E se anche il camino fosse solare? Proviamo a capire

Tiziana Morganti
  • Dott. Storia Moderna
30/10/2022

Direttamente dagli antichi romani e dai persiani arriva questa tecnica di raffreddamento e riscaldamento utilizzando la forza dei raggi solari ed alcuni materiali conduttori.

Camino – solare
Camino solare

Negli ultimi anni si parla sempre di più strutture fotovoltaiche da applicare alle abitazioni per creare energia pulita e del tutto indipendente. Ma se il sole venisse utilizzato anche per creare un camino perfettamente funzionante? La questione può sembrare innovativa ma, in realtà, non lo è assolutamente. Come spesso, accade, infatti, diverse e valide opzioni di energia alternative arrivano direttamente da un passato lontano in cui l’elettricità non era certo un elemento presente ed essenziale.

Per quanto riguarda, dunque, l’idea di un camino solare lo spunto è stato preso addirittura dai Romani e dagli antichi persiani, che utilizzavano questo sistema all’interno delle proprie abitazioni. Stabilito ciò, dunque, vediamo nel dettaglio come dovrebbe essere composto un camino solare.

Le parti fondamentali sono tre: uno spazio per raccogliere calore simile ad una canna fumaria, un pozzo per la ventilazione e un condotto che serve a far fluire l’aria. Ma come funziona nella pratica? Durante le ore del giorno il calore che viene assorbito ed accumulato crea quella che viene definita come corrente ascensionale. Questo vuol dire che l’aria calda sale verso l’alto e contribuisce a raffreddare gli ambienti.

Per sfruttare al massimo il suo funzionamento, poi, il camino deve essere costruito sulla parte più illuminata della casa, prestando attenzione alla grandezza della superficie preposta all’assorbimento. Inevitabile, dunque, che anche i materiali scelti siano importanti, come delle pareti in vetro che fanno filtrare la luce ed elementi in vernice nera per favorire l’assorbimento del calore.

Oltre ad essere un efficace mezzo di rinfrescamento, però, questo camino riesce anche a riscaldare. È sufficiente inserire quello che viene definito come muro di Trombe. Si tratta di una parete in pietra o calcestruzzo che, grazie ad una lastra di vetro messa in esterno, raccoglie i raggi solari e sfrutta l’effetto serra. In questo modo, dunque, gli ambienti nelle vicinanze vengono riscaldati attraverso il calore raccolto durante la giornata.