Internet of Things per risparmiare in bolletta

Elisa Cardelli
  • Autore - Laurea in Semiotica
18/10/2022

L’Internet of Things o IoT ha lo scopo di connettere ad internet gli elettrodomestici che per tradizione non sono connessi. Grazie all’Internet delle Cose è allora possibile monitorare i dispositivi e i consumi andando a risparmiare in bolletta.

internet-of-things
Internet of Things

L’aumento delle bollette sta causando grandi problemi a tutti gli italiani e per questo vogliamo suggerirvi un modo alternativo per risparmiare. Grazie all’Internet of Things, infatti, sarete in grado di monitorare i vostri dispositivi e tenere quindi sotto controllo i consumi. Conosciuto anche con l’acronimo IoT, l’Internet of Things risulta essere molto utile per eliminare eventuali sprechi e spendere meno in bolletta.

L’Internet delle Cose aiuta quindi a tenere sotto controllo i consumi indesiderati e dunque risulta davvero utile per non sforare col budget di casa. Gli elettrodomestici che possono sfruttare la tecnologia sono numerosi e in genere capita di usarli tutti i giorni:

  • Caldaia: i modelli di nuova generazione sono predisposti al wi-fi e dunque si possono controllare anche da remoto. Utilizzando lo smartphone, allora, è possibile programmarne l’accensione e lo spegnimento, ma anche controllare i consumi.
  • Lampadine: queste si possono gestire da remoto con applicazioni dedicate. Grazie ad esse non ci sarà il problema di dimenticare le luci accese perché si potranno spegnere da remoto.
  • Tapparelle: grazie all’IoT, esse si possono aprire e chiudere in base alla temperatura esterna.
  • Smart Plug: conosciute come prese intelligenti, sono capaci di monitorare il consumo e la potenza assorbita dai vari dispositivi.