Il kit fotovoltaico di Ikea contro la crisi energetica

Tiziana Morganti
  • Dott. Storia Moderna
16/10/2022

Se avete pensato di utilizzare l’energia solare per sopperire alla crisi energetica ma i costi alti vi hanno frenato, l’azienda svedese ha messo sul mercato una soluzione che potrebbe essere economicamente più abbordabile.

kit-fotovoltaico-ikea

Come affrontare la crisi energetica ampiamente annunciata e che dovrebbe rendere il prossimo inverno un po’ più freddo? Una soluzione d’emergenza potrebbe essere offerta da Ikea che, prendendo come spunto le energie rinnovabili, ha pensato di realizzare un kit fotovoltaico. Ovviamente low cost e, quindi, alla portata di molti. Il progetto è stato portato a termine con la collaborazione dell’azienda specializzata Wölmann e non deve essere certo considerato come una soluzione fai da te. Questo vuol dire che per il montaggio e funzionamento c’è comunque bisogno dell’intervento di un tecnico.

Per capire meglio di cosa stiamo parlando, proviamo ad approfondire il funzionamento. Iniziamo con il dire che il primo passo consiste nell’andare sul sito dedicato all’acquisto del kit per fare richiesta di un preventivo. Fondamentale, infatti, è comprendere se si necessita di quello da 2kW o quello da 3 kW. Una volta ottenuta questa informazione e accettato il preventivo, Ikea invierà a casa tutto il necessario e, ovviamente, anche il tecnico in grado di installare i diversi elementi e sincerarsi del funzionamento.

Stabilito questo, però, a quanto ammonta il costo di un kit fotovoltaico creato da Ikea? I prezzi sono sicuramente più convenienti rispetto ad altri tipi di offerte. Questo, però, non vuol dire che siano economicamente leggeri. Ad esempio, se si desidera acquistare il modello senza sistema di accumulo il prezzo equivale a 2.745 euro. La soluzione con sistema di accumulo, invece, prevede una spesa pari a 6.925 euro. Nel prezzo di entrambi, poi, è previsto anche il sopralluogo e l’installazione. Ricordate, però, che dopo un’eventuale disdetta a preventivo accettato, si dovrà comunque provvedere al pagamento.