Come risparmiare acqua; ecco alcuni consigli

Tiziana Morganti
  • Dott. Storia Moderna
15/09/2022

Chiudere i rubinetti mentre ci laviamo i denti, innaffiare il giardino nelle ore meno calde e avviare la lavatrice sempre a carico pieno. Ecco alcuni consigli per ridurre lo spreco d’acqua durante i mesi estivi.

risparmio-acqua

Quando le temperature si fanno più alte e l’afa non aiuta a sostenere anche la più semplice quotidianità, il consumo dell’acqua aumenta notevolmente. Si tratta di un rapporto e di una causa effetto che ormai si nota da molto tempo a cui si dovrebbe prestare particolare attenzione.

Le nostre risorse idriche non sono certo illimitate, soprattutto in periodi in cui la siccità potrebbe rappresentare più di una semplice possibilità.  A questo punto, dunque, cosa fare nel proprio piccolo per riuscire a moderare questo consumo pur soddisfacendo le proprie esigenze? Sicuramente più di quanto non si possa credere.

Iniziamo con il dire che non si tratta certo di gesti eclatanti ma di piccole attenzioni che, se moltiplicate per un numero consistente di persone, possono mostrare dei risultati effettivi. Una di queste potrebbe coinvolgere il momento dedicato alla cura personale. Questo vuol dire, in sostanza, che quando facciamo una doccia, ci laviamo le mani o i denti, dovremmo fare attenzione a non far scorrere l’acqua inutilmente nel momento in cui ci stiamo insaponando. Ed ecco che una semplice chiusura del rubinetto, per una riapertura ad hoc nel momento opportuno, può produrre i suoi risultati.

Durante i mesi estivi altre due attività sono alla base di un grande consumo d’acqua. Stiamo parlando dell’innaffiatura del giardino e dell’avvio di lavatrici. Come agire in questo senso senza lasciar morire di stenti le proprie piante e garantendo la pulizia di abiti e biancheria? In entrambi i casi è sufficiente prestare un minimo di attenzione e modificare di poco alcune consuetudini.

Per quanto riguarda il giardino, ad esempio, è sufficiente innaffiare la mattina presto o la sera dopo che il sole è calato. In questo caso l’acqua non evapora velocemente e non c’è bisogno di una lunga irrigazione. La lavatrice, invece, è di per se una limitazione allo spreco di acqua rispetto al lavaggio a mano. Nonostante questo, però, è bene mandarla sempre a carico pieno per ottimizzarne l’uso.