Il futuro è già qui: auto elettriche che si ricaricano sull’asfalto

Andrea Proietti
  • Autore - Laurea in Scienze della Comunicazione
11/11/2022

Le auto elettriche vedono un crescente successo ma ci sono problemi sulla presenza di colonnine per la ricarica in tutta Italia. Si sperimenta un metodo innovativo e futuristico, ricaricare mentre si viaggia su un asfalto particolare. Frutto di studi e test specifici sfrutterà la modalità wireless per una serie di miglioramenti anche sotto l’aspetto della qualità durante il viaggio.

electric-car-gf1c741c53_1920

In tanti decidono di passare dalle automobili tradizionali alle vetture elettriche, un segno importante per la riduzione dell’impatto ambientale. Questo però vede anche degli ostacoli come la scarsa presenza in molte zone delle colonnine della ricarica per quanto riguarda la batteria. Come rimediare? In Italia, dove però siamo ancora indietro per quanto riguarda le infrastrutture per veicoli elettrici si sta sviluppando un metodo futuristico, ricaricare l’auto elettrica in movimento senza doversi necessariamente fermare.

Si tratta de “L’Arena del futuro”, un lungo tratto di autostrada A35 Brebemi – Aleatica in cui si testa la modalità elettrica a ricarica wireless. Questo progetto a zero emissioni vede la presenza di specifiche bobine sotto l’asfalto che, al passaggio delle autovetture dotate di apposito ricevitore, trasferiranno energia dall’infrastruttura stradale proprio al motore elettrico della vettura. Una modalità questa che salvaguarda la batteria e allo stesso momento vede l’estensione della sua autonomia.

La sperimentazione “L’Arena del futuro” vede dei test sulle vetture in movimento ma anche in modalità statica oltre ad un asfalto particolare: la sua misurazione sarà di 12 cm e coprirà gli speciali tubi di ricarica. Quest’ultima sarà ad induzione e avrà dei vantaggi come la maggiore efficienza energetica della macchina, l’aumento della durata della batteria e la riduzione del volume della stessa, l’integrazione diretta con fonti di energia rinnovabili e infine, non meno importante, la qualità del viaggio.