Minaccia parassiti: ecco la cocciniglia aliena

Pericolo grosso per le pinete del Circeo: una specie sconosciuta di cocciniglia minaccia di infestare gran parte del patrimonio arboreo del parco.

Cocciniglia-tartaruga-del-pino-1-e1633082317390 (1)
cocciniglia aliena del pino del Circeo

Nel Parco del Circeo è stato diramato un allarme per la presenza di una specie aliena di cocciniglia pericolosa per la sopravvivenza delle pinete protette del parco. Proviene dall’America del Nord e si è diffusa con rapidità in tutta Europa, questo insetto sta seminando il panico tra gli operatori ecologici e gli arboricoltori.

Toumeyella parvicornis (questo il suo nome botanico) è semi innocua oltre oceano ma da noi è in grado di scatenare focolai di difficile cura. Secondo Matteo Dalla Valle, l’agronomo che per primo ha dato l’allarme via social tramite la sua pagina Facebook, il parassita è giunto sino a Sabaudia grazie alle auto dei turisti e dei residenti.

Differenti specie di pini dell’area protetta del Circeo hanno riportato danni da aggressione di cocciniglia e già il Lazio aveva varato misure stringenti e tempestive per contenere la diffusione. I danni provocati da questa forma sconosciuta di parassita sono ingiallimenti e caduta aghi, sino alla morte dell’esemplare.

La sottrazione della linfa e la formazione di melata e fumaggine indebolisce la pianta, incapace di effettuare fotosintesi e funzioni vitali. Così nel giro di poco tempo il rischio è quello di assistere a una vera e propria ecatombe di conifere. Tra i più colpiti gli esemplari di Pinus Pinea, veri patrimoni costieri dell’areale in questione. Occorre dunque agire in fretta, per non vedere cambiare il paesaggio del Circeo per sempre.