Un limone per un forno come nuovo

Tiziana Morganti
  • Dott. Storia Moderna
10/09/2022

Basta prendere un recipiente, del succo e metà limone da immergere. Pochi minuti alla massima temperatura ed ecco che il forno utilizzato torna perfettamente igienizzato e pulito.

Limone

Quante volte siete stati tentati di cucinare un pollo arrosto con patate, dei gustosi pomodori con riso od una crostata con la vostra marmellata preferita ma avete rinunciato? A bloccare i vostri entusiasmi culinari sarà stato sicuramente il pensiero, poco invitante, di dover pulire il suo interno una volta terminata la cottura. Perché, siamo onesti, tra le pratiche domestiche, una delle meno apprezzate è sicuramente l’igienizzazione del forno.

Per risolvere questa questione un po’ spinosa, però, è venuto in aiuto quello che può essere considerato come il rimedio della nonna. Per avere un forno sempre all’altezza di normali aspettative igieniche, infatti, è sufficiente armarsi di un limone ed un po’ d’acqua. Con questi due semplici elementi, dunque, si avvia un procedimento grazie al quale è possibile evitare faticosi sfregamenti e, soprattutto, l’utilizzo di prodotti comici ed invasivi. Ma vediamo cosa fare.

Una volta scelto il contenitore più adatto in base alla tipologia del forno in questione, basta mettere al suo interno un po’ di acqua in cui è stato spremuto metà succo. L’altra parte del limone, invece, viene messo nel liquido a pezzi. Il tutto poi, deve essere posto all’interno del forno e mandato alla massima potenza. In questo modo basteranno pochi minuti per far staccare ed evaporare gran parte delle incrostazioni grazie all’azione dell’acido citrico.

Nel caso alcune continuassero a resistere, poi, possono essere velocemente rimosse utilizzando un panno sempre imbevuto dell’acqua e limone, precedentemente utilizzata. Ed ecco che il gioco è fatto.