Cosa non conservare sotto il lavello della cucina

Tiziana Morganti
  • Dott. Storia Moderna
19/10/2022

Scatole di cartone, strofinacci, patate e cipolle. Ecco i quattro elementi che proprio non devono essere sottoposti all’umidità inevitabile di questo spazio.

Patate
Patate e strofinaccio

Si sa che in casa lo spazio non basta mai. Per questo motivo si cerca di sfruttare ogni ripiano possibile, anche quelli meno in vista o nati per altri scopi. Uno di questi, ad esempio, è il vano presente sotto al lavello. Un luogo che, soprattutto in caso di una cucina piccola, viene sfruttato per riporre diversi oggetti che, altrimenti, renderebbero l’ambiente esterno troppo caotico.

Nonostante questa abitudine, però, è bene sapere che alcuni oggetti sarebbe meglio non lasciarli troppo a lunghi nel mobile al di sotto del proprio lavello. Per quale motivo? Sicuramente la possibilità non remota d’incorrere in problemi idraulici o piccole perdite. Il che vuol dire rendere l’ambiente potenzialmente umido e, proprio per questo motivo, non adatto a mantenere e contenere alcuni materiali nel migliore dei modi. Per capire meglio, però, vediamo cosa evitare assolutamente.

Il primo oggetto che proprio non deve essere riposto al di sotto del lavello della cucina sono le scatole di cartone. Proprio a causa di piccole perdite d’acqua, infatti, queste corrono il rischio d’inumidirsi e non conservare al meglio gli alimenti o gli oggetti contenuti. Contrariamente, invece, possono essere usati metalli, plastica riciclata o tessuto impermeabile.

Altro oggetto assolutamente off limits sono gli strofinacci. Questi, conservati nel mobile sotto il lavello possono subire gli effetti negativi dell’umidità. Il che vuol dire venire a contatto con tutti i batteri che in un ambiente in queste condizioni proliferano senza sosta. Inutile dire, dunque, che sarebbe poco igienico e salutare usarli per asciugarsi le mani o pulire le superfici della propria cucina.

Chiudiamo questa breve lista con due alimenti di uso comune nella cucina. Stiamo parlando di patate e cipolle. Per quale motivo evitare di riporle sotto il lavello? In entrambi i casi la condizione migliore richiede un ambiente asciutto. Per questo motivo, dunque, si consiglia di utilizzare un sacchetto di iuta o in retina in grado di far passare l’aria. Per quanto riguarda, poi, l’ambiente giusto è una cantina o un ripostiglio.