Bonus Verde 2021

Il Bonus Verde 2021 è una detrazione fiscale applicabile alle spese sostenute per i miglioramenti delle aree verdi. Di cosa si tratta e come fare per accedere al bonus? Le domande relative al Bonus Verde 2021 sono tante e proponiamo una guida semplificativa. Ti spieghiamo tutti i dettagli.

bonus-verde-20212

La Legge di Bilancio 2021 ha dato l’opportunità di accedere a diversi incentivi, come l’Ecobonus 110% oppure a delle detrazioni relative alle opere edili, ma non solo. Si tratta di nobili iniziative volte a supportare la popolazione ad apportare opere di miglioramento di edifici, immobili, condomini o capannoni.

Il successo dei suddetti incentivi è stato dilagante, tanto da portare a diverse proroghe fino alla fine dell’anno. Tra i vari progetti esistenti, è stato prorogato anche il Bonus Verde 2021, ovvero il bonus che permette una detrazione del 36% sulle spese sostenute per la riqualifica degli spazi verdi e le aree ad essi adiacenti, come giardini pensili, balconi, terrazzi o cortili condominiali.


Leggi anche: Bonus idrico e bonus depuratori d’acqua

Vediamo tutti gli step per ottenere la detrazione, quali sono le opere consentite dal Bonus Verde e quali sono i dettagli del processo di richiesta.

bonus-verde-20215

Cos’è il Bonus Verde 2021

Con Bonus Verde 2021 indichiamo l’incentivo legato alla detrazione del 36% sui costi sostenuti per migliorare i giardini, gli spazi verdi, terrazzi e aree limitrofe ad essi. 

Questa detrazione si abbina alla dichiarazione dei redditi e viene suddivisa in 10 rate annuali, aventi lo stesso importo, suddivise su un arco di tempo di 10 anni, e copre una spesa massima di 5000 € per ogni nucleo abitativo, o per condominio.

Nel concreto, facendo un esempio, su una spesa di 5000 € sarà possibile ottenere una detrazione di 1800 €, divisi in 10 rate da 180 €, per 10 anni. Questo bonus è accordato solo per le sedi destinate ad uso abitativo, sono quindi escluse le destinazioni d’uso diverse da quella abitativa( come negozi commerciali, sedi lavorative).

Il bonus può essere applicato anche sulle parti verdi comuni dei condomini, e la cifra massima è sempre di 5000 €.

Chi può ottenere il Bonus Verde 2021

Possono fare richiesta del Bonus Verde 2021 tutti gli individui che sono proprietari di un immobile o che ne detengono l’uso tramite regolare contratto. 

Possono fare richiesta anche le persone che utilizzano l’abitazione in qualità di coinquilini o comodatari. 

Quali sono gli interventi ammessi nel Bonus Verde 2021

Le aree di intervento ammesse e relative al Bonus Verde 2021 sono:

  • Riqualifica delle aree verdi senza copertura ( di edifici, unità abitative, pertinenze);
  • Miglioramento degli impianti di irrigazione e dei pozzi;
  • Miglioramento di prati e giardini;
  • Interventi di potatura;
  • Inserimento di piante e arbusti;
  • Creazione di giardini pensili.

Inoltre, rientrano nelle spese detraibili nella misura del 36% sul totale, anche le spese di progettazione. 


Potrebbe interessarti: Ecobonus 110%: come funziona la maxi detrazione fiscale

bonus-verde-20213

Quali sono le spese che non sono ammesse nel piano di qualifica Bonus Verde 2021

Relativamente al Bonus Verde 2021 non sono ammesse le spese relative ad una manutenzione per i giardini che già esistevano, e che quindi non apportano miglioramento né innovazione al territorio. Tra le spese non concesse rientrano anche quelle relative agli acquisti di materiale e strumenti per la cura degli spazi verdi. 

bonus-verde-20211


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Quali sono le modalità di accesso al Bonus Verde 2021

Per poter accedere al servizio e ottenere le detrazioni fiscali è indispensabile tenere traccia dei pagamenti dei lavori, effettuandoli tramite:

  • Bonifico ( bancario o postale);
  • Bancomat;
  • Assegno non trasferibile;
  • Carta di credito.

I pagamenti in contanti o senza fattura o copie dei pagamenti non vengono considerati validi ai fini della detrazione.

Queste spese devono essere dimostrabili ed è necessario avere una copia delle fatture dei pagamenti, per dimostrare i pagamenti durante gli eventuali controlli effettuati dalle Agenzie delle Entrate.

Oltre a fatture e pagamenti, ci sono altri documenti che è necessario conservare. Questi documenti sono:

  • Tutte le fatture;
  • Tutte le ricevute fiscali;
  • Autocertificazione del detraente che indica le spese sostenute, il codice fiscale e i dati anagrafici;
  • Nel caso di attività condominiale, compilare tutti i moduli e certificare le somme sostenute e i dati catastali del condominio, per una giusta ripartizione delle spese.

Ricordiamo che tutta la prassi si effettua presso l’Agenzia delle Entrate che può controllare la bontà e la veridicità delle dichiarazioni fatte in qualunque momento. Si consigli di conservare e fotocopiare tutte le fatture dei pagamenti, affinché non vadano disperse o che si sbiadiscano con il tempo.

bonus-verde-20215Cosa succede se l’immobile in cui sono fatti interventi, viene venduto nei successivi 10 anni

Il Bonus Verde 2021 è cedibile al nuovo proprietario, nel caso in cui l’immobile sul quale sono stati effettuati i lavori per il miglioramento dello spazio venga venduto. Ogni persona detraente può apportare lavori ad ogni unità abitativa di sua proprietà.

Ad esempio, se sei proprietario di 2 unità abitative, puoi accedere al Bonus Verde 2021 per entrambe, utilizzando un massimo di spesa di 5000 € ciascuna.

Bonus Verde 2021: foto e immagini

Ecco per te una selezione di alcune foto di giardini, terrazzi, giardini pensili. È il momento giusto di dedicarsi alla riqualifica del tuo spazio verde, utilizzando il Bonus Verde 2021.

 

 

Clelia Ragosta
  • Lingua e letteratura svedese
  • Autore specializzato in Design, Arredamento, Lifestyle
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli aggiornamenti su speciali, guide e novità riguardo il mondo della casa e giardinaggio. Aggiornati dai nostri esperti di botanica e dell'arredo casa.