E se i fichi non fossero un frutto?

Tiziana Morganti
  • Dott. Storia Moderna
19/09/2022

Siamo abituati ad averli come una presenza breve ma costante sulle nostre tavole dal sapore autunnale. Eppure i fichi non sono un frutto ma un fiore. Vediamo il processo e le fasi che spiegano un’impollinazione ed una germogliazione particolare.

fichi

Tra i frutti più dolci che, solitamente, abbiniamo all’ultima coda dell’estate e all’inizio del periodo autunnale ci sono i fichi. Tra tutte le varietà i più gustosi sono sicuramente i settembrini che, con la loro buccia scura e l’interno zuccherino, nel corso del tempo hanno allietato le merende di molte generazioni. Ma se quello che fino ad oggi abbiamo considerato come un frutto fosse in realtà un fiore? Il concetto può sembrare “rivoluzionario” ma, in realtà, si basa proprio sul tipo di fioritura di questa pianta.

A differenza di quanto accade con il melo e il pesco, infatti, in questo caso i fiori non compaiono esternamente ed in modo del tutto autonomo rispetto ai frutti. Per quanto riguarda il fico, questi sono interni. Nello specifico vuol dire che sbocciano dentro il baccello che, successivamente, andrà a produrre il frutto che mangiamo. In sostanza, dunque, ogni fiore produce un singolo frutto chiamato achene. Ogni fico, poi, è formato da più acheni.

Leggi anche Fico coltivazione

Ma come può un fiore interno nascere attraverso il semplice e naturale processo dell’impollinazione? Ovviamente non può, almeno non grazie al potere del vento. Per questo motivo, dunque, subentra un intervento specifico. Stiamo parlando della presenza di quell’insetto conosciuto anche come la vespa del fico. Il loro rapporto è di dipendenza totale, visto che nessuno dei due può sopravvivere senza l’altro.

In questo caso, infatti, ci troviamo di fronte ad una specie particolare di vespa, la cui larva si trova proprio all’interno di questo fiore/frutto. Un rapporto che la scienza definisce come mutualismo obbligato. In poche parole, dunque, solo questo insetto permette l’impollinazione del fico che, a sua volta, è l’unica fonte di sussistenza della vespa in questione.