettivo quello di incentivare gli interventi di miglioramento qualitativo ed estetico di edifici e abitazioni. Il decreto bilancio è stato approvato come legge, Legge di Bilancio 2021 ed è stato confermato che i cittadini possono ottenere il beneficio della detrazione IRPEF 2021 in seguito alla ristrutturazione delle facciate, detrazione pari al 90% delle spese sostenute.

bonus-facciate1

Le zone in cui è possibile ottenere il Bonus facciate

Il Bonus facciate 2021 può essere applicato per le zone dette A e B:

  • Zone A: parti dei complessi urbani considerati di carattere storico o patrimonio d’arte; edifici di pregio e tutte le aree a loro confinanti.
  • Zone B: sono le parti di territorio totalmente o in parte edificate, che non fanno parte dei gruppi di carattere storico, artistico o di pregio.

Bonus facciate: lavori ammessi

Il bonus facciate e la sua detrazione al 90% è concessa solo per gli interventi che riguardano migliorie all’involucro esterno,  per i seguenti tipi di lavori:


Potrebbe interessarti: Come rifare l’impianto di riscaldamento con Ecobonus

  • Opere di recupero e/o restauro delle facciate delle abitazioni o degli edifici appartenenti alle Zone A o B;
  • Pulitura della facciata esterna ed opaca dell’edificio;
  • Tinteggiatura della facciata esterna ed opaca dell’edificio;
  • Intonaco;
  • Sostituzione ringhiere;
  • Decori;
  • Rifacimento balconi;
  • Rifacimento grondaie, pluviali, parapetti.

bonus-facciate3

Oltre agli interventi elencati, rientrano nel Bonus facciate anche:

  • Costo per il personale tecnico;
  • Perizie;
  • Attestati e documenti per la validazione;
  • Smaltimento dei rifiuti relativi agli interventi;
  • Ponteggio.

Tuttavia è importante specificare che il Bonus facciate non prevede alcune spese. Le spese escluse sono:

  • Interventi non visibili in strada ( facciate dei cortili interni o dei chiostri);
  • Sostituzione di tendaggi parasole, porte, vetri e cancelli, infissi. 

Se gli interventi sulle facciate sono complementari al rifacimento del cappotto termico, parliamo di Superbonus 110%. Le spese di detrazione, quindi, saranno del 110% e non del 90%. Si tratta di un incentivo a creare migliorie tecniche oltre che estetiche.

Bonus facciate: chi può beneficiarne

Il Bonus facciate spetta a tutti i contribuenti che abbiano la residenza all’interno dell’unità abitativa o dell’edificio in questione. Nello specifico possono fare richiesta del Bonus facciate:

  • Persone fisiche;
  • Enti privati o enti pubblici ( al di fuori dall’attività commerciale);
  • Società semplici;
  • Associazioni.

I suddetti devono dimostrare di essere:

  • Proprietari dell’immobile;
  • Nudi proprietari;
  • Locatari
  • Familiari conviventi del proprietario dell’immobile;
  • Conviventi di fatto.

documenti-ecobous

 

Prassi per il Bonus facciate

Per poter accedere al Bonus facciate è necessario seguire una prassi dettagliata. Ecco i passaggi:

  • Individuare l’intervento che si ha intenzione di effettuare e assicurarsi che copra una superficie di almeno 10% dell’immobile;
  • Scegliere un’azienda o un professionista che effettui l’intervento;
  • Pagare esclusivamente sotto forma di bonifico;
  • Comunicare sul sito dell’ENEA la scheda descrittiva dell’intervento. Questa scheda deve essere compilata dal tecnico ( architetto, geometra, etc) e inoltrata entro 90 giorni dalla fine dei lavori sul sito ENEA.
  • Ogni contribuente che fa richiesta del Bonus facciate deve conservare tutte le copie dei bonifici effettuati, la copia della scheda descrittiva degli interventi, la copia dell’APE ( attestato di prestazione energetica), le schede tecniche dei materiali utilizzati per gli interventi.

Ricordiamo che tutti i passaggi, le clausole e le norme e le leggi di riferimento in relazione al Bonus facciate, sono riportate sul sito dell’Agenzia delle entrate.

Clelia Ragosta
  • Lingua e letteratura svedese
  • Autore specializzato in Design, Arredamento, Lifestyle
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli aggiornamenti su speciali, guide e novità riguardo il mondo della casa e giardinaggio. Aggiornati dai nostri esperti di botanica e dell'arredo casa.