Farro: proprietà, benefici e uso in cucina

Il farro è un cereale dalle origini antiche che ancora oggi si consuma molto sulle nostre tavole. Data la sua lunga storia secolare, il farro viene definito “grano antico”, il cui termine si riferisce in particolare a quei tipi di cereali che esistevano già prima della lavorazione del grano a livello industriale e con il supporto di macchinari moderni. Ciò significa che questi cereali hanno conservato la loro tipicità, senza subire modifiche o alterazioni dalla mano dell’uomo. Sono cereali che generalmente vengono macinati a pietra, una lavorazione antica che li rende sicuramente più autentici e digeribili con una percentuale di glutine inferiore rispetto ai cereali comuni.

Farro

Il farro, da studi di ricerca e fonti certe, si riscontra che venisse consumato già durante l’era del Neolitico e successivamente si appurò che fosse il cereale più usato dalle legioni romane per i pasti quotidiani, capace di donare energie e sostentamento per le lunghe battaglie e garantire lo sforzo fisico.

Tipicamente il farro in natura, si distingue in tre diverse tipologie: il farro piccolo, detto anche monococco, il farro medio, chiamato anche dicocco e il farro grande, detto anche spelta. Queste tre tipologie di farro hanno subito questa distinzione da parte degli studiosi, perchè suddivisi e ripartiti in base all’epoca e alla zona di coltivazione: il farro monococco è notoriamente il cereale più antico tra i tre ed è il meno coltivato attualmente, quello medio coincide solitamente con quello che oggi giorno portiamo sulle nostre tavole ed è tra le tipicità più coltivate in Italia. Il farro spelta, non presenta coltivazione in territorio italiano, bensì predilige le zone più aride e si coltiva generalmente nelle zone interne dell’Europa Centro Orientale e sulle colline francesi.


Leggi anche: Le 10 case più antiche del mondo

Farro

Farro: valori nutrizionali, proprietà e benefici

Come vuole la tradizione, visto il suo uso diffuso in epoca romana, il farro è tra i cereali antichi che passa spesso sotto la dicitura di “cibo dei legionari”, proprio perchè considerati i suoi importanti valori nutrizionali e la carica di energia fornita dai principi in essi contenuti, forniva il sostegno alimentare necessario e indispensabile per i soldati dell’antica Roma.

Il farro è un alimento sano e salutare, estremamente nutriente e all’interno dei chicchi, lunghi e coriacei, si racchiudono molteplici elementi benefici per il corretto funzionamento del nostro organismo, oltre a fornire tutta una serie di nutrienti importanti e funzionali per il benessere del corpo. Il farro, infatti, è un ottimo alleato dell’intestino, è capace di sollevare stati conclamati di stipsi. Contiene pochissime calorie e grassi ed ha un alto contenuto proteico, ricco di fibre è un valido alimento in grado di apportare all’organismo buoni livelli di calcio, fosforo e potassio.

Grazie alle sue preziose proprietà aiuta a ridurre il rischio di arteriosclerosi, e riesce a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo controllando anche il diabete. Disponendo naturalmente di un basso contenuto di glutine, è più digeribile rispetto ad altri cereali e può essere utilizzato i cucina per molte ricette, non solo della tradizione, ma anche ricette originali, fresche e salutari.

Farro

Farro: usi in cucina

Quando si acquista il farro bisogna fare attenzione al tipo di cereale che state portando in tavola. In base alla sua lavorazione, la destinazione del piatto sarà senz’altro diversa, ma soprattutto in base al modo in cui viene lavorato il farro prevede diversi tipi di cottura oltre che tempi completamente distinti.


Potrebbe interessarti: 8 Soluzioni di arredo per case con pavimento di mattonelle antiche

In commercio si può, dunque, trovare il farro decorticato, i cui semi vengono privati della corteccia esterna da cui si ricava il chicco e ben si presta per la preparazione di zuppe e minestre. Ottimo e gustoso è il farro perlato, i cui semi vengono lavorati fino a renderli lisci e setosi ed è perfetto per risotti o insalate a freddo. Infine, c’è il farro macinato, i cui chicchi vengono trasformati in farina da impiegare per diversi usi come pane o dolci.

Grazie al suo sapore autentico e delicato, il farro si presta benissimo ad accompagnare ottimi secondi di carne o pesce, o abbinato a legumi e verdure. Perfetto per le zuppe il farro è sicuramente più indicato nei mesi invernali, ma la sua bontà si può apprezzare anche gustato a freddo in ottime e salutari insalate estive, dal sapore fresco e originale.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Farro

Farro proprietà, benefici e uso in cucina: foto e immagini

Raffaella Gambardella
  • Laureata in Lingue Straniere per la Comunicazione Internazionale
  • Docente di Lingua Spagnola
  • Autore specializzato in Ricette, Cucina, Fotografia
Suggerisci una modifica