L’acqua di rose, un regalo fai da te. Scopriamo come

Autore:
Tiziana Morganti
  • Dott. Storia Moderna
13/12/2022

Cento grammi di petali di rose ed acqua distillata. Ecco i due ingredienti essenziali per andare a realizzare questo cosmetico casalingo.

acqua-di-rose
Come fare l’acqua di rose

Il Natale è sinonimo di luci, aggregazione, profumi e dolci. Oltre a questo, poi, c’è anche l’immancabile scambio di regali, croce e delizia per molti. Il problema è che, anno dopo anno, le idee iniziano a scarseggiare, soprattutto per amici intimi e parenti.

A questo punto, una soluzione potrebbe essere pensare ad un dono fai da te che pensasse anche alla bellezza e alla salute della pelle. Stiamo parlando di un prodotto eterno e naturale come l’acqua di rose. Una miscela profumata che, come vedremo, è possibile realizzare facilmente anche in casa.

Ma, prima di procedere, quali sono le proprietà di questo prodotto? Sicuramente rinfrescanti e decongestionanti. Per questo motivo è perfetto da applicare sul contorno occhi, nel caso ci fossero dei rigonfiamenti, o su degli arrossamenti.

Considerati i suoi benefici, dunque, si tratta di un pensiero sempre apprezzato. Ma vediamo come procedere. L’elemento essenziale, ovviamente, sono i petali di rosa che, però, devono assolutamente provenire da una pianta non trattata con agenti chimici. Una volta raccolti, poi, vanno lavati ed asciugati. Terminata questa operazione, poi, si mettono a bollire 250 gr di acqua distillata.

Raggiunto il bollore, si pongono i petali in una ciotola di vetro con coperchio resistente al calore e si versa sopra l’acqua. A questo punto si dovrà lasciare riposare il tutto per una notte prima di filtrare il liquido con l’aiuto di una garza. Il risultato ottenuto, una volta raffreddato, sarà proprio l’acqua di rose.

Ricordate, però, che per darle una conservazione più lunga di dieci giorni è sufficiente aggiungere in preparazione 10 ml di alcool per dolci.