Mammografia tradizionale e digitale

Laura Bennet
  • Dott. in scienze biologiche

Cos’è la mammografia tradizionale e quella digitale e quali sono le differenze? Quando fare la mammografia? Seno piccolo come fare? Legame tumore e grandezza del seno? Durata e costo della diagnosi

Il tumore al seno, una malattia frequente nelle donne si previene con stili di vita sani, diagnosi preventiva e precoce mediante la mammografia tradizionale analogica e quella digitale.

mammografia-tradizionale-digitale

Cos’è la mammografia tradizionale

La mammografia o esame mammografico è una radiografia che viene eseguita mediante 2 proiezioni su ciascun seno.

Si tratta di un esame indolore ma leggermente fastidioso in quanto la mammella posta su un apposito sostegno viene compressa da un piatto plastico.

Questa indagine strumentale evidenzia formazioni neoplastiche, qualora presenti, anche di piccolissime dimensioni e consente  quindi un intervento precoce con cure mirate e meno aggressive.

Quando fare la mammografia

In assenza di fattori di rischio e sintomi (noduli o ispessimenti mammari) la mammografia va fatta dopo i 40 anni di età e ripetuta almeno ogni 2 anni fino ai 50 anni.

Dopo i 50 anni la mammografia va ripetuta invece almeno ogni 2 anni.

In presenza di fattori di rischio come predisposizione genetica, familiarità, assenza di figli, obesità, menarca al di sotto degli 11 anni e menopausa dopo i 55, la mammografia va effettuata anticipatamente e sempre ogni 2 anni.

In caso di patologie all’utero, tumori ovarici va eseguita invece 1 volta all’anno.

mammografia-cancro

Mammografia digitale

La mammografia digitale è un tipo di mammografia in cui l’immagine della mammella viene trasmessa in tempo reale ad un computer.

A differenza della mammografia tradizionale analogica questo tipo di mammografia è meno invasiva ma più costosa,e permette di distinguere meglio la consistenza dei tessuti.

Generalmente si esegue di solito dopo quella classica in donne che hanno mammelle molto dense in cui la parte ghiandolare è predominante rispetto alla parte tissutale.

E’ consigliabile eseguire la mammografia nella prima metà del ciclo ossia tra la fine del ciclo mestruale e l’ovulazione.

Non va eseguita durante la gestazione, quindi durante la gravidanza, perchè le radiazioni potrebbero arrecare danno al feto.

4.0.4

Durata della mammografia

Il tempo previsto per la mammografia varia dai 10 ai 15 minuti.

Costo

E’ un esame che si esegue previo pagamento del ticket 34,86 euro presso le strutture pubbliche.

Per le donne che hanno superato i 50 anni di età è invece gratuita se eseguita ogni 2 anni.

Legame tumore e grandezza del seno e tumore

Non esiste una relazione che leghi la probabilità di sviluppare tumori in base alla grandezza del seno e quindi non è detto che un seno grande comporti maggiori pericoli.

Grandezza del seno e mammografia

La grandezza del seno, ossia se si ha un seno piccolo non crea problemi alla diagnosi.

Eventuali difficoltà potrebbero esserci in caso di autopalpazione che è più difficile in un seno grande.

Cose da sapere

Noduli al seno

Cancro al seno prevenzione